lunedì, Luglio 22, 2024

Sette candidati vengono selezionati prima della corsa per la nuova leadership

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

Oggi, venerdì, il Partito conservatore britannico ha subito la peggiore sconfitta dalla sua fondazione nel 1834.

Il leader del partito ed ex primo ministro Rishi Sunak ha già annunciato le sue dimissioni, ma ha affermato che rimarrà al suo posto finché non saranno completati i processi formali per la scelta del suo successore.

Finora nessuno dei 121 membri del Partito conservatore ha annunciato ufficialmente la propria candidatura alle elezioni.

Non è ancora stato deciso se il partito si lancerà in una nuova battaglia per la leadership o aspetterà il momento giusto.

Ma se gli ultimi anni si ripetessero, potrebbero esserci dure battaglie con sporchi trucchi, colleghi politici che si tradiscono a vicenda e rivelazioni di errori passati.

Sfidante: Nigel Farage è stato eletto per il Reform Party al suo ottavo tentativo di diventare membro del Parlamento britannico. Foto: Joe Giddens/Pa Foto/NTB

Con le regole attuali, se non ci saranno cambiamenti, i parlamentari conservatori voteranno prima per i candidati alla leadership in più turni. La persona con meno voti in ogni turno viene eliminata.

I membri del partito devono quindi scegliere tra i due più popolari.

Due questioni centrali per il partito sono:

  • Il partito dovrebbe collaborare con l’ex generale della Brexit Nigel Farage e Partito riformista?

Si ritiene che i parlamentari siano più centristi dei normali membri del partito. D’altro canto, la base di base di un partito è spesso più di destra degli elettori:

  • I candidati di destra più controversi riusciranno a raggiungere i voti dei deputati decisivi o perderanno alle primarie contro i rappresentanti più moderati?

I media britannici hanno evidenziato sette candidati volte, BBC, mail giornaliera E custode:

Kimmy Badenoch (44)

Foto: Lucy North/Pennsylvania Images/NTB

L’ex segretario agli affari è stato indicato come il favorito per la posizione di leadership da diversi media britannici.

Secondo il Times, è considerato un guerriero “anti-risveglio” che coinvolge la base del partito. Nella campagna elettorale aveva promesso di vietare alle persone transgender di partecipare a eventi o luoghi destinati alle donne, come corsi di sport femminili o reparti di maternità.

È arrivato quarto e ha guadagnato la fama nazionale nel 2022. Fino ad allora era abbastanza sconosciuto.

Era anche popolare tra gli attivisti mostrando pubblicamente lealtà a Rishi Sunak. Ma secondo il giornale potrebbe avere difficoltà a convincere i suoi colleghi della Camera dei Rappresentanti.

La chimica aprirà un dibattito in una stanza vuota, dice al giornale un anonimo collega di partito.

James Intelligentemente (54)

Foto: Naina Helen Jama/VG

L’ex ministro degli Esteri è deputato al Parlamento dal 2015.

È stato nel governo di Boris Johnson, Liz Truss e Rishi Sunak. È diventato il primo ministro degli Esteri nero nella storia britannica. Dall’inverno 2023 è ministro dell’Interno.

È stato menzionato come una figura unificante dal Times.

Ha rilasciato dichiarazioni in diverse occasioni, anche quando ha chiesto ai tifosi LGBT di rispettare la legge locale durante la Coppa del Mondo FIFA in Qatar.

Ha anche negato di aver preso in giro Stockton-on-Tees e si è scusato per aver scherzato sul fatto di aver messo della droga nel drink di sua moglie, ha riferito la BBC.

Robert Jenrick (42)

Fotografia: Maja Smijkowska/Reuters/NTB

L’ex ministro della Giustizia è stato uno dei politici più severi nella politica di immigrazione del partito.

Nel 2023 si dimise perché riteneva che il piano di inviare i richiedenti asilo in Ruanda non fosse sufficiente. Ha anche ordinato la pittura di murali di cartoni animati in un centro di accoglienza per bambini che arrivano come richiedenti asilo a Dover.

