Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Scoperta di un raro sistema planetario che comprende sei mondi

Scoperta di un raro sistema planetario che comprende sei mondi

Gli esopianeti, tutti più grandi della Terra ma più piccoli del gigante di ghiaccio Nettuno, danzano attorno alla stella luminosa in una danza cosmica perfettamente sincronizzata di orbite strettamente collegate.

In questo caso, ciò significa che il pianeta più vicino alla stella, chiamato b, orbita attorno alla stella tre volte nello stesso momento in cui orbita due volte attorno al pianeta successivo, c.

Ogni volta che c compie tre giri, il pianeta successivo, d, compie due giri. Lo schema continua fino ai due pianeti esterni del sistema, f e g, dove il rapporto è invece 4:3.

Quindi quello più interno impiega quattro round ogni volta che il più lontano ne impiega tre.

Questa danza cosmica strettamente accoppiata è conosciuta come risonanza orbitale e si pensa che questo fenomeno si verifichi all’inizio della maggior parte dei sistemi planetari.

Tuttavia, il percorso perfetto può essere facilmente interrotto dal caos derivante, ad esempio, dal passaggio delle stelle o dalla collisione dei pianeti che disturbano l’armonia.

Il sistema è “congelato nel tempo”

Tuttavia, nel sistema planetario appena scoperto, la risonanza sembra esistere ancora più di un miliardo di anni dopo la formazione del sistema stesso. Come congelato nel tempo.

È uno spettacolo raro, poiché si ritiene che solo l’1% di tutti i sistemi planetari si muova in risonanza, portando gli scienziati a chiamarlo il “sistema solare perfetto”.

Ancora più rari, gli astronomi hanno trovato cinque coppie di esopianeti con orbite sincrone, proprio come fecero quando il sistema si formò miliardi di anni fa.

Secondo i ricercatori responsabili della scoperta, essa dimostra che “lo sviluppo del sistema è stato molto cauto e calmo”, spiega a Astronomy l’autore principale Rafael Luc.

Guarda il video: Ecco come si muovono i pianeti

Pertanto, gli astronomi ritengono che la famiglia originaria dei pianeti sia ideale per studiare come si formano i sistemi planetari come il nostro.

Osservatore da terra

Il team dietro lo studio ha utilizzato i dati di 12 diversi telescopi per identificare i sei pianeti nel nostro quartiere cosmico.

Uno di questi è stato il telescopio spaziale americano TESS, che è stato inviato nello spazio nel 2018 e già nel 2020 ha osservato come due pianeti entravano in orbita davanti alla stella ospite HD110067.

Successivamente, gli astronomi hanno ricevuto aiuto dal telescopio spaziale CHEOPS dell’Agenzia spaziale europea.

La stella ospite stessa è la stella più luminosa mai trovata con più di quattro pianeti attorno ad essa, il che la rende abbastanza luminosa da poter essere osservata con i telescopi sulla Terra.

I ricercatori sperano che in futuro saranno in grado di ottenere più dati che possano rivelare di più sulle dimensioni dei pianeti, sulla loro atmosfera e forse sui loro strati interni.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Rivista sulla natura.

READ  Denuvo Boss: la protezione DRM "non ha alcun impatto notevole sul gameplay" -