Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Serie A, Christopher Askelsen | Il cambio di allenatore ha cambiato la vita quotidiana di Christopher (20) in Italia

Il tempo di gioco di Christopher Askelsen in Serie A è aumentato drasticamente dopo la scomparsa di Claudio Ranieri dalla poltrona di allenatore.

La scorsa stagione, Christopher Askelsen ha giocato poco più di 90 minuti in sei turni di Serie A con la Sampdoria.

Il 20enne vive ancora in parte all’ombra del compagno di squadra Morten Thorsby ed è un giocatore chiave della rosa, ma quest’estate è successo qualcosa che ha cambiato la vita di Askelsen a Genova.

Leggi anche: Nettavisen e Amedia acquistano i diritti della Ligue 1

Poi il veterano allenatore Claudio Ranieri si è ringraziato ed è stato sostituito dal 46enne Roberto Daversa.

Questo ha aumentato il tempo di gioco, finora, in modo significativo per l’ex giocatore dello Stabæk.

Cambiare allenatore mi ha fatto bene

All’incontro con l’Inter dello scorso fine settimana, Askelsen è stato il primo D’Aversa a uscire dalla panchina quando ha voluto apportare modifiche all’accordo conclusosi 2-2.

Anche se Ranieri mi piace molto, sento che il cambio di allenatore mi ha fatto bene. Per un giocatore giovane, è meglio averlo come lo abbiamo adesso. È un po’ più giovane e affamato, quindi vuole anche fare bene. Askelsen dice a Netavisen che avere un allenatore del genere fa sentire bene.

Leggi anche: Seguiamo direttamente il mercato di transizione

Nonostante la mancanza di tempo sotto Ranieri, Askelsen crede che sia stata una grande esperienza avere l’ex allenatore di Chelsea e Leicester come allenatore.

– Come specie, è molto carino. Anche come allenatore è bravo, ma non ho giocato molto sotto di lui. Allo stesso tempo, il calcio è così e puoi, almeno non quando sei giovane, aspettarti di giocare tutto. Penso che sia una bella esperienza, ma allo stesso tempo bella con un nuovo tipo di allenatore e una nuova vita quotidiana, dice.

Valori futuri

Il centrocampista non nasconde di pensare di lasciare il club quest’estate. Dopo il set D’Aversa, si voltò.

READ  Ecco come vedi Haaland e Ødegaard su VG + Sport quest'estate - VG

Sei sempre in dubbio dopo una stagione come quella che ho fatto l’anno scorso, quando ho giocato cinque o sei partite. È importante giocare. Sento di aver fatto davvero bene in allenamento e poi abbiamo avuto una partitella poco prima di iniziare, dove ho giocato 90 minuti e ho fatto davvero bene. Allora dovevo solo restare qui e provare. Askelsen dice che sembra essere stata la scelta giusta finora, quindi vedremo a tempo debito.

Leggi anche: L’ex allenatore del Real Madrid condivide la teoria su Ødegaard

Ha gestito bene il passaggio dalla serie elite norvegese alla massima serie, nonostante capisca che i contrasti sono grandi.

– Ci sono requisiti più elevati. Quando ero a Stabæk mi sentivo molto a mio agio, e questo è suonare in Norvegia. Non tacere troppo se commetti errori, e non sono molti quelli che ti sfidano. Almeno mi piace giocare fuori, perché pensa che avrai grandi sfide.

Un saluto al suo mitico collega

Il leggendario attaccante Fabio Quagliarella è uno dei suoi compagni di squadra che probabilmente sa meglio cosa serve per consegnare anno dopo anno in Serie A.

Il 38enne ha segnato 177 gol in Serie A e con una buona stagione potrebbe superare, tra gli altri, Alessandro Del Piero ed entrare nella top ten dei giocatori che hanno segnato più gol nella storia della Serie A.

Askelsen è pieno di elogi per il suo compagno di squadra.

Gode ​​di un alto profilo sia in squadra che in città. Ha giocato qui anche prima, prima di andare e tornare. Quando si pensa alla Sampdoria, molti ci pensano prima. Askelsen dice che è una personalità gentile e gentile nella squadra.

– Cosa hai imparato giocando con lui?

Quello che ho imparato da lui è la mentalità da coach. Ha 38 anni e non smette mai di allenarsi, lavora sempre e non si lamenta mai. Questo è un modo per essere umili. Non decolla, anche se sa di essere bravo. Fa tutto ciò che deve essere fatto, dice rispetto.

– Quindi non ci sono trucchi da star di cui tenere traccia?

– È un po’ una star, ovviamente, ma questo deve mancare, dice Askelsen, che descrive il suo compagno di squadra come una leggenda.

Il quotidiano online ha garantito i diritti della Lega francese 1:

Ecco come guardi le partite

D’ora in poi vedrai le super abilità di Lionel Messi in Nettavisen e nei canali Amedia.

Puoi guardare le partite Entrambi nel normale browser (mobile, tablet e desktop) e sulla tua TV Se hai una smart TV o Apple TV più recente.

1: Ottieni un abbonamento Nettavisen Pluss, se non ne hai già uno

2: Cerca “Sport in diretta” nell’App Store sul tuo dispositivo.

3: Scarica l’app e segui le istruzioni sullo schermo per accedere con il tuo abbonamento.

Le app funzionano su dispositivi Apple TV con tvOS 11.0 o versioni successive. Cioè, modelli Apple TV HD e 4K. Per Samsung e LG, è necessario disporre di una smart TV prodotta nel 2017 o in seguito.

Puoi guardare le partite Entrambi nel normale browser (mobile, tablet e desktop) e sulla tua TV Se hai una smart TV o Apple TV più recente.

READ  Viene multato di milioni e rischia di sottrarre punti - VG

1: Ottieni un abbonamento Nettavisen Pluss, se non ne hai già uno

2: Cerca “Sport in diretta” nell’App Store sul tuo dispositivo.

3: Scarica l’app e segui le istruzioni sullo schermo per accedere con il tuo abbonamento.

Le app funzionano su dispositivi Apple TV con tvOS 11.0 o versioni successive. Cioè, modelli Apple TV HD e 4K. Per Samsung e LG, è necessario disporre di una smart TV prodotta nel 2017 o in seguito.

Lavorare con il linguaggio

La Samp ha anche una piccola delegazione scandinava con Albin Ekdal (Svezia), Mikkel Damsgaard (Danimarca), oltre a Morten Thorsby e Christopher Askelsen.

Askildsen pensa che fosse una sicurezza all’inizio, ma ora si sente parte della squadra, e la lingua è qualcuno con cui lavora ogni giorno.

– Non sono fluente, ma capisco molto, quindi cerco di sfidarmi a parlare. Ci sono alcuni bug qua e là, ma è proprio così.

Non pensare alla Nazionale

Anche se la Sampdoria punta più in alto e la fiducia in se stessi aumenta con il tempo, la nazionale di Askelsen non sta ancora sacrificando molte idee.

– Ora penso che ci qualificheremo per il Campionato Europeo Under 21. Abbiamo iniziato bene lì, ed è proprio quello che sto pensando alle vendite di terreni in questo momento.

– Dovrebbe essere l’esperienza con la cosiddetta squadra nazionale di emergenza che ha dato più sapore?

– È stata un’esperienza meravigliosa, … un’esperienza meravigliosa e strana. Askelsen dice che non è qualcosa a cui vai a pensare molto dopo.

Tuttavia, la cosa a cui sta pensando è cercare i primi tre punti dell’anno con la Sampdoria. La prima occasione arriva domenica alle 12.30 contro l’Empoli.