Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Scandalo Corona a Eschel: – – L’ho mandato a morte

La prima causa riguarda il noto giornalista Hans Schopf (72), Morto pochi giorni dopo l’infortunio In vacanza sugli sci a Ischgl.

Questo caso è il primo di un totale di 15 cause civili portate davanti al tribunale, in cui lo stato austriaco è accusato di non aver risposto abbastanza rapidamente alle segnalazioni di infezione da coronavirus nella famosa località sciistica, chiamata anche “Alps Ibiza”, a l’inizio dell’epidemia di corona nel marzo dello scorso anno.

La moglie di Schaop, Sieglind Schopf, ha dichiarato in un’intervista all’Agence France-Presse all’inizio di quest’anno che “tutto il suo mondo è crollato” quando suo marito è morto.

Si dice che lei stessa lo abbia incoraggiato ad andare in vacanza sulla neve.

– Non posso perdonarmi, perché alla fine l’ho mandato a morte.

Le strade sono vuote. Il luogo della festa Ischgl si chiama “Alps Ibiza”, ma in appena un anno il piccolo villaggio è completamente cambiato. Giornalista: Marthy S. Lynn/Video: Janet N. Vick.
Mostra di più

Le bugie costano vite

La moglie e la famiglia ora chiedono allo Stato austriaco 100.000 euro – circa 1 milione di corone norvegesi – di risarcimento.

La vedova di Schop e l’organizzazione dei consumatori VSV sono dietro la causa.

Il figlio della coppia, Ulrich Schopf, è apparso in tribunale venerdì per conto di sua madre, quando è diventato molto difficile per lei emotivamente, ha detto il figlio austriaco ORF.

Ha detto che la famiglia non porta il caso in tribunale per i soldi, ma per la giustizia, e che hanno intenzione di donare i soldi in beneficenza in caso di vittoria.

Quando Dagbladet ha visitato l’ufficio VSV a Vienna nel marzo di quest’anno, hanno potuto dire che il caso di Schöpp aveva ricevuto molta attenzione in Austria.

Secondo VSV, probabilmente ne aveva uno Autobus affollati da Ischgl, quando la stazione sciistica è stata improvvisamente evacuata ed è stata chiusa il 13 marzo 2020. Sebastian Reinfeldt, che stava indagando su ciò che è accaduto a Ischgl per conto di VSV, ha affermato che le persone sono rimaste erette come aringhe in un barile sugli autobus per diverse ore.

READ  Spazio economico europeo e Unione europea | Abed Raja:
Ero sorpreso: Il leader Peter Kolba dell’Associazione austriaca dei consumatori VSV pensa che sia sorprendente che lo stato non ammetta i propri errori. Foto: Marthe S. Lien / Dagbladet
Mostra di più

– Qui stiamo chiedendo un risarcimento a nome della moglie e della famiglia per il trauma causato dalla morte e le spese funerarie, ha detto a Dagbladet il leader del VSV Peter Kolba.

Secondo VSV, 32 persone sono morte dopo essere state infettate in un piccolo villaggio austriaco nel marzo dello scorso anno.

Hanno mentito e le bugie costano vite. Alcune persone sono morte, ha detto Sebastian Reinfeldt a Dagbladet a marzo.

52 norvegesi

Oltre a 15 cause civili, l’organizzazione sta anche conducendo una class action per conto di 1.000 vittime dell’infezione di Ischgl.

– Abbiamo 56 vittime norvegesi coinvolte in questo, ha detto Kolpa a Dagbladet a marzo.

Un numero molto elevato di sciatori norvegesi in vacanza invernale ha riportato il virus da questa regione, dando il via all’epidemia di Corona in Norvegia. Alla fine di marzo, l’Istituto nazionale di sanità pubblica è riuscito a risalire all’Austria di oltre 600 casi di infezione in Norvegia.

La barra “segreta”: Il bar alpino di Kitzloch di solito ospita centinaia di ospiti assetati dell’après-ski. Il direttore generale Bernard Zangerl ci mostra i locali vuoti da un anno. Video: Janet N. Vick / Dagbladet TV
Mostra di più

In precedenza Dagbladet Ho parlato con i norvegesi con corona che ha visitato Ischgl e Kitzloch nel marzo dello scorso anno e che ha descritto la situazione nel villaggio alpino come “normale”.

In tutto il mondo, secondo VSV, sono 11.000 i casi di infezione che possono essere fatti risalire all’epidemia di Ischgl.

Altri avvisi

Le autorità austriache sono accusate di aver agito troppo tardi con le segnalazioni di infezione, iniziate nel marzo 2020. Già il 4 marzo 2020, è stata inviata un’e-mail dalle autorità sanitarie islandesi al Ministero della salute austriaco, 14 dopo che i turisti islandesi sono tornati a casa dal loro vacanza sugli sci in Soffro di infezione da corona.

READ  Donald Trump - Gli appartamenti Trump vengono venduti a prezzi stracciati

Le autorità islandesi hanno anche segnalato casi di infezione attraverso il Sistema europeo di allarme rapido (EWS).

Scioccato: l'anno scorso Sebastian Reinfeldt ha esaminato da vicino cosa è andato storto a Ischgl all'inizio dell'epidemia di corona dello scorso anno.  Foto: Marthe S. Lien / Dagbladet
scioccato: Nell’ultimo anno, Sebastian Reinfeldt ha esaminato più da vicino cosa è andato storto a Ischgl all’inizio dell’epidemia di coronavirus dello scorso anno. Foto: Marthe S. Lien / Dagbladet
Mostra di più

La sera del 5 marzo arriverà anche un’e-mail dall’Islanda con una panoramica degli hotel di Ischgl dove hanno soggiornato i turisti infetti. C’è anche un avvertimento non ufficiale da parte di una guida turistica islandese, che ha recentemente visitato Ischgl con un compagno di viaggio, che ha avvertito che le persone del gruppo potrebbero essere infette, come precedentemente detto a VSV Dagbladet.

Tuttavia, non è stato fino al 13 marzo che la stazione sciistica ha scelto di andare in isolamento e in poche ore Ischgl era vuota per i turisti.

Loro (le autorità, ndr) avevano informazioni da tre fonti che dicevano sostanzialmente la stessa cosa. Dal 5 marzo hanno appreso dell’infezione in atto e non c’era motivo di dubitare di quanto detto. Lo sapevano e lo ignoravano. Non mi aspettavo queste ovvie bugie, ha detto Reinfeldt a Dagbladet.

respinge le accuse

In Austria, le autorità locali e federali hanno sempre insistito sul fatto di aver fatto tutto ciò che era in loro potere per far fronte alla situazione.

– Quando le infezioni sono state confermate a Ischgl, le autorità hanno immediatamente preso l’iniziativa, tra le altre cose, di condurre test approfonditi o blocchi locali, ha detto il governatore Günther Platter nella regione del Tirolo, dove si trova Ischgl, ex Dagbladet.

Qualsiasi infezione con questo virus dannoso è sfortunata. Nessuno a Ischgl o in Tirolo voleva che qualcuno si facesse male. Sotto questa pandemia, il mondo intero ha dovuto fare i conti con cluster e sacche di infezione. Mi dispiace che il virus sia arrivato a Ischgl e abbia infettato molte persone lì. Ma nessun villaggio da solo può essere ritenuto responsabile di una pandemia globale.

READ  Coronadrab sconvolge la Germania - NRK Urix - Notizie e documentari esteri