Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Sembra che siano stati portati a dormire – VG

Apparentemente buoni amici: il leader supremo cinese Xi Jinping e il presidente Vladimir Putin si sono incontrati a febbraio.

È possibile che abbiamo sopravvalutato l’intimità, afferma l’esperto cinese Torbjorn Vorvik sul rapporto tra Xi Jinping e Vladimir Putin. Quello che il leader cinese sapeva in anticipo è ancora un mistero.

Inserito:

Giovedì il ministro degli Esteri cinese Wang Yi sarà di nuovo in campo. Ora la Cina esorta “tutte le parti a calmarsi”. E fare di più per prevenire l’escalation in Ucraina”.

Wang dice che spera che la guerra si fermi il prima possibile.

Il ministro degli Esteri cinese, in una dichiarazione rilasciata all’inizio di quella settimana, ha descritto il rapporto con la Russia come segue:

L’amicizia tra Cina e Russia ancora roccioso.

Poi Wang ha espresso che la Cina, a differenza dell’Occidente, non intende spingere la Russia al freddo. Forti sanzioni imposte dai paesi occidentali alla Russia potrebbero dare alla Cina una maggiore influenza sul paese.

In mostra: il ministro degli Esteri cinese Wang Yi in collegamento video durante il Congresso del Partito a Pechino lunedì.

Ma quanto siano vicine Cina e Russia – e i leader Xi Jinping e Vladimir Putin – è diventata una questione aperta.

– Troppo misterioso

Due settimane prima dell’invasione dell’Ucraina, i paesi occidentali consigliarono ai propri cittadini di lasciare il paese.

L’ambasciata cinese a Kiev ha formulato la stessa raccomandazione per due giorni dopo Che la Russia aveva invaso il paese.

– Sembra che la Cina sia cresciuta a causa dell’invasione. L’ambasciata cinese a Kiev sembrava totalmente impreparata, ha detto a VG l’autore ed esperto cinese Torbjorn Verovic.

READ  Paragona l'Afghanistan all'umiliazione del Vietnam

A quel tempo, c’erano circa 6000 cittadini cinesi in Ucraina.

Mezzogiorno impreparato: l’ambasciata cinese a Kiev martedì della scorsa settimana.

– Molti di loro sono bloccati nel paese e non possono andarsene. Færøvik dice che molti di loro non hanno preso posto sull’aereo.

Il grande mistero: quanto sapeva cosa stava combinando Putin?

– Questo puzzle diventa una specie di argomento di libri di storia. In apparenza, può sembrare che la relazione sia intima. Si danno una pacca sulle spalle e si arrostiscono come compagni. Ma quanto sai cosa accadrà? In generale, è molto ambiguo, afferma l’esperto cinese.

– Tema per i libri di storia

Il fatto che la Cina apparentemente non sappia molto dei piani di Putin è tanto più sorprendente data la stretta relazione personale tra Putin e Xi, osserva Torbjorn Verovic:

È concepibile che noi seduti fuori sopravvalutammo l’intimità della cooperazione, dice.

Elencato: sebbene la relazione sembri essere stretta dall’esterno, è difficile dire quanto siano vicini Xi e Putin l’uno all’altro.

Pensa che avrebbe dovuto essere chiaro anche alla Cina cosa sarebbe successo, così come al resto della comunità internazionale:

I preparativi bellici russi erano ambigui. Verovic pensa che sia molto strano che la Cina non abbia tenuto il passo con questo capitolo.

Spiega come centinaia di dipendenti cinesi dell’ambasciata a Mosca – e diplomatici cinesi nei paesi occidentali – stiano seguendo ciò che sono riusciti a catturare in Russia, i resoconti e le reazioni dei media occidentali.

Diverse possibili spiegazioni

All’inizio di febbraio, il segretario generale del Partito Xi Jinping e il presidente Vladimir Putin si sono incontrati in occasione delle Olimpiadi di Pechino. I due capi di Stato erano molto d’accordo: soprattutto Cina e Russia avrebbero dovuto “Cooperazione illimitata”.

READ  Il milionario si è dichiarato colpevole di aver ucciso il suo migliore amico

Nessun argomento è più bloccato.

Putin ha promesso che la Russia sostiene la politica della “Cina unica”. La Cina ha risposto di essere d’accordo con scetticismo su ciò che ha descritto come un’estensione dell’alleanza NATO: la crisi in Ucraina era ancora incombente e l’invasione era a poche settimane di distanza.

ESPERTO CINA: Autore ed ex NRK Torbjørn Færøvik – qui in una foto scattata in relazione al suo libro sull’Orient Express del 2016.

Ma nessuno lo sa esattamente cosa abbia detto Putin a Xi sui piani di invasione:

– Potrebbe non aver informato Xi del piano. Quando si sono incontrati il ​​4 febbraio, devono aver discusso di molte questioni, inclusa l’Ucraina. Ma potrebbe non averci parlato di un piano chiaro, dice Torbjorn Verovic.

L’esperto ritiene che sia anche possibile che Xi pensasse che Putin stesse semplicemente armeggiando con le spade. Sembrava che Putin stesse solo cercando di intimidire l’Ucraina all’obbedienza.

Oppure: la Cina potrebbe aver pensato che la Russia avrebbe lanciato solo un’offensiva limitata e di breve durata. E che la Russia otterrebbe una rapida vittoria, dice e riassume:

– Verovik afferma che l’impressione coerente è che la Cina non fosse preparata per quello che sarebbe successo dopo, riferendosi così a quella che è diventata una guerra su vasta scala in Ucraina:

Difficoltà a dividere

Per la Cina, i vecchi principi di politica estera rendono complicata la gestione dell’invasione russa.

– Questa è chiaramente una divisione molto difficile. Da un lato, la Cina ha sostenuto in tutti gli anni i principi della convivenza pacifica con gli altri Paesi: uno di questi principi è il rispetto dell’integrità territoriale degli altri Paesi, spiega Verovic.

READ  Migliaia di soldati russi vicino a Kharkiv

Ciò significa non sfidare i confini di altri paesi.

La stessa Cina usa questo principio per difendere la sua sovranità su aree come Taiwan e per chiedere che altri paesi non interferiscano in tali questioni.

Ma sulla questione dell’Ucraina, le autorità di Pechino hanno detto che c’è una “sorta di preistoria”.

Entrata nello spazio aereo: un bombardiere cinese sul territorio di Taiwan nel giugno dello scorso anno. La Cina ha ripetutamente violato lo spazio aereo taiwanese, a volte decine di volte in un solo giorno.

– Osservato in tutto il mondo. Questi principi potrebbero essere in vendita? dice Faerøvik.

Allo stesso tempo, la Cina teme che la questione di Russia e Ucraina sia completamente diversa dalla questione di Cina e Taiwan. Secondo la Cina, i due non possono essere paragonati, perché l’Ucraina è un paese indipendente, riconosciuto dalla comunità internazionale.

– La Cina continuerà ad aderire a questo. Taiwan, invece, considera la Cina parte della Cina, una provincia che si è staccata e vive di vita propria. Verovic spiega che questo significa che Xi e i suoi colleghi lo vedono, e che possono fare quello che vogliono: attaccare o meno, ma è una questione interna cinese con cui nessun altro ha a che fare.