Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Sarà una settimana emozionante – E24

– Sarà una settimana emozionante – E24

I tassi di inflazione sia in Norvegia che negli Stati Uniti sono tra le voci del calendario economico della prossima settimana. – Potrebbe rafforzare la nostra visione sui tagli dei tassi di interesse a settembre, afferma il capo economista.

Pubblicato: Pubblicato:

– Sarà una settimana emozionante con i dati sull'inflazione tra i punti salienti, afferma Kjersti Hoogland, capo economista di DNB Markets.

Qui a casa, la settimana inizia lunedì mattina con i nuovi dati sull’inflazione per febbraio.

I dati dell'Ufficio statistico norvegese mostrano che la crescita dei prezzi a gennaio si è conclusa al 4,7% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. L’inflazione core, che ignora i prezzi dell’energia e le modifiche fiscali, è scesa al 5,3%.

Continua a leggere E24+

Giugno potrebbe essere il mese del mercato azionario

DNB Markets prevede che l’inflazione core scenda al 5,1%.

Se riusciremo a raggiungere questo obiettivo, sarà molto inferiore alla stima della Banca Centrale del 5,5%. Ciò di per sé potrebbe rafforzare la nostra convinzione che la banca centrale norvegese taglierà i tassi di interesse a settembre.

La prossima decisione sui tassi di interesse della Norges Bank arriverà con il rapporto sulla politica monetaria di giovedì 21 marzo.

Inflazione americana

Martedì verranno presentati i nuovi dati sull'inflazione basati sull'indice dei prezzi al consumo (CPI) degli Stati Uniti.

Per i mercati in generale, i dati sull’inflazione statunitense sono la cosa più importante questa settimana, afferma Hoagland.

Secondo Bloomberg, l'inflazione dovrebbe in anticipo restare al 3,1%, mentre l'inflazione core dovrebbe raggiungere il 3,7%.

Kirsty Hoagland di DNB Markets indica giugno come la prima potenziale opportunità per tagli dei tassi di interesse sia negli Stati Uniti che nell’Eurozona.

Nel mese di gennaio la crescita dei prezzi nel paese ha raggiunto il 3,1%, rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. Il tasso di inflazione di fondo è stato del 3,9%, invariato rispetto al mese precedente. La misura dell’inflazione preferita dalla banca centrale statunitense (Federal Reserve), Indice dei prezzi delle spese per consumi personaliIndice dei prezzi delle spese per consumi personaliL’indice dei prezzi della spesa per consumi personali (PCE) misura l’inflazione in un’ampia gamma di beni e servizi e riflette anche i cambiamenti nel comportamento dei consumatori. del 2,4% a gennaio.

READ  Questo influenzerà la Borsa di Oslo martedì

DNB Markets prevede che l’inflazione core si modererà al 3,7% a febbraio.

– Inoltre questa settimana arriveranno anche i prezzi alla produzione provenienti dagli Stati Uniti, che recentemente sono stati cruciali per il mercato, dice il capo economista.

– Potrebbe essere l'ultima goccia

Kirsty Hoagland sottolinea che la scorsa settimana i governatori della BCE e della Fed hanno segnalato che taglieranno i tassi di interesse nel prossimo futuro e che credono che l'inflazione sia in calo.

La Banca Centrale Europea ha mantenuto i tassi di interesse invariati durante la riunione sui tassi di interesse di giovedì. Nel frattempo, la governatrice della Banca Centrale Christine Lagarde ha lasciato intendere che il primo taglio dei tassi di interesse potrebbe arrivare a giugno.

La Fed Jerome Powell ha dichiarato giovedì che l’inflazione statunitense non è lontana da dove la banca centrale dovrebbe trovarsi per tagliare i tassi di interesse, scrive. CNBC.

“Abbiamo ricevuto forti indicazioni che i governatori delle banche centrali non hanno cambiato idea e sono pronti per i tagli prima che sia troppo tardi”, afferma Hoagland, indicando giugno come un momento favorevole.

Il presidente della Federal Reserve americana Jerome Powell è da tempo consapevole che la Fed vuole ridurre l’inflazione verso l’obiettivo del 2%.

Secondo lei, questo è il motivo per cui i dati sull’inflazione provenienti dagli Stati Uniti saranno importanti.

– Se un rollback non si concretizza, aiuterà chiaramente a mantenere vivi i dubbi. Naturalmente esamineranno più dati, ma questa potrebbe essere la goccia che farà traboccare nuovamente i dubbi, dice il capo economista.

– È importante anche per noi qui a casa, visto quello che possiamo fare in termini di interessi, continua Hoagland.

READ  Il Manchester United vuole rendere Pogba il giocatore più pagato nella storia della Premier League

Il prossimo incontro sui tassi di interesse della Fed si terrà il 19-20 marzo.

Tendenze positive

La Norges Bank presenta giovedì il primo rapporto dell'anno della rete regionale.

Quattro volte all’anno, la Banca Centrale intervista i manager di oltre 400 aziende e organizzazioni sullo sviluppo economico e sulle prospettive future. I risultati vengono pubblicati in rapporti quattro volte l'anno, a marzo, giugno, settembre e dicembre.

DNB Markets si aspetta che il rapporto mostri una tendenza leggermente più positiva tra le aziende. Nel frattempo, si aspettano un aumento dello 0,2% per il prossimo trimestre.

– Ci aspettiamo che le cose vadano un po' meglio del previsto nel primo trimestre, dice Kjersti Hoogland.

Secondo il capo economista probabilmente non vedremo forti ripercussioni in nessuna delle due direzioni.

– Tuttavia, ciò non cambierà l'immagine della Norges Bank secondo cui l'economia norvegese è in buona forma, afferma Hoagland.

Vendite di nuove case, TBU e più inflazione

Venerdì arriverà il resoconto finale del Comitato Tecnico Contabile (TBU). Lui lei Rapporto preliminare, pubblicato a febbraio, ha mostrato che la TBU mostra un aumento dei prezzi del 4,1% nel 2024. Il rapporto della TBU presenta analisi e previsioni per l'economia norvegese, ma anche statistiche sull'andamento dei salari. Viene utilizzato come base per la liquidazione dello stipendio.

Giovedì è previsto che la Housing Manufacturers Association rilasci nuovi dati sulle vendite di case nuove. Nel mese di gennaio, le vendite di nuove case sono aumentate del 12%, mentre le nuove case sono diminuite del 17% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso.

Oltre alla Norvegia e agli Stati Uniti, durante la settimana verranno forniti i dati sull'inflazione anche da Svezia, Germania e Francia.

Vengono visualizzati i rapporti annuali di numerose aziende, tra cui DNB, Gyldendal e Storebrand.

Leggi anche

Il consulente del debito ha “fatto impazzire” la casa del cliente: – Malato

Leggi anche

Il vicepresidente del partito laburista Tunji Brenna: – Non ci piace essere troppo piccoli

Leggi anche

Nuovo accordo commerciale con l'India: – Questo è storico