lunedì, Luglio 15, 2024

Russofobia e/o ucrainofilia? – steigan.no

Must read

Ernesto Conti
Ernesto Conti
"Scrittore. Comunicatore. Drogato di cibo pluripremiato. Ninja di Internet. Fanatico della pancetta incurabile."

Illustrazione di Terje Sorensen

Terje Sorenson, avvocato in pensione, lettore post.

Il 24 febbraio 2022 non è diventata una data successiva in cui le autorità e i media mainstream decideranno apertamente e presenteranno pubblicamente le loro opinioni su chi è colpevole e chi è innocente di quanto accaduto in Ucraina.

I social media sono stati improvvisamente inondati da nuove immagini di copertina e profilo con i colori della bandiera ucraina. Ovviamente non posso confermare la mia opinione che tutti questi nuovi film siano basati sul sostegno/simpatia per l’Ucraina e/o sull’odio/antipatia per la Russia, ma penso che sia molto probabile.

Ma almeno quelli che conosco, che hanno cambiato le loro varie immagini, credo pienamente il 24/25. Sostegno/simpatia per l’Ucraina e/o odio per la Russia, o come dice il titolo – idee come russofobia e/o ucrainofilia – mancano di una conoscenza sufficiente dei fatti nel marzo 2022.

Mi considero una persona ordinaria competente e ordinaria illuminata, e le date menzionate sono alla ricerca di una conoscenza fattuale sufficiente su cose che mi darebbero una ragione valida per dire qualcosa pubblicamente sull ‘”Ucraina”. Gli editori di libri digitali, tra cui “Amazon”, hanno guadagnato dei soldi dai libri che ho comprato e letto. Intendo”Come l’Occidente ha portato la guerra in Ucraina» Benjamin Abelov e «Il conflitto Russia-Ucraina è semplice» David Borisova. Inoltre, sono sommerso da uno tsunami di rappresentazioni cartacee e audiovisive dei media mainstream e cerco attivamente dibattiti pertinenti nei media non mainstream.

Ma ancora oggi, a più di un anno dall’attacco della Russia all’Ucraina, non riesco a trovare risposte decisive e definitive su chi sia colpevole/innocente. Tuttavia, ci sono alcuni fattori di base di cui sono sicuro finora:

READ  Erling Pratt Holland ha riferito di aver firmato un accordo di lusso con la più grande casa di moda del mondo.

Un fattore che capisco è che la Russia non può accettare che un altro paese vicino diventi membro della NATO. Questa è l’opinione e la posizione che ho tenuto e reso pubblico da tempo. Ciò giustifica l’attacco della Russia all’Ucraina, tuttavia, non credo.

Un altro fattore è che la maggior parte delle persone nelle parti orientali dell’Ucraina, tra cui Donetsk Oblast e Luhansk Oblast, sente uno stretto legame con la Russia e i russi e ha il russo come lingua madre. Tuttavia, questo da solo non è motivo per loro di eccitarsi. Ci sono molti paesi e regioni nel mondo in cui la multilingua e/o la multietnicità è vera. Sono stato molte volte in Svizzera, che ha quattro lingue ufficiali: tedesco, francese, italiano e romancio. Il Belgio, che conosco bene, ha tre lingue ufficiali: olandese, francese e tedesco. Ho vissuto 11 anni stabilmente e 4 part-time nella zona di confine a nord della Germania, a un paio di chilometri dalla Danimarca. In danese si chiama Sydslesvig, in tedesco è spesso Schleswig e forse Südschleswig. Oggi una minoranza di lingua danese di circa 50.000 membri vive nella regione dello Schleswig meridionale. Tra le altre cose, hanno le loro scuole, biblioteche e chiese. Parlano una forma distinta di danese chiamata Schleswig meridionale. Alcuni parlano ancora il vecchio dialetto dello Jutland meridionale. Hanno anche il loro giornale, a cui ci siamo abbonati quando vivevamo a Flensburg Avis.

È vero che ci sono alcuni piccoli attriti tra i vari gruppi linguistici/etnici nei paesi/regioni menzionati, ma nel complesso vivono in pace e tolleranza l’uno con l’altro.

I problemi con lingue diverse all’interno di paesi/territori sono più pronunciati di fronte a problemi diversi.

READ  Gavani ha parato un pareggio per lo United

Sono un germanofilo e conosco bene la storia della Germania. Preludio alla seconda guerra mondiale, tra gli altri, parte «Sudeti“Poi la Cecoslovacchia e la Regione”Corridoio polacco“Polonia. Entrambi avevano un numero significativo di persone di lingua tedesca che non erano trattate bene dalle autorità cecoslovacche o polacche, e le persone di lingua tedesca sarebbero tornate in Germania. Come gli storici sanno, fu fatto un accordo tra la Germania e diversi paesi che la I Sudeti dovevano essere restituiti, e questo era vero, ma ciò non accadde al corridoio tedesco e spinse Inghilterra e Francia a dichiarare guerra alla Germania il 3 settembre 1939.

Quindi torniamo in Ucraina.

Da un lato è vero che i rapporti tra i russofoni nell’Oblast di Donetsk, nell’Oblast di Luhansk e soprattutto nella parte occidentale dell’Ucraina non sono buoni o inesistenti. Chi è colpevole/innocente, non lo so per certo – sto per scoprirlo.

Questo è più o meno il mio punto di vista quando si parla di “Ucraina”.

Mi chiedo se molte persone che hanno cambiato con entusiasmo la loro copertina e le foto del profilo con i colori ucraini potrebbero essere un po’ più scettiche riguardo alla loro ucrainofilia quasi indivisa e/o hanno espresso russofobia. I colori della bandiera ucraina nelle immagini sono significativamente più bassi oggi rispetto a un anno fa.

Terje Sorensen

Avvocato in pensione

PropagandaSupportaci

More articles

Latest article