Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Sembra scuro – VG

Dimostrazione: un uomo canta slogan durante una protesta contro il golpe militare, giovedì 30 dicembre.

E giovedì si è assistito all’undicesima grande manifestazione contro il golpe militare nel Paese. Le forze di sicurezza sudanesi hanno sparato e usato gas lacrimogeni contro i manifestanti. Ha confermato l’uccisione di quattro persone dopo la manifestazione di oggi.

Inserito:

Il 25 ottobre di quest’anno l’esercito ha preso il potere in Sudan. Da allora ce ne sono stati tanti Manifestazioni e sommosse Nel Paese, di cui undici significativi, ne sono stati accertati 52 in totale. Molti feriti.

Giovedì ha annunciato nuove manifestazioni per chiedere democrazia e coraggio L’esercito che ha preso il potere in ottobre.

Secondo l’NTB, migliaia di sudanesi sono scesi in piazza. È stato annunciato prima delle manifestazioni problema di internet nel paese. Il direttore nazionale di Norwegian Church Aid in Sudan, Bertie Marie Olvesiter, ha parlato con VG giovedì alle 21:00. Poi ho riguadagnato la copertura internet e mobile circa un’ora fa. È nella capitale, Khartum.

– È una situazione confusa, siamo rimasti a casa, le strade erano chiuse ed era impossibile uscire. Ora sto cercando di contattare i miei colleghi per sapere come stanno.

Dimostranti: giovedì 30 dicembre diverse migliaia di persone hanno manifestato in diversi luoghi del Sudan. L’immagine proviene dalla capitale, Khartoum.

Molti sono rimasti feriti e uccisi

Norwegian Church Aid ha 155 dipendenti in Sudan. La maggior parte di loro sono locali.

– La situazione della sicurezza qui è incerta e molti sono frustrati e non vogliono arrendersi. Continueranno a tempo indeterminato. Ci sono sempre manifestazioni, dice Olvesiter, ma sono le grandi manifestazioni, come oggi, in cui le persone vengono ferite e uccise.

READ  Joe Biden e Kamala Harris -

È stato difficile per Ulveseter ottenere informazioni, ed è attenta a ciò che dice a VG riguardo alla propria sicurezza e a quella dei suoi colleghi.

– Le forze di sicurezza sarebbero state informate della possibilità di un uso illimitato della forza. Le ambulanze devono aver avuto problemi ad arrivarci e i feriti sono stati portati in luoghi sconosciuti. Ma ci sono informazioni non confermate.

– Le forze di sicurezza sparano proiettili affilati e hanno cecchini, quindi è chiaro che molti sono stati feriti e uccisi, ha detto.

In alto: un manifestante sudanese si arrampica su un lampione nella capitale, Khartoum.

ha preso il potere con un colpo di stato

Nel 2019, il paese è poi diventato Il deposto dittatore Omar al-Bashir A seguito delle proteste contro di lui e contro il regime. Nell’agosto dello stesso anno, Abdullah Hamdok è stato insediato come primo ministro del paese.

I militari hanno preso il potere con un colpo di stato il 25 ottobre di quest’anno, ponendo Hamdok agli arresti domiciliari. Il 21 novembre, il primo ministro Abdalla Hamdok è stato reintegrato dopo aver concordato un accordo politico con il generale Burhan.

– Il primo ministro Abdalla Hamdok ha dovuto creare un nuovo governo tecnocratico sui giornali, spiega il professor emerito Gunnar M. Sorbo, al Chr. Michelsen per VG.

Sorbo ha studiato il Sudan per un certo numero di anni e vede il paese come la sua seconda casa.

Governo tecnocratico significa che nessuno dei membri del governo è un politico, ma piuttosto esperti nei loro campi. Questa soluzione dovrebbe essere il percorso graduale del Sudan verso la democrazia, ma non è stato facile.

READ  La medicina norvegese può essere efficace contro una grave malattia coronarica - VG

– Questo governo dovrebbe durare fino alle elezioni del prossimo anno, ma è chiaro che Hamdok non ha ricevuto alcun sostegno. L’esperto sudanese spiega che quando a persone di talento è stato chiesto di sedersi al governo, hanno rifiutato, quindi non è stato in grado di formare un governo per diverse settimane.

Dimostrazione: giovedì 30 dicembre migliaia di persone hanno manifestato in diversi luoghi del Sudan. L’immagine proviene dalla capitale, Khartoum.

La paura della democrazia fuma

Sorbo afferma che i manifestanti vogliono uno sviluppo democratico con partiti politici ed elezioni libere, non ultima la cessazione di un sistema profondamente corrotto in cui i militari controllano parti molto ampie dell’economia.

– I manifestanti credono che l’opportunità della democrazia passerà se ai militari sarà permesso di mantenere il potere. Hanno combattuto per una transizione democratica in Sudan, il Sudan è indipendente dal 1956, ma la maggior parte di questi anni il Sudan è stato governato dai militari, ha detto.

Sorbo spiega a VG che è difficile sapere esattamente cosa sta succedendo nel Paese ora, ma questo non sembra positivo per il futuro democratico del Paese.

– Non sappiamo davvero quale sia la situazione su Internet, ci sono poche informazioni in arrivo, ma ciò che sta accadendo in Sudan ora non è una cosa molto positiva. L’esercito sembra stringere la presa e soffocare la rivoluzione.

“Rivoluzione in corso”

L’esperto sudanese afferma che l’esercito sta facendo tutto il possibile per impedire che i manifestanti riescano a farlo. Tra l’altro, per creare problemi a Internet.
I golpisti fanno questi interventi per impedire alle persone di comunicare tra loro e di comunicare tra loro. Quindi non si tratta in primo luogo di noi che siamo in altri paesi e vogliono contattare il Sudan, ma di fermare le possibilità di contatto interno.

READ  Rischio persistente di confronto - VG

L’NTB ha scritto che i manifestanti di giovedì hanno cantato “la rivoluzione continua” suonando i tamburi e sventolando bandiere. Si dice che i manifestanti fossero a centinaia di metri dal palazzo presidenziale quando le forze dell’esercito, della polizia e dei gruppi paramilitari hanno attaccato la folla.

Sorbo crede che abbiano cercato di occupare il palazzo.

Il meglio che possono ottenere allora è cadere lì dentro in una forma “seduta”. È così che è riuscita la rivoluzione nel 2019, dove sono stati sospesi per diversi giorni in un simile “sit-in”, ma è chiaro che gli è stato impedito di farlo con gas lacrimogeni e violenza, ha detto.
L’esperto sudanese ritiene che i manifestanti stiano sacrificando troppo.

– Di tanto in tanto spara per uccidere, quindi ci sono manifestanti che rischiano molto. Tuttavia, è chiaro che non intendono arrendersi. Al momento può sembrare troppo squallido, ma tutte le forze buone sperano in un qualche tipo di compromesso, ma non so se funzionerà.

Una persona vicina alla protesta ha pubblicato questo video su Twitter: