Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Sarà sanguinoso – VG

Talebani rossi: guerrieri della cosiddetta “unità rossa” dei talebani, fotografati nella provincia di Laghman nel marzo dello scorso anno. Foto: Jim Huylebroek / The New York Times

Questa settimana si sono ritirati gli ultimi soldati della NATO e sono finiti 20 anni di forze occidentali in Afghanistan. I talebani sono pronti a prendere il sopravvento. Un esperto norvegese a Kabul pensa che potrebbe finire male.

Inserito:

Mistero e paura caratterizzano la città. Migliaia di persone in fila per richiedere i passaporti. Coloro che hanno l’opportunità stanno lasciando il paese, Abdul Ghafoor dice a VG per telefono dalla capitale, Kabul.

Quelli che se ne vanno sono quelli che hanno istruzione e connessioni. L’intraprendente che in realtà avrebbe dovuto costruire il paese.

I civili comuni sono quelli che soffrono durante la guerra tra i talebani e l’esercito governativo. I talebani sono pronti a conquistare Kabul, sono già alla periferia della città, continua l’attivista afghano, che corre Organizzazione che assiste i migranti di ritorno.

Bekimart: Abdul Ghafoor, sono l'”Organizzazione di consultazione e supporto agli immigrati in Afghanistan” Foto: Helge Mikalsen VG

Leggi anche

L’ultimo soldato norvegese a lasciare l’Afghanistan è stato: – Missione compiuta

Tutti i soldati statunitensi e della NATO hanno lasciato la base di Bagram in Afghanistan venerdì, secondo quanto riportato dalle agenzie di stampa AFP e Associated Press.

Secondo l’Associated Press, il ritiro da Bagram è una chiara indicazione che gli ultimi dei circa 2.500-3.500 soldati statunitensi in Afghanistan sono partiti o stanno per partire.

Contro i talebani: questa settimana combattenti locali combatteranno contro l’avanzata dei talebani nel distretto di Parwan. Foto: Omar Sobhi/Reuters

rischio aumentato

Il comandante in capo dell’esercito americano, il generale Austin S. Miller ha detto in una conferenza stampa a Kabul all’inizio di questa settimana che la recente perdita di territorio da parte del governo afghano a favore dei talebani ha aumentato il rischio di una guerra civile totale.

READ  Nuovi dati sulla paura del vaccino di Sputnik:

Il capo della difesa norvegese, Erik Kristoffersen, ha condiviso la stessa preoccupazione Due interviste con VG.

la mia conoscenza: Storie di soldati norvegesi da 20 anni di guerra

La scorsa settimana ha incontrato il presidente afghano Ashraf Ghani e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden alla Casa Bianca. Lì, gli Stati Uniti hanno promesso di sostenere l’Afghanistan sul fronte umanitario e della sicurezza.

Ma in realtà le forze di sicurezza afghane non hanno molto da mostrare per i talebani, che già controllano metà del Paese e hanno vaste aree in ognuna delle 34 province.

Supporta il governo: Guerrieri che vogliono sostenere il governo contro i talebani, durante una manifestazione alla periferia di Kabul la scorsa settimana. Foto: STRINGER/REUTERS

– Non controllerai

Terjee Waterdahl, che dirige l’ufficio del comitato afghano a Kabul, è stato recentemente nella provincia di Paktia, dove i talebani hanno preso il potere in 14 delle 18 province.

– C’era un continuo bombardamento di artiglieria che andava e veniva nel capoluogo di provincia. Ha detto per telefono da Kabul che le autorità locali erano molto preoccupate.

Waterdale ritiene che i talebani non abbiano ancora catturato nessuna delle capitali provinciali, ma ciò è dovuto a una mancanza di volontà piuttosto che di capacità.

I talebani hanno un accordo con gli americani per non attaccare nessuna grande città, allo stesso tempo sanno che assumersi la responsabilità amministrativa di una città è difficile. Penso che stiano aspettando per ragioni tattiche.

Quindi Waterdale crede che la capitale, Kabul, sarà l’ultima città a cadere, perché è la più esigente da governare.

Esperto: Terry Waterdale nel Comitato Afghanistan. Foto: Helge Michalsen

Tanto da guadagnare

Ha poca fiducia in qualsiasi accordo di pace tra il governo ei talebani.

READ  I passaporti Corona possono diventare una realtà in Norvegia

– I talebani, il governo e la comunità internazionale si mettono nei loro angoli. I talebani non accetteranno elezioni democratiche e non sono interessati a sedere in un governo di coalizione.

L’accordo di pace non funzionerà. Penso che sarà sanguinante. Oggi abbiamo appreso dell’uccisione di decine di agenti di polizia locale nella provincia di Badakhshan. I talebani attaccano la polizia locale, spesso impopolare.

Woodall crede che l’unica alternativa alla guerra oa un regime puramente talebano sia un governo di tecnocrati, una grande assemblea non eletta e un sistema religioso. È in qualche modo simile all’Iran, solo con un’interpretazione più conservatrice della legge islamica.

– Allora sarà interessante vedere se l’Occidente può cooperare con un tale governo per l’ulteriore sviluppo dell’Afghanistan. In caso contrario, altri attori, meno interessati alla democrazia – come Russia, Cina, Pakistan e Iran – sono interessati all’Afghanistan, a causa delle vaste risorse naturali come il litio e il rame.