Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Sosta a Gardermoen

Monaco di Baviera (Dagbladet): i saltatori norvegesi di questa mattina hanno viaggiato da Gardermoen a Monaco. La partita di Hoboka in Germania e Austria inizia domani con le qualificazioni per Oberstdorf.

Ma una persona della squadra non è arrivata in aereo: il manager della squadra nazionale Claes Brady Brathin.

Bråthen è stato fermato al check-in a Gardermoen. Motivo: c’è stato un malinteso sul fatto che avesse o meno il coronavirus.

“Anche se avevo un certificato corona valido, la persona dietro il bancone lo ha interpretato come se il risultato del test fosse positivo”, ha detto Bråthen Dagbladet a Bråthen Dagbladet.

Se sarà in grado di arrivare ai playoff domani è ancora una domanda aperta. Il resto della squadra, ora in Germania, è in viaggio verso il test del podio a Oberstdorf.

Sul posto in Germania: Halvor Aigner Granrod in uscita dall’aeroporto di Monaco. Foto: Tori Ulrich Bratland
Mostra di più

Il test deve essere completato per un certo numero di ore prima di poter frequentare la qualifica di qualificazione a Schattenbergbakken.

Brathin era disperato nelle ore mattutine quando gli altri, non lui, salirono sull’aereo. Ma ora ha chiarito l’equivoco con le autorità aeroportuali di Gardermoen.

– È vero che sono risultato positivo il 14 dicembre. La persona dietro il bancone ha interpretato questo nel senso che non ho potuto viaggiare per 28 giorni dopo essere risultato positivo. Ma una volta che sei stato vaccinato, si applicano regole completamente diverse, dice.

Alla fine ho fatto capire loro che ero in grado di volare e l’aereo è stato riprenotato. Sono atterrato a Monaco alle 17:30. .

Conferma di essere in quarantena e che “ora ha finito di scontare la pena”.

Paese: giocatori in attesa di un volo all'aeroporto di Monaco.  Foto: Tori