La sua posizione intransigente può servire da deterrente per i parlamentari centristi.

Priti Patel (52)

Foto: Victoria Jones/Pennsylvania Images/NTB

L’ex ministro degli Interni è stato costretto a dimettersi dalla carica di ministro degli Aiuti sotto Theresa May dopo aver tenuto incontri informali con funzionari del governo israeliano.

Ha rafforzato la politica sull’immigrazione mentre era ministro ed è diventata nota per le sue dichiarazioni controverse. Firmato un accordo con il Ruanda per inviare lì i richiedenti asilo. I giocatori inglesi che si sono inginocchiati per protestare contro il razzismo sono stati criticati in sintonia con il movimento Black Lives Matter.

È stata sorpresa a violare le regole su come dovrebbe comportarsi un ministro britannico, ma nega di aver mai molestato lei stessa le persone.

Tom Tugendhat (51)

Foto: Tolga Akmen/AFP/NTP

L’ex ministro della Sicurezza si è candidato alla leadership quando Liz Truss ha vinto.

Ha poi cercato di convincere i colleghi che lui rappresentava un nuovo inizio e poteva sanare le ferite della Brexit nel partito e nel Paese.

L’ex ufficiale è visto come un candidato centrista, il che potrebbe rendere difficile convincere la base di destra. Ha votato per rimanere nell’Unione Europea quando il Regno Unito ha votato per l’uscita nel 2016. Ha criticato fortemente il ritiro della NATO dall’Afghanistan nel 2021.

Secondo la BBC, le sue possibilità potrebbero aumentare dopo che la candidata centrista Penny Mordaunt ha perso il suo seggio parlamentare alle elezioni.

Suella Bravermann (44)

Foto: Andrew Matthews/Pa foto/NTB

A destra del partito c’è l’ex ministro dell’Interno.

È stato licenziato dal suo incarico di ministro dell’Interno nel 2023 dopo aver accusato la polizia di essere politicamente motivata e troppo indulgente nella gestione delle manifestazioni filo-palestinesi. Braverman le ha descritte come “marce dell’odio” e ha affermato che gli islamici e gli estremisti governano il paese.

Anche lei si è dimessa dallo stesso lavoro nell’ottobre 2022, dopo aver inviato un documento ufficiale dalla sua email personale.

Un critico vocale delle politiche di immigrazione di Rishi Sunak dopo le sue dimissioni. Il Times scrive che lei è l’unica potenziale candidata alla leadership ad aver affermato finora di ritenere giusto stipulare un accordo o collaborare con Nigel Farage.

Vittoria Atkins (48)

Foto: Lucy North/Pennsylvania Images/NTB

L’ex ministro della Salute promosso sei mesi prima delle elezioni.

Favorito dalle forze moderate del partito. Non ha rifiutato di voler correre. È stato eletto alla Camera dei Rappresentanti nel 2015.

L’ex vice primo ministro Oliver Dowden ha descritto Atkins come una “star”. Ma potrebbe avere difficoltà a conquistare i tifosi se dovesse raggiungere la fase decisiva.

Pssst! L’ex Cancelliere dello Scacchiere e Segretario alla Sanità Jeremy Hunt ha detto che era troppo tardi per lui per diventare leader in un’intervista a GB News. Aveva provato a diventare un leader due volte prima. Anche due potenziali candidati alla leadership hanno perso i loro seggi in Parlamento nella storica sconfitta del partito, rendendoli irrilevanti: l’ex leader della Camera dei Comuni, Penny Mordaunt, e l’ex segretario alla Difesa Grant Shapps.

Una versione precedente di questo articolo affermava che Dame Priti Patel è un membro della Camera dei Lord. questo non è vero. È stata rieletta rappresentante di Witham alla Camera dei Comuni britannica nelle elezioni. L’articolo è stato corretto il 16.11 il 24.7.8.

READ  Janie Olson Diller: - Rivela i suoi piani di trasferimento

More articles

Latest article