Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Sono ora in vendita fino a 233,5 milioni di nuove azioni – E24

La liquidazione della quota dei creditori norvegesi è in arrivo. Investitori come Nordea e il preside Jan Peter Sissener tengono la porta aperta per gli acquisti quando le azioni vengono vendute sul mercato.

Nuove azioni in arrivo: i creditori in Norvegia riceveranno azioni per i loro crediti rimanenti.

Jonathan Nakstrand/AFP

Inserito:

Si avvicina il pagamento per molti creditori norvegesi che hanno dovuto accontentarsi di recuperare il cinque per cento dei loro crediti: il cosiddetto dividendo.

Fino alla settimana in cui inizia il processo di liquidazione. Ciò significa che fino a 233,5 milioni di nuove azioni verranno stampate e poi vendute sul mercato nei prossimi tre mesi sotto l’egida di DNB Markets, tra gli altri.

Può causare una diluizione significativa

Il salvataggio, che è stato superato nella legge irlandese e norvegese, ha deciso che i creditori che non avevano garanzie per i loro crediti avrebbero ricevuto un totale di 500 milioni di NOK in contanti, più il credito residuo che poteva essere convertito in azioni.

I creditori potevano anche scegliere di rinunciare alla quota. In questo caso, il credito residuo continua, ma non viene pagato fino a dopo sette anni.

Avevano anche una terza opzione: ricevere le azioni, ma hanno scelto di rimanere con loro.

Leggi anche

Il norvegese minaccia battaglia legale per un milione di tasse

La vendita può far risparmiare qualche dollaro in più ai creditori. Il titolo norvegese è attualmente scambiato a 10,9 NOK alla Borsa di Oslo, mentre la conversione del credito residuo di poco più di 2 miliardi di NOK si basa su un prezzo di 8,65 NOK.

Non si sa ancora quanti abbiano rinunciato alle azioni. Norwegian afferma che stanno lavorando a una panoramica completa, che sarà annunciata sul mercato questa settimana.

Se viene raggiunto il numero massimo, il numero di azioni norvegesi aumenterà dagli attuali 707 milioni a 940,5 milioni, un sollievo significativo per gli azionisti esistenti.

Tiene la porta aperta per gli acquisti

Il direttore degli investimenti di Nordea, Robert Ness, ritiene che sia difficile determinare se la vendita di nuove azioni influirà sui futuri sviluppi dei prezzi. Nordea Fund è tra i maggiori azionisti dopo aver partecipato all’aumento di capitale di questa primavera.

– Può spostare il prezzo, ma può anche contribuire a non far salire il prezzo, perché tutti sanno che questi titoli sono in vendita, dice a E24.

Leggi anche

Un profumo milionario sulle commissioni di borsa per i membri del consiglio di amministrazione norvegese

Næss mantiene aperta la possibilità per i fondi Nordea di acquistare quando le azioni vengono messe in vendita.

– Quando esce, ce lo mostra e poi prendiamo posizione su di lui. Allora potremmo essere interessati, potremmo non essere interessati. Dipende dal mercato.

Direttore degli investimenti Robert Ness di Nordea.

Nordea

Il manager Jan-Peter Sisner afferma che il suo fondo terrà d’occhio la vendita. Il fondo possiede attualmente 2 milioni di azioni e potrebbe essere opportuno acquistare, secondo Cissner.

Dal momento che il prezzo è giusto, potremmo farne parte, dice.

Ness crede che i facilitatori cercheranno di vendere le azioni insieme a uno o pochi grandi investitori.

– Sarei sorpreso se ne vendessero alcuni ogni giorno. Non ci crederò.

Continua a leggere E24 +

Il suo prestito da 1 miliardo al norvegese potrebbe presto finire con grandi guadagni finanziari per lo stato

DNB Markets è una delle società di brokeraggio che sarà responsabile della vendita delle azioni. Il manager di borsa Thomas Breivik mantiene aperte molte opportunità.

“Il modo in cui verrà eseguita la vendita dipenderà da fattori di mercato come l’andamento del prezzo delle azioni, la liquidità delle azioni, l’interesse dei principali investitori, ecc. Possono essere rilevanti sia le normali operazioni di mercato che i principali investimenti (e combinazioni di questi)”, scrive un’e-mail tramite i DNB del Dipartimento delle comunicazioni.

molti creditori

Il salvataggio della Norvegia è avvenuto questa primavera, dopo che la compagnia aerea era sull’orlo del collasso per la seconda volta durante la pandemia. A maggio l’azienda ha festeggiato la fine di un anno di crisi, ricostruzione e azioni legali travolgenti.

Quando la compagnia aerea ha chiesto il salvataggio, il numero dei cosiddetti creditori chirografari è stato fissato a 1.156. Di questi, 380 erano società norvegesi di proprietà privata e ditte individuali.

Decine di migliaia di clienti hanno anche intentato azioni legali contro la compagnia aerea.

Tutto, dagli hotel alle aziende IT, ai consulenti e ad altri fornitori, ha soldi da spendere.

Leggi anche

L’ex piccolo creditore pensa che la taglia norvegese possa essere guadagnata: – Non sta in nessun coro urlante

Tra l’altro, gli hotel Olaf Thunders sono stati inclusi nell’elenco di centinaia di creditori norvegesi.

Otto degli hotel sono elencati nella catena alberghiera Thon con crediti per un totale di 2,8 milioni di NOK. Nello schema approvato, questo sarà ridotto a 140.000 NOK, come mostra il calcolo E24.

Il gruppo di Olaf Thun tace sulle domande su come gestire il reclamo.

Vicepresidente esecutivo delle finanze, Arne B. Speer, in un sms: “Purtroppo non ho commenti in merito”.

READ  Diventiamo tutti ottimi sostenitori