Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ricongiungimento familiare: – – Abbiamo perso quattro anni

Per diversi anni, la danese Zahra Rezaei (31 anni) ha cercato di riportare il marito a casa in Danimarca.

Ora il marito è finalmente tornato a casa sua in Danimarca, ma questo è successo solo dopo i giornalisti del quotidiano danese Lama extra Rivedere la situazione e contattare le autorità.

Deve risultare che è stato commesso un errore, quando il marito afghano di Zahra, Hossein Ahmadi (32 anni), ha chiesto un visto per la Danimarca per soddisfare i requisiti di ricongiungimento familiare nel 2017.

A causa di un malinteso e di un errore delle autorità, la coppia è separata da più di quattro anni.

Ciò ha avuto conseguenze disastrose per la piccola famiglia che vive nella città di Aarhus.

– Troppo estremo

– Abbiamo perso quattro anni insieme a causa di un errore di visto. Soddisfiamo tutti i requisiti per il ricongiungimento familiare, dice Zahra a Dagbladet.

La stessa Zahra è arrivata in Danimarca dall’Afghanistan quando era bambina. Da allora, è andata a scuola e si è istruita ed è diventata cittadina danese.

Oggi lavora a Skødstrup per diventare medico.

Dr.: Zahra Rezaei, 31 anni, lavora quotidianamente come medico.  Foto: privato
Legge: Zahra Rezaei (31 anni) lavora quotidianamente come medico. Foto: privato
Mostra di più

Mentre la 31enne si stava formando come medico, suo marito Hussein ha dovuto combattere una lunga battaglia per arrivare in Danimarca.

Nel frattempo, Zahra ha dato alla luce il figlio della coppia, Abbas. A Hussein non è stato permesso di entrare in Danimarca quando suo figlio è nato nel 2019.

– In realtà è piuttosto estremo e imbarazzante, perché come cittadina ho contribuito alla società nel corso degli anni, e poi succede questo, dice.

È il giornale danese Lama extra Chi ha scritto il caso per primo?

Difficile da incontrare

Zahra e Hussein si sono incontrati durante un viaggio quando erano giovani.

La coppia ha continuato a comunicare nonostante la distanza tra loro e si è sposata in Iran nel 2014.

Hussain ha studiato per diventare farmacista in Afghanistan, mentre Zahra ha studiato medicina all’Università di Aarhus.

Poiché Zahra è cittadina danese, per entrambi è nato il sogno di una vita comune a casa in Danimarca.

Famiglia: La coppia ha un figlio insieme.  Hossein Ahmadi, 32 anni, ha incontrato suo figlio per la prima volta all'inizio del 2021, a causa della pandemia di Corona.  Poi ha vissuto in un campo profughi in Grecia.  Foto: privato
famiglie: Insieme, la coppia ha un figlio. Hossein Ahmadi, 32 anni, ha incontrato suo figlio per la prima volta all’inizio del 2021, a causa della pandemia di Corona. Poi ha vissuto in un campo profughi in Grecia. Foto: privato
Mostra di più

– Fino al 2021 ero ancora in fase di formazione medica e c’erano molti corsi obbligatori. Pertanto, è stato generalmente difficile per noi incontrarci, dice e aggiunge:

È stato molto difficile pianificare i viaggi, soprattutto negli ultimi anni con Corona. Non potevamo fare altro e la situazione era molto chiusa.

soddisfare i requisiti

Nel 2017 la coppia ha chiesto per la prima volta il ricongiungimento familiare. Quindi hanno soddisfatto tutti i requisiti che le autorità avevano per il ricongiungimento familiare, tranne uno.

READ  Corona in Vietnam: - Potrebbe essere un disastro

Hussain non era mai stato in Danimarca prima, quindi ha dovuto richiedere un visto per ottenere l’approvazione per il ricongiungimento familiare.

Di solito, viene approvata una domanda di visto per la Danimarca, se il motivo è che si richiede il ricongiungimento familiare e quando si soddisfano i requisiti in caso contrario.

Tuttavia, Hussein è stato respinto perché l’ambasciata in Iran aveva chiuso un occhio sul fatto che stava chiedendo un visto per il ricongiungimento familiare. Questo è successo anche se Zahra l’ha scritto come giustificazione nella sua domanda di visto.

