sabato, Giugno 22, 2024

Russia, Gazprom | I numeri rosso sangue rivelano il vero costo della guerra di Putin

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".





La Gazprom di proprietà statale ha subito un duro colpo nel 2023. I conti mostrano che la compagnia russa del gas ha subito una sbalorditiva perdita netta di 629 miliardi di rubli nel 2023, l’equivalente di 75 miliardi di corone norvegesi al tasso di cambio odierno.

Gazprom aveva il monopolio sul pompaggio del gas russo sul mercato europeo. Ma l’invasione dell’Ucraina nel 2022 e le successive sanzioni occidentali hanno causato alla società enormi perdite finanziarie.

“I risultati finanziari di Gazprom nel 2023 sono i peggiori degli ultimi 25 anni, rivelando i veri costi della guerra russa per il colosso russo del gas che non ha mercati esteri alternativi per le sue forniture”, ha scritto Jacob M. Godzimirski nel suo articolo. X.

Godzimirski è un ricercatore senior presso Nobi e si occupa di ricerche sulle relazioni russe da diversi decenni.

Storicamente, negli ultimi decenni un terzo della produzione di gas russa è stata esportata all’estero a causa della mancanza di un mercato sufficientemente ampio all’interno della Russia. Gazprom esporta tra 150 e 200 miliardi di metri cubi all’anno attraverso diversi gasdotti costruiti tra i giacimenti di gas russi e l’Europa, dice Godzimirskiy a Netavisyn.

Leggi anche

Macellato: – pancia pancia

– La barba è nella cassetta della posta

Godzhimirsky afferma che Gazprom ha iniziato a inchinarsi all’inizio del 2020 a causa della pandemia, ma afferma che sono state la guerra in Ucraina e le sanzioni occidentali a causare lo shock.

Dagli anni ’80, la Russia si è concentrata sullo sviluppo di infrastrutture con l’obiettivo di collegare i grandi giacimenti di gas della Siberia occidentale ai clienti in Europa, ma non è stata disposta a costruire infrastrutture per altri mercati. Dice che quando l’Occidente ha imposto sanzioni alla Russia dopo aver invaso l’Ucraina nel 2022, la Russia è rimasta senza barba nella cassetta delle lettere perché non aveva mercati per il suo gas.

READ  Israele: rimosso dal curriculum

Secondo i calcoli Reuters Le forniture di gas naturale all’Europa sono diminuite del 55,6% nel 2023.

Godzimirski afferma che Gazprom ha guadagnato la maggior parte dei suoi soldi vendendo gas specificatamente al mercato europeo, che a sua volta ha sovvenzionato il gas per il mercato locale.

– Quando questi mercati europei sono scomparsi, Gazprom ha dovuto ingoiare molti cammelli e ha perso molti soldi. Dice che la Russia esporta parte del gas in Cina attraverso il gasdotto Power of Siberia, che va dalla Siberia orientale alla Cina.

– Ma questi giacimenti di gas non sono gli stessi giacimenti di gas che rifornivano il mercato europeo. Ciò significa che il gas estratto da questi grandi giacimenti in Occidente non può raggiungere altri mercati, afferma Godzimirski.

– Cosa significa questo per Putin e la sua guerra?

– Ciò significa perdita di reddito. Quando Gazprom va in perdita, si pagano meno tasse. Ma il gas non è la fonte di reddito più importante per la Russia. Secondo lui il petrolio è la fonte di reddito più importante per lo Stato russo.

Godzimirski afferma che trasportare il petrolio via nave è più semplice che trasportare il gas via nave.

Secondo lui la Russia è riuscita ad aggirare le sanzioni occidentali imposte sul trasporto del petrolio russo utilizzando le cosiddette “flotte ombra”. Ciò significa che centinaia di petroliere navigano sotto il radar delle sanzioni e consegnano petrolio a potenziali clienti.

– Dice che c’è ancora molta strada da fare prima che il tesoro russo sia vuoto.

Leggi anche

Jens Stoltenberg a Kiev: – Non hanno mantenuto ciò che avevano promesso

READ  Il ministro dell'Interno britannico si è dimesso

– La prima perdita annuale dagli anni ’90

risultati operativi (I calcoli di Reuters mostrano un calo da 2.790 miliardi di rubli (circa 332 miliardi di corone norvegesi) nel 2022 a 618,38 miliardi di rubli (circa 73 miliardi di corone norvegesi) nel 2023.

secondo ReutersSecondo l’analisi, questa è la prima perdita annuale di Gazprom dalla fine degli anni ’90. Nel 2022 la società ha realizzato un utile netto di 1.200 miliardi di rubli (che equivalgono a circa 142 miliardi di corone norvegesi).

Gazprom è stata una delle aziende russe di maggior successo dopo la caduta dell’Unione Sovietica ed è stata utilizzata, tra le altre cose, come leva per risolvere le controversie con, ad esempio, l’Ucraina e la Moldavia. Guardiano.

More articles

Latest article