Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Segnali promettenti – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

– Segnali promettenti – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

Da ottobre la capitale egiziana è al centro di colloqui e negoziati per l'uscita dalla guerra a Gaza, senza successo.

Due settimane dopo l'attacco di Hamas contro Israele, il 7 ottobre, è stata organizzata a Karo una conferenza internazionale di pace. L'obiettivo era una “road map per la pace”.

Il 21 ottobre l’Egitto e il presidente Abdel Fattah al-Sisi hanno organizzato una conferenza di pace in seguito allo scoppio della guerra tra Israele e Hamas.

Foto: Agenzia France-Presse

Quattro mesi dopo, il bilancio delle vittime a Gaza è salito a 29.313, ha annunciato mercoledì il Ministero della Sanità gestito da Hamas. Nel frattempo, la sorte dei 130 ostaggi detenuti da Hamas nella Striscia di Gaza non è stata definita.

Israele minaccia un'invasione di terra a Rafah entro il 10 marzo se gli ostaggi non verranno rilasciati.

Egitto, Qatar, Stati Uniti e Israele hanno continuato a discutere la possibilità di cessare le ostilità.

Palestinesi in fila per un pasto gratuito a Rafah

Palestinesi a Rafah in fila per un pasto

Fotografia: Fatima Shabir/AP

Questa settimana, anche il coordinatore della Casa Bianca per il Medio Oriente, Brett McGurk, ha visitato l’Egitto per influenzare i progressi.

Martedì Reuters ha riferito che il leader politico di Hamas Ismail Haniyeh si è incontrato con funzionari egiziani per discutere un cessate il fuoco.

Era a capo di una delegazione che avrebbe dovuto tenere colloqui su Gaza e “sforzi per fermare l’attacco, fornire assistenza ai civili e raggiungere l’obiettivo per il nostro popolo palestinese”, ha detto Hamas su Telegram.

– Segnali promettenti

Da parte israeliana, Benny Gantz ha commentato i progressi realizzati questa settimana. Gantz siede nel gabinetto di guerra israeliano, un'estensione del governo adottato dopo l'attacco di Hamas.

Secondo Reuters, egli insiste sul fatto che l'obiettivo è liberare gli ostaggi detenuti a Gaza.

– Non smetteremo di cercare una soluzione e non sprecheremo nessuna opportunità per riportare a casa le nostre figlie e i nostri figli, afferma Gantz.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, il ministro della Difesa Yoav Gallant e il membro del gabinetto militare Benny Gantz.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, il ministro della Difesa Yoav Galant e il ministro della Difesa Benny Gantz.

Foto: Abeer Sultan/AFP

Mercoledì ha affermato che ci sono “promettenti primi segnali di progresso” nei colloqui regionali sulla cessazione delle ostilità.

– Disperazione senza pari

Dopo 20 settimane di bombardamenti israeliani, nella Striscia di Gaza si registra una grave carenza di cibo. Le Nazioni Unite avvertono che il numero di bambini che soffrono di malnutrizione acuta sta aumentando a una velocità pericolosa.

I palestinesi prelevano acqua pulita da un camion aereo a Rafah nel dicembre 2023.

Palestinesi a Rafah raccolgono acqua pulita da un camion. Il biglietto parte da dicembre 2023.

Fotografia: Fatima Shabir/AP

La parte settentrionale della Striscia di Gaza è da tempo tagliata fuori dagli aiuti esteri di emergenza. Domenica il Programma alimentare mondiale ha ripreso a fornire aiuti alimentari, ma non ha continuato.

Gli operatori umanitari sono stati testimoni di ciò che l’organizzazione definisce “disperazione parallela”. I camion sono stati saccheggiati, sono stati sparati colpi di arma da fuoco e i loro autisti sono stati attaccati.

Secondo le Nazioni Unite, 939.000 palestinesi rischiano una carestia catastrofica. Quasi 378.000 persone sono già cadute in questo cluster di crisi.


READ  Beatrice Flamini visse isolata in una grotta per 500 giorni: - Vieni, fa pace con me stessa