Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Si rifiuta di prendere la parola in bocca

In un vicolo buio a nord di Manhattan, ci sono quattro abbaglianti cupole a cipolla verde contro il cielo notturno.

Dietro le pesanti porte di quercia della sede della Chiesa ortodossa russa in Nord America si nasconde un mondo in netto contrasto con le strade trafficate di New York.

Il rumore del traffico proveniente dalla strada viene inghiottito dai muri di mattoni. L’odore dell’incenso aleggiava nell’aria. Le pareti sono decorate con icone e dipinti dorati con iscrizioni in cirillico.

Un altro mondo: la cattedrale di San Nicola a New York fu costruita nel 1902 su progetto dell’architetto John Bergsen, che nonostante il suo nome norvegese si dice sia di origine russa Immagine: Wikimedia Commons.

Padre Nicodim, che porta il titolo di abate del monastero, dice che qui non si ricevono spesso estranei.

Tv 2, infatti, secondo lui, è il primo mezzo di informazione a sbarcare alle porte, almeno dopo l’inizio della guerra contro l’Ucraina.

“Ma i giornalisti americani si nascondono fuori per lanciarsi contro i membri della chiesa e interrogarli”, dice sdegnosamente.

giustificare la guerra

La Chiesa ortodossa russa è stata accusata di giustificare gli attacchi di Vladimir Putin all’Ucraina.

Dopo l’inizio dei combattimenti il ​​24 febbraio, diverse congregazioni si sono staccate dal capo della chiesa, il patriarca Kirill.

Ma non la cattedrale di New York.

– Tutti noi sentiamo un grande dolore nei nostri cuori, dice padre Nikodem a TV 2 quando gli viene chiesto dell’Ucraina.

Lui stesso afferma che la Chiesa qui non prende posizione sul conflitto che imperversa in Europa, ma quando gli viene chiesto di parlare dei retroscena della guerra, dal Cremlino arrivano note accuse.

Sostiene la guerra: il capo della Chiesa russa, il patriarca Kirill, ha rilasciato ripetute dichiarazioni a sostegno della guerra di Putin in Ucraina.  Foto: Wikimedia Commons.

Sostiene la guerra: il capo della Chiesa russa, il patriarca Kirill, ha rilasciato ripetute dichiarazioni a sostegno della guerra di Putin in Ucraina. Foto: Wikimedia Commons.

– Hanno molestato gli ortodossi russi. Hanno preso il controllo delle nostre chiese. Ci discriminavano a causa della nostra nazionalità e lingua. Siamo profondamente preoccupati per i nostri fratelli e sorelle nell’Ucraina orientale, che sono stati oggetto di aggressioni militari da parte dei loro stessi compatrioti.

parola proibita

In Russia, le autorità hanno vietato la guerra in Ucraina come guerra.

Quando TV 2 chiede al sacerdote come lui chiama cosa sta succedendo, diventa insicuro.

– È una domanda difficile, a cui rispondere, prima di intraprendere una riflessione globale sul fatto che gli eventi sul campo in Ucraina sono soggetti a interpretazioni soggettive.

Ma puoi qui a New York chiamare guerra una guerra?

– Non sono. Non perché le autorità russe lo proibiscano, ma perché pronunciare questa parola apertamente, da prete, può suscitare i sentimenti delle persone.

Impegno: manifestazioni a sostegno dell'Ucraina si tengono regolarmente a Washington e in altre città degli Stati Uniti.  Foto: Øystein Bogen/TV 2.

Impegno: manifestazioni a sostegno dell’Ucraina si tengono regolarmente a Washington e in altre città degli Stati Uniti. Foto: Øystein Bogen/TV 2.

Include non solo devoti russi, ma molti ucraini e altri di lingua russa provenienti da paesi come Moldova, Kazakistan e Polonia. E la guerra, che non poteva essere definita guerra, era già motivo di contesa tra i fedeli.

La Chiesa dovrebbe cercare di far uscire le persone dal vortice delle passioni e delle differenze politiche e portarle a un livello superiore. Se non lo facciamo, il mondo intero cadrà a pezzi, dice Nicodim a TV 2.

Minacce e istigazione

A causa dell’apparente sostegno del patriarca a Putin e dell’insolitamente forte impegno degli americani nei confronti dell’Ucraina, anche i fedeli di New York hanno ricevuto contraccolpi.

Secondo il parroco, c’era un flusso costante di istigazioni e minacce tramite lettere ed e-mail. Alcuni sono addirittura venuti in chiesa e hanno agito in modo minaccioso. A un certo punto, la polizia di New York aveva una guardia di sicurezza 24 ore su 24 fuori dalla cattedrale.

– Quante minacce hai ricevuto?

– Ce n’erano diverse centinaia. Centinaia, il prete ride rassegnato.

Culto: la Chiesa russa a New York è la più grande del mondo, al di fuori della Russia.  Foto: Øystein Bogen/TV 2.

Culto: la Chiesa russa a New York è la più grande del mondo, al di fuori della Russia. Foto: Øystein Bogen/TV 2.

Crede che né gli americani né nessun altro dovrebbero interferire in ciò che sta accadendo in Ucraina, perché è un “affare interno” tra due popoli fraterni.

– Questa tragedia è accaduta in casa nostra. nella nostra famiglia. Nella nostra famiglia slava ortodossa russa. Questa è la nostra tragedia, dice con fermezza padre Nicodim.

Ora spera che la temperatura scenda presto e che i devoti possano almeno andare avanti.

– Non c’è niente che possiamo fare per la situazione. Quello che è successo è successo. Che sia stato un bene o un male, quello che è successo non ha nulla a che fare con la questione. Meglio guardare al futuro.

READ  Gli Stati Uniti inviano "droni kamikaze" in Ucraina - NRK Urix - Notizie e documentari esteri