È nata sola: Zahra ha incontrato il figlio della coppia Abbas da solo, perché Hussein non ha ricevuto una domanda di visto per la Danimarca.  Foto: privato
Nato da solo: Zahra ha incontrato il figlio della coppia Abbas da solo, perché Hussein non ha ricevuto una domanda di visto approvata per la Danimarca. Foto: privato
Mostra di più

Quindi la coppia ha pensato che il rifiuto non avesse nulla a che fare con loro e ha scelto di non lamentarsi.

Leggi il commento delle autorità in modo più dettagliato sul caso.

La relazione è continuata a distanza, ma all’inizio del 2019 Zahra è rimasta incinta.

Pertanto, Hussein ha nuovamente cercato di richiedere un visto, in modo da poter assistere al parto. Il suo visto è stato nuovamente negato e Zahra ha dovuto dare alla luce suo figlio da sola.

Dopo che mio figlio è nato il 13 novembre, ha incontrato suo padre solo tre volte prima d’ora, dice Zahra a Dagbladet.

Vive nel campo di Moria

Dopo che la coppia ha appreso che Zahra era incinta, è stato necessario portare Hussein in Danimarca in modo che potesse assistere al parto.

Pertanto, Hussein ha nuovamente chiesto un visto. Poi è stato respinto di nuovo, ma ora il motivo è che è passato molto tempo da quando la coppia ha chiesto il ricongiungimento familiare.

Così Hussein divenne disperato, pensando di non avere altro da perdere. Pertanto, ha deciso di lasciare l’Afghanistan e persino di fare un viaggio in Danimarca.

Hussein è stato poi bloccato in Grecia, dove è stato rinchiuso nel campo profughi di Moria senza il passaporto, che ha perso durante il viaggio.

“Sono stati dei momenti difficili per lui, e mi ha detto che era contento che io e mio figlio non fossimo lì”, ha detto Zahra a Dagbladet.

Da quando è iniziato l’incendio del campo di Moria nel settembre 2020, Hussein è stato costretto a vivere per le strade di Atene per diverse settimane.

– Mio figlio ed io siamo andati e abbiamo incontrato mio marito in Grecia nel febbraio 2021. Era la prima volta che mio marito incontrava suo figlio, dice.

READ  Deve comparire in tribunale

Nel 2020, la coppia ha nuovamente chiesto il ricongiungimento familiare, ma è stato respinto nel gennaio 2021 perché Hussain non era in Danimarca.

La visita: Zahra ha portato suo figlio Abbas in Grecia e Hussein è stato permesso di uscire dal campo di Moria per salutare suo figlio.  Foto: privato
Visitare: Zahra portò suo figlio Abbas in Grecia e a Hussein fu permesso di uscire dal campo di Moria per salutare suo figlio. Foto: privato
Mostra di più

– Nuova vita

Dopo che Ekstra Bladet ha contattato le autorità a giugno, Hussain ha ottenuto un visto di soggiorno in Danimarca.

Il 16 luglio, Hussein è arrivato all’aeroporto di Copenaghen, dove Zahra e suo figlio Abbas hanno aspettato un anno e mezzo con dei fiori.

– Abbiamo le lacrime agli occhi. È l’inizio di una nuova vita per entrambi insieme, ma è anche l’inizio di un’attività più lunga con il ricongiungimento familiare, dice a Dagbladet, aggiungendo:

– Ora abbiamo un po’ di pace dentro di noi, ed è così dolce che finalmente è a casa.

Zahra è preoccupata che suo figlio e suo padre debbano avere una forte relazione tra loro, ed è felice che possano finalmente stare insieme.

– Mio figlio è molto felice che papà sia finalmente tornato a casa. Posso vederlo chiaramente e notarlo, dice a Dagbladet.

Moria: Circa 13.000 persone avevano Moriah come loro dimora temporanea. I profughi, che avevano già vissuto in condizioni molto difficili, erano ora senza un posto dove stare dopo il violento incendio notturno. Video: Stand by me Lesbo
Mostra di più

– Non stava prestando attenzione

Quattro anni dopo che la coppia ha chiesto il ricongiungimento familiare, il marito di Zahra è tornato in Danimarca.

Dopo aver chiesto informazioni al quotidiano Ekstra Bladet, il servizio di immigrazione danese ha affermato di non essere a conoscenza di cosa sia andato storto durante l’elaborazione del visto. Si scusano, il servizio di immigrazione danese ha scritto a Extra Bladet.

A Dagbladet, il Ministero degli Affari Esteri e il Servizio danese per l’immigrazione scrivono un commento congiunto sul caso.

– L’ambasciata danese in Iran ha rifiutato di concedere il visto al richiedente a settembre e ottobre 2017. Il richiedente non ha notificato all’ambasciata il rifiuto del ricongiungimento familiare e il rifiuto non era correlato alla domanda. Il coniuge del richiedente ha risposto “no” alla domanda se ci siano circostanze speciali che dovrebbero essere prese in considerazione durante l’elaborazione della domanda, le autorità scrivono a Dagbladet.

Inoltre, hanno scritto a Dagbladet che nella domanda di visto non risultava che la coppia avesse recentemente rifiutato il ricongiungimento familiare.

Ma a Ekstra Bladet, le autorità hanno scritto che Zahra ha dichiarato nel 2017 che le era stato recentemente rifiutato il ricongiungimento familiare. Non lo stanno scrivendo a Dagbladet ora.

– Sfortunatamente, sembra che l’ambasciata non fosse a conoscenza di ciò in termini di gestione del caso. Di conseguenza, l’Ambasciata ha valutato nel 2017 che il richiedente non soddisfaceva i requisiti di base per ottenere un visto.

READ  Joe Biden e Kamala Harris -

Dopo il mio rifiuto del visto nel 2017, sono state presentate prove di ricorso, ma le decisioni non sono state successivamente impugnate, secondo le autorità. Ciò è stato confermato anche da Zahra a Dagbladet.

Una nuova vita: dopo diversi anni di separazione, la coppia si è finalmente avvicinata e ha sognato di vivere insieme in Danimarca.  Foto: privato
Nuova vita: Dopo diversi anni di separazione, la coppia ha finalmente avvicinato il sogno di vivere insieme in Danimarca. Foto: privato
Mostra di più

Nessuno ha trovato l’errore

Zahra Dagbladet ha raccontato che poiché la coppia ha chiesto il ricongiungimento familiare, è stata aiutata dalla consulenza legale di due società.

– Entrambi hanno promesso che avrebbero portato mio marito in Danimarca. Nessuno di loro ha trovato cosa è andato storto con il visto. Dice a Dagbladet che è stato solo quando alcuni bravi giornalisti si sono seduti a Ekstra Bladet e hanno iniziato a indagare sul caso che è stato trovato l’errore, e aggiunge:

– È semplicemente imbarazzante che due avvocati non riescano a trovare questo difetto, perché è il loro lavoro.

Dagbladet è stato in contatto con Nem Familiesammenføring, che aiuta con l’assistenza legale per le persone che cercano il ricongiungimento familiare, e lo studio legale René Schack.

La prima ha fornito consulenza legale nel caso dal 2016 al 2018. Renee Schack rappresenta Zahra dal 2020.

– problema

– Dopo che Zahra è finita con noi nel 2018, ci ha scritto che pensava che avessimo fatto quello che potevamo. Abbiamo anche segnalato l’errore alle autorità nel 2017. Tuttavia, non è successo nulla prima che i giornalisti contattassero le autorità, afferma Charandeep Singh della famiglia Nim a Dagbladet.

L’avvocato Renee Schack ha scritto in una e-mail a Dagbladet che quando il caso è arrivato nel suo ufficio un anno fa, si trattava del ricongiungimento familiare, non di un visto.

Ha inoltre scritto che quando ha appreso che la gestione del caso dell’avvocato era ora correlata al visto, ha pensato che fosse difficile che Hussein non fosse in linea di principio in grado di contattare un rappresentante danese, poiché si trovava in un campo profughi.

– Sono molto contento per conto del cliente, perché Hussain è ora in Danimarca. Anche perché ho passato molto tempo a trovare una soluzione che le autorità potessero accettare. La mia esperienza è che a volte può aiutare la causa, se mi rivolgo ai giornalisti. Altre volte non è appropriato, ed è impossibile prevedere quale direzione possa prendere il caso. Shaq scrive anche perché la questione può diventare politica in qualsiasi momento.