Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Serie Elite, crusca | Branns nuovo direttore sportivo: – Era un estremista

Jimmy Nagel Jacobsen era sollevato e felice dopo la tanto attesa vittoria di sabato su Lillstrom. Il danese ammette che il suo primo periodo a Bergen non è stato affatto semplice.

L’allenatore ad interim di Bran, Eric Hornland, ha espresso il desiderio di diventare assistente allenatore dopo la stagione in corso. A Sogndal, Eirik Bakke ha già annunciato che passerà a nuove missioni dopo il 2021.

A Bergen, il direttore sportivo danese di Bran, Jamie Nagel Jacobsen, guida la ricerca del prossimo allenatore della squadra.

– Lo facciamo costantemente, ma ora scegliamo di cercare di calmarlo, in modo che il nostro staff tecnico abbia ora l’opportunità di concentrarsi su allenamenti e partite, afferma Nagel Jacobsen a Netavizen dopo I tre punti di interesse del sabato a Åråsen.

La vittoria ha permesso alla squadra di salire di una posizione in classifica con una differenza reti migliore rispetto a Stabæk.

Leggi anche

Glimt conferma: RBK ha contattato Knutsen

– L’unica cosa che va in giro

Nagel Jacobsen vuole concentrarsi il meno possibile su chi sarà alla guida della squadra in futuro, ma resta chiaro che il compito di identificare il prossimo allenatore del club è un processo continuo.

– A tua volta, la domanda sul coaching non è qualcosa che hai rimandato a dicembre?

– ovviamente no. Nello stesso modo in cui monitoriamo lo sviluppo dei giocatori, monitoriamo anche lo sviluppo dell’allenatore, dice chiaramente.

Il danese vuole concentrarsi un po’ su un compito complesso questo autunno. Bran è ancora sotto la striscia di retrocessione dopo 18 partite. Finché Tromso non sarà al sicuro, c’è solo una differenza di due punti.

Bergen avversario nella prossima partita di squadra di domenica prossima: appunto Tromsø.

– Quello che abbiamo concordato è di concentrarci ora su questo semestre autunnale. Questa è davvero l’unica cosa che conta per noi. Eric (nota del redattore di Hornland) ha accettato di guidare la squadra fuori stagione e questo è il nostro unico obiettivo. Nient’altro è stato concordato.

READ  Europa League - estremamente nera

– In questo modo possiamo dire che siamo fiduciosi di essere in buone mani. Poi guarderemo l’altro più tardi, non concentrandoci su quello adesso. Ora si tratta di vincere le partite e ottenere punti, afferma Nagel Jacobsen.

Per ora, è Eirik Horneland che siede sulla sedia dell’allenatore. È un lavoro che non vuole lui stesso quando diventerà 2021-2022. Haugalendingen prevede chiaramente il futuro come assistente allenatore.

– Sono andato fino in fondo perché era un lavoro che ero molto felice di avere quando sono venuto qui nell’ottobre dello scorso anno. Volevo un ruolo in cui avrei potuto lavorare molto con il calcio. Mi sono davvero divertito. Il club ha quindi scelto di finire con Curry e poi ha raccolto il guanto di sfida per perderlo durante la caduta. “Vedremo come il club lo risolverà ulteriormente da lì”, dice Hornland a Netavizen.

– Perché non era chiaro che volevi diventare un assistente dopo che il club aveva licenziato Curry, in modo che un altro allenatore potesse partecipare immediatamente?

– Era perché il club non aveva candidati chiari lì allora. Avevano bisogno di qualcuno per risolverlo e mi hanno anche chiesto di farlo durante tutto l’anno in modo da avere il tempo di stabilire il quadro per il 2022 e oltre. continua.

– Troppo frenetico

Dopo la partita di sabato, Hornland e Nagel Jacobsen sono rimasti fianco a fianco sul tappeto bagnato di Åråsen. Il duo era chiaramente felice e sollevato dopo la buona prestazione di Bran.

Insieme ai tifosi ospiti, hanno celebrato una vittoria tanto attesa.

READ  TIX non ha deluso con il 18 ° posto:

Vittoria per noi molto. Questi tre punti danno grande fiducia nel fatto che abbiamo le qualifiche per raccogliere punti nelle prossime partite, ha detto con calma Nagel Jacobsen a Netavisen dopo l’accordo.

Gli è stato affidato un compito formidabile nel suo seno dopo che il danese ha lasciato Esbjerg e si è trasferito a Bergen.

– Brann è arrivato in un momento turbolento. Hai mai immaginato come sarebbe il tuo nuovo lavoro?

– È stato un inizio più frenetico di quanto mi aspettassi, ma questo è il calcio. Nel momento in cui dici di sì a questo lavoro e ti prendi un po’ di tempo prima di entrare, possono succedere molte cose, dice che sa che sono successe molte cose da quando è stato introdotto al lavoro alla fine di maggio.

Leggi anche

I giocatori di Bran rispondono all’esperto di calcio di Eurosport Joasim Johnson

Il 1 luglio sono iniziati i lavori. Il 19 luglio, l’allenatore Kåre Ingebrigtsen è stato licenziato. Dopo circa tre settimane Dare la notizia di aver parlato di un nachspielet al Brann.

Il 46enne è stato gettato nello scompiglio.

– È stato un inizio un po’ più frenetico di quanto pensassi io e tutti gli altri. È importante risolverlo il più possibile in collaborazione con il resto dei membri del club. Ora speriamo e crediamo di poter avere un po’ più di pace e concentrarci su cosa si tratta, la partita in campo.

– Hai mai provato qualcosa di simile prima?

– Non credo. Forse non ho avuto mesi così frenetici come questo. Quando accetti un lavoro come questo, sai che un periodo come questo può arrivare, ma è stato molto frenetico, spiega.

READ  Olimpiadi di Tokyo - Gare:

Leggi anche

I danni causati dal nuovo contratto con il Rosenborg Adrian Pereira

Hornland: – Gli è stato chiesto di fare un lavoro

Oltre al periodo turbolento, Brann è stato attivo anche nel mercato di transizione prima della sua chiusura il 1° settembre. Sono entrati tanti giocatori. Inoltre, molti giocatori hanno lasciato Bergen per vari motivi.

Nagel Jacobsen sentiva la pressione sul suo corpo.

Il calcio riceve molta attenzione. Questo è il modo in cui vive il calcio e ciò che amiamo nel bene e nel male. Sai che puoi andare in periodi come questo e che può succedere qualcosa, ma non l’avrei mai immaginato.

– Sei d’accordo con tutte le decisioni prese in Bran dopo che questa situazione è emersa?

– Adesso preferisco parlare di calcio e partite, ma sì, sono d’accordo con le decisioni che sono state prese, è la risposta chiara del danese.

Nagel Jacobsen non vuole approfondire nomi specifici nel processo di ricerca degli autobus. Buck ha detto meno di due settimane fa Bergens Tidende “Non è facile per lui entrare (nella nota dell’editore di Brann) e quel tempo dirà” se alla fine diventerà il nuovo capo allenatore di Brann.

Hornland pensa che Buck non sia l’unico che può immaginare il lavoro.

– Penso che ci siano molti che vogliono questo lavoro. Può affrontare molta competizione per questo. Non ho idea di chi sarà la persona giusta, spetterà al direttore sportivo, alla direzione e al consiglio di amministrazione considerare, conclude Hornland a Nettavisen.