Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Scaffali vuoti a Mosca: – È quasi come tornare in Unione Sovietica

I russi convivono con le sanzioni ormai da alcune settimane e le conseguenze stanno diventando chiare giorno dopo giorno.

Adesso è quasi impossibile ottenere pasta e zucchero. La carta è diventata un bene di lusso. Il prezzo della carta da imballaggio è quadruplicato, dice Jenny da Mosca a TV 2.

Dice che i prezzi di molti beni sono aumentati drammaticamente e che molti di loro stanno perdendo il lavoro. TV 2 conosce l’identità di Jenny, ma sceglie di usare solo il suo nome norvegese per motivi di sicurezza. Parlare liberamente ora non è privo di rischi e chi critica le autorità può incorrere in problemi.

paura

Molte persone si fanno prendere dal panico e accumulano cibo. Alcuni cibi e medicine sono vuoti ed è quasi impossibile procurarsi tamponi e bende. È come tornare in Unione Sovietica, dice con umorismo.

Ma nonostante l’umorismo della forca, è molto serio. Jenny ha paura.

1991: questa foto è stata scattata il 2 aprile 1991, quando i prezzi dei generi alimentari sono raddoppiati in breve tempo e i moscoviti si sono riversati nei negozi per acquistare le cose più necessarie. Foto: Alexander Zemlianichenko / AP

– Quello che temo di più è la cortina di ferro e l’isolamento dal mondo. Temo di non avere la possibilità di scappare se la situazione diventa insopportabile, dice.

Jenny non pensa che gli europei capiscano quanto sia antidemocratica la Russia. Parli della brutalità della polizia. Hanno picchiato i manifestanti, molti dei quali parlano di torture e minacce.

Sperando di ribellarsi

Quando le è stato chiesto se c’era qualcosa che guardava con ottimismo, ha risposto di no. E che l’unica cosa che spera è la ribellione e un cambio di governo. Ma la gente ha paura.

Abbiamo paura delle autorità, abbiamo paura della polizia e siamo preoccupati ogni volta che li vediamo per strada. Dice che coloro che non sono d’accordo con le autorità possono subire sanzioni severe.

Inoltre, molti temono per il loro futuro finanziario.

– Non posso essere sicuro di non perdere entrate. Inoltre, la criminalità aumenterà. Dice che molte persone si sentono costantemente ansiose.

Linee lunghe

Già una settimana dopo l’entrata in vigore delle sanzioni occidentali, sono iniziate le scorte e gli scaffali dei negozi sono diventati angusti. Quando la scorsa settimana il sindaco di Saratov, nel sud della Russia, ha annunciato un mercato di nicchia per l’acquisto dei beni necessari, centinaia di persone si sono presentate.

– Le persone condividono suggerimenti su dove trovare lo zucchero. Victor, che è in fila per conto di sua nonna, dice di essere malato con The custode.

Il giornale scriveva che dopo aver atteso un’ora e mezza doveva comprare cinque chilogrammi di farina di frumento. I video di donne anziane che litigavano per qualche bustina di zucchero sono diventati virali sui social media.

– È tragico. Un mese fa andava tutto bene, e ora parliamo come facevamo negli anni ’90 quando facevamo la spesa per paura che fosse vuoto, dice Victor.

Sostiene di avere le scorte complete

Le autorità russe affermano che il paese ha abbastanza beni in magazzino, inclusi zucchero e farina, e affermano che gli scaffali vuoti sono dovuti all’accumulo di persone.

Chaus: Sono passati più di 30 anni dalla caduta dell'Unione Sovietica.  Ecco com'era quando McDonald's ha aperto il suo primo ristorante a Mosca il 31 gennaio 1990. Ora, la catena di fast food si è ritirata di nuovo dopo 32 anni di attività.  Foto: A.P

Chaus: Sono passati più di 30 anni dalla caduta dell’Unione Sovietica. Ecco com’era quando McDonald’s ha aperto il suo primo ristorante a Mosca il 31 gennaio 1990. Ora, la catena di fast food si è ritirata di nuovo dopo 32 anni di attività. Foto: A.P

Ma i problemi sono reali. Con un’inflazione prevista del 20 per cento quest’anno, significa povertà per molti russi. Significa anche un accesso limitato a fonti di notizie indipendenti, poiché ottenere soluzioni VPN necessarie e utilizzabili costa denaro.

isolato

Il presidente Vladimir Putin ha permesso di ottenere una pena detentiva per aver usato la parola “guerra” su ciò che sta accadendo in Ucraina. Facebook, Instagram e Google News sono bloccati. Lo stesso vale per la VPN, che offre ai russi l’opportunità di ricevere notizie dall’estero.

I russi sono diventati utenti accaniti delle VPN e chi ha consigli, conoscenza e coraggio continua ad aggiornare i propri social media. I giornalisti freelance critici nei confronti del sistema utilizzano Youtube, Telegram e altre piattaforme per raggiungere gli utenti russi, ma non si sa quanto durerà.

Sempre meno russi hanno accesso alle informazioni ora. Jenny spiega che Good VPN non è gratuito, quindi sempre più persone guardano la TV e ascoltano le notizie russe. la preoccupa.

Montatura pubblicitaria

Dice che c’è una grande differenza tra la descrizione dello stato di guerra da parte dei media russi e stranieri.

– È incredibile quello che le autorità russe stanno cercando di immaginare, dice.

Ina Sangadzhieva del Comitato di Helsinki afferma che la strategia di Putin è spaventare e mettere a tacere le persone.

“C’è confusione e una forte propaganda allo stesso tempo”, ha detto Sangadzhieva a TV2.

Sottolinea l’importanza di una buona VPN gratuita che consenta ai russi di accedere a media indipendenti per comprendere la situazione.

Le sanzioni occidentali, le sanzioni e gli embarghi controrussi rafforzano l’isolamento della Russia e il confronto sovietico è stranamente reale.

Dall’invasione russa dell’Ucraina, più di 15.000 persone sono state arrestate per aver partecipato a manifestazioni contro la guerra, secondo l’organizzazione per i diritti umani OVD-info.

READ  Un bambino di cinque anni è stato ucciso da un ex membro dello Stato Islamico