Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Sono addestrati ad attaccare gli omosessuali

È il primo gay del Qatar ad apparire in pubblico. Nasir Muhammad ora vive in esilio negli Stati Uniti.

Teme ancora per la sua vita.

“Non mi sento al sicuro, soprattutto dopo che sono ufficialmente uscito”, dice a TV 2.

L’omosessualità è un crimine e può essere punito fino a sette anni di carcere in Qatar.

Dopo essere apparso alla BBC, ha ricevuto minacce di morte, ma anche un gran numero di richieste da parte di altri gay provenienti da tutto il Medio Oriente che vivono in segreto.

– Abbiamo tutti paura di parlare. Ma è importante, soprattutto adesso.

– Nel 2022 sarò il primo a fare coming out. Questo da solo dovrebbe raccontare la storia di ciò che ci sta accadendo.

L’assegnazione della Coppa del Mondo di quest’anno non ha reso facile la vita a gay, lesbiche, bisessuali, transgender e intersessuali in Qatar.

Al contrario, secondo Nasser.

– Ho lasciato il Qatar diversi anni fa, ma ho ancora contatti con le persone che ci vivono – è diventato molto severo per le persone LGBT. Più di prima. È assolutamente impossibile esistere socialmente, legalmente nel sistema sanitario, sentirsi al sicuro e viverci.

Bandito: per le strade di Doha non ci sono influenze arcobaleno o persone gay che mostrano il loro amore per le strade. Foto: Marte Christensen/TV2

– Esercitati ad attaccare gli omosessuali

Tutti sono i benvenuti durante la Coppa del Mondo che si svolge a novembre/dicembre, ha affermato il Direttore della Coppa del Mondo Hassan Al Thawadi.

Nel frattempo, il maggiore generale Abdulaziz Abdullah Al-Ansari ha dichiarato che le bandiere arcobaleno possono essere tolte ai fan durante i Mondiali del Qatar.

Per proteggerli dall’attacco

Partecipa al monitoraggio della sicurezza intorno all’evento della Coppa del Mondo.

Avvertimento contro le bandiere arcobaleno: il maggiore generale Abdul Aziz Abdullah Al-Ansari. Foto: Darko Bandic

– Dicono di voler confiscare le bandiere arcobaleno per proteggere i fan, e c’è qualcosa di reale in questo. Perché siamo sotto attacco lì. Cosa succede se succede qualcosa a un tifoso di calcio? chiede Nasir Muhammad.

La polizia e la comunità sono addestrate ad attaccare i gay.

Imparano che l’omosessualità è il male.

– Come pensi che sarà per i fan gay durante la Coppa del Mondo?

Ad essere sincero, sono preoccupato per i fan. Perché i tifosi si allenano da tempo per attaccarci. In che modo il loro allenamento in questi giorni cambierà gli elementi della Coppa del Mondo?

– Cosa sta facendo la polizia adesso?

– Questo è un campo minato, dice il capo football Liz Clavins.

Era molto preoccupata per quello che poteva fare con la sicurezza delle persone LGBT, quando era a Doha questa settimana.

Polizia: Liz Clavins è preoccupata che le autorità stiano assicurando che la polizia sia addestrata.  Foto: AFP

Polizia: Liz Clavins è preoccupata che le autorità stiano assicurando che la polizia sia addestrata. Foto: AFP

– Sta trovando il cemento. Cosa fanno ora le autorità per addestrare la polizia se c’è una persona che porta una bandiera arcobaleno davanti a una moschea? Cosa fa la polizia se si mette una bandiera arcobaleno in faccia?

Calvinismo influenzato dai romanzi di Abdel Nasser.

– È forte, questo è il primo gay open in Qatar. Dice qualcosa sulla disciplina e su quanto sia forte il controllo su questo problema.

Il capo del calcio ha fatto pressioni affinché il divieto dell’omosessualità del Qatar fosse revocato durante la Coppa del Mondo, senza successo.

– Ora dobbiamo lavorare concretamente per renderlo il più sicuro possibile durante il torneo e per fare in modo che i gay del Qatar si muovano in una direzione positiva dopo.

Impatto: il capo del calcio Liz Clavins ha detto che è stato incoraggiante ascoltare la storia di Nasser Mohamed.  Foto: Marte Christensen/TV 2

Impatto: il capo del calcio Liz Clavins ha detto che è stato incoraggiante ascoltare la storia di Nasser Mohamed. Foto: Marte Christensen/TV 2

– Le bandiere arcobaleno non appariranno

Marie Norback crede che i tifosi di calcio gay che si recano in Qatar abbiano un background privilegiato che offre una certa protezione.

È una borsista post-dottorato presso il Christian Michelsen Institute e conosce molto bene le condizioni in Qatar.

PRIVATO: L'antropologa sociale Marie Norbach crede che i tifosi di calcio gay in visita otterranno una certa protezione in Qatar.  Foto: Erik Teige/TV 2

PRIVATO: L’antropologa sociale Marie Norbach crede che i tifosi di calcio gay in visita otterranno una certa protezione in Qatar. Foto: Erik Teige/TV 2

Quando il direttore della Coppa del Mondo dice che tutti sono i benvenuti, penso che lo intenda. Ma poi per i sostenitori. Finché non mostrano amore in pubblico.

Nordback teme che alcuni vedranno gli effetti dell’arcobaleno come una provocazione.

– Non so se hai colto l’occasione oggi per andare con una bandiera arcobaleno o un braccialetto arcobaleno. E so che almeno non avrei colto l’occasione se fossi venuto da un paese dove anche l’omosessualità è vietata.

Solo bandiera FIFA: Rainbow Effects è illegale in Qatar.  Foto: Pål S. Schaathun/TV 2

Solo bandiera FIFA: Rainbow Effects è illegale in Qatar. Foto: Pål S. Schaathun/TV 2

Pensa che ci sia il pericolo di riportarla a casa con un messaggio che questa persona ha espresso solidarietà ai truffatori.

L’approccio comune per i visitatori che non rispettano le regole in Qatar è l’espulsione.

Tuttavia, Norback pone domande su chi concentrarsi in questa materia.

– Sono loro che viaggeranno e usciranno. O sono quelli che vivranno lì con le ricadute della Coppa del Mondo per il prossimo futuro?

Guardie di sicurezza ovunque: le telecamere a circuito chiuso e le guardie di sicurezza fanno parte della città di Doha.  Foto: Pål S. Schaathun/TV 2

Guardie di sicurezza ovunque: le telecamere a circuito chiuso e le guardie di sicurezza fanno parte della città di Doha. Foto: Pål S. Schaathun/TV 2

Beckham fa appello

Negli Stati Uniti, Nasser Mohammed ha fondato la sua compagnia campagna di firme.

Non pensa che sventolare bandiere arcobaleno durante la Coppa del Mondo possa aiutare, ma personalità forti come l’ambasciatore del Qatar David Beckham e i leader della FIFA devono alzare la voce.

Beckham sostiene subito i giocatori gay che escono allo scoperto. Ma quando si tratta di noi in Qatar e dei fan LGBT, non sentirai niente.

Ambasciatore del Qatar: David Beckham è uno degli ambasciatori della Coppa del Mondo.  Nella foto qui in una gara di Formula 1 nel paese.  Foto: Andrej Isakowicz

Ambasciatore del Qatar: David Beckham è uno degli ambasciatori della Coppa del Mondo. Nella foto qui in una gara di Formula 1 nel paese. Foto: Andrej Isakowicz

Dovrebbero essere le posizioni più influenti che non possono essere danneggiate dal Qatar, che dovrebbe parlare francamente.

Si teme che la situazione degli omosessuali in Qatar peggiori dopo la fine dei Mondiali.

– Ora il paese viene monitorato con i riflettori e questo può essere negativo per noi. La Coppa del Mondo offre a molte persone l’opportunità di esprimere le proprie opinioni e uscire da lì in seguito.

Ecco perché è così importante che anche i migliori calciatori come Liz Clavins lavorino per un cambiamento duraturo, dice.

Il suo discorso è stato importante, ma voglio sfidarla sul fatto che ha parlato di depenalizzazione solo dopo i Mondiali.

Channel 2 TV è stata in contatto con le autorità del Qatar e ha avuto l’opportunità di rispondere alle dichiarazioni di Nasser Mohammed in questo caso, ma finora non ha ricevuto alcuna risposta.

READ  Afghanistan: - - Sorprese talebane