Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Scialpinismo, fondo | Pensa che le Olimpiadi dovrebbero essere posticipate:

L’infezione sta aumentando e le Olimpiadi inizieranno tra un mese. Ora sempre più persone pensano che il gioco debba essere rimandato.

VAL DI FIEMME / OSLO (Nettavisen): Gli atleti di tutto il mondo vivono e lavorano in quelle che vengono chiamate bolle per evitare malattie coronariche, ma ultimamente le bolle si stanno davvero spezzando.

Quasi ogni giorno arriva la notizia che a un profilo sportivo è stato diagnosticato il coronavirus.

Questo vale anche per molti atleti di sport invernali che tra poche settimane hanno intenzione di recarsi in Cina per le Olimpiadi.

Leggi anche: Aiuto chiamato dopo Klæbo. win

Pensa che le Olimpiadi dovrebbero essere rinviate

Con la crescente tendenza all’infezione nel mondo, sempre più persone si stanno ponendo la questione della ragionevolezza di organizzare i giochi nel prossimo mese.

Tra questi c’è Thomas Peterson, commentatore sportivo di Expressen. scrive in uno commento Crede che le Olimpiadi di Pechino dovrebbero essere posticipate di un anno, nello stesso modo in cui sono state rinviate le Olimpiadi di Tokyo.

A Nettavisen spiega.

Il motivo per cui penso che sia, ovviamente, è l’epidemia che lo sport non può affrontare. Abbiamo visto così tanti esempi ora che quasi tutti i campionati di calcio sono stati colpiti e il bagno di hockey su ghiaccio junior è stato appena cancellato. Uno deve fare il torneo più grande di sempre come se nulla fosse, dice Peterson a Nettavisen, sento che è troppo rischioso e totalmente inutile.

– Penso che si dovrebbe rimandare di un anno, e spero che avremo un migliore controllo dell’epidemia dopo, dice il commentatore.

Leggi anche: Profilo del Tour de Ski di NRK infortunato

Peterson va principalmente alle Olimpiadi di Pechino e conosce bene le misure complete di controllo delle infezioni che la Cina utilizzerà.

READ  Sport, combinata | Ebbene Westvold Hansen, il primo vincitore della Coppa del Mondo combinato in terra norvegese

Tuttavia, non pensa che questo sia sufficiente.

– Non credo sia possibile ottenerlo al cento per cento. Certo, la Cina è una dittatura e può fare ciò che vuole, il che significa che ha un po’ più di possibilità di influenza su di essa, ma il rischio rimane. Se l’infezione entra nella bolla del cross country della squadra svedese o norvegese, ad esempio, le Olimpiadi sono solo uno scherzo. Peterson spiega che non voglio vivere un’Olimpiade del genere.

secondo Notizie CBC Ci sono anche atleti che pensano sia arrivato il momento di discutere del rinvio delle Olimpiadi. Si riferiscono, tra l’altro, alla star canadese del curling Chelsea Curry che ha parlato Twitter.

Leggi anche: Nosom ha sorpreso Iverson

Esperto di controllo delle infezioni: – Probabilmente non è il momento per questo

Il professore di microbiologia medica ed esperto di controllo delle infezioni Organ Olsvik presso l’UiT ritiene che ci stiamo avvicinando a un punto in cui stiamo tornando alla normalità. Tuttavia, non è sicuro che febbraio sia davvero il momento giusto, con Omicron che domina in diversi luoghi del mondo.

Pertanto, non pensa necessariamente che organizzare le Olimpiadi sia la cosa più logica da fare ora.

– Potrebbe non essere il momento per un grande evento. Se appare una nuova variante, ed è successo più volte, non c’è dubbio che ci sarà una diffusione globale dopo, ha detto Olsvik a Nettavisen.

Olsvik nota di non conoscere esattamente le misure e la situazione del contagio a Pechino al momento. In ogni caso, è sicuro che può essere difficile tenere traccia di tutti coloro che entrano nella cosiddetta bolla olimpica.

READ  Kylian Mbappé, Spider-Man | "Spider-Man" voleva Mbappé per il club preferito. Ho ricevuto una risposta dura dai francesi

Crede anche che possa essere difficile controllare le migliaia di persone coinvolte nel gioco.

– In generale, direi che è molto difficile controllare il comportamento dei giovani, soprattutto se ci sono due sessi. Ci sono molte ragioni per cui stanno rompendo la loro bolla, non solo perché vogliono vedere la Grande Muraglia Cinese. Potrebbe essere una ragazza insolitamente carina di Taiwan o viceversa, dice Olsvik.

Leggi anche: I critici del tour sono stati applauditi. Ora risponde il direttore del Fronte Islamico di Salvezza

Olsvik afferma che esiste poca documentazione che dimostri che varie misure di controllo delle infezioni in relazione allo sport hanno qualche effetto e cita come esempio il “No Football” del governo norvegese.

– In Norvegia abbiamo imposto un divieto al calcio organizzato, anche se tutte le analisi del contagio e i documenti internazionali hanno dimostrato che non ha portato a un aumento dei contagi. Tuttavia, il governo ha scelto di imporre un divieto. Hai un problema se hai regole e leggi che non hanno effetto. Come dice l’esperto di controllo delle infezioni, non abbiamo molta documentazione su ciò che deve essere fatto a Pechino.

Leggi anche: Carlson ha ricevuto una punizione molto severa

Direttore Olimpico: Andrà come previsto

Tuttavia, già a dicembre, è apparso chiaro che le autorità cinesi e il Comitato Olimpico Internazionale stavano pianificando di ospitare le Olimpiadi a febbraio come previsto, nonostante la variante altamente contagiosa dell’omicron che ora domina molti paesi in tutto il mondo.

Il direttore olimpico Christophe Dube ha dichiarato entro questo fine settimana che le Olimpiadi di Pechino si terranno come previsto il mese prossimo.

READ  Il Chelsea è protagonista di una rissa aperta: - Sono arrabbiati e arrabbiati

“Le autorità cinesi ci hanno assicurato in diverse occasioni, l’ultima venerdì scorso, che le cose stanno andando avanti e che è molto sicuro”, ha detto Dube a Swiss RTS.

Spiega che i cinesi hanno aggiunto un sistema molto sofisticato che fa desiderare ai praticanti di essere in una bolla.

– Dube dice che i praticanti non saranno in contatto con il mondo esterno e dovrebbero fare un test PCR ogni giorno.

Tuttavia, un test positivo sarebbe completamente devastante per le possibilità di un partecipante ai Giochi Olimpici. Le autorità cinesi chiedono a tutti coloro che risultano positivi di trascorrere 21 giorni in isolamento in Cina.

Se il praticante risulta positivo qualche giorno prima della prevista partenza, causerà problemi anche perché ci sono regole molto rigide sul Corona legate all’ingresso in Cina.

Confessa di preoccuparti

Ma anche se il direttore olimpico ritiene che la partita sarà organizzata come previsto. Riconosce di essere preoccupato per lo stato di contagio nel mondo e come potrebbe distruggere le opportunità per i partecipanti.

La mia più grande preoccupazione è l’aumento del numero di atleti infortunati, afferma Dube.

Non gli piace l’idea che gli atleti si perdano le partite che da mesi sono il loro obiettivo.

– Perché prima di tutto per loro, organizziamo questo fantastico evento, dice il Direttore Olimpico.

La torcia olimpica sarà accesa a Pechino durante la cerimonia di apertura il 4 febbraio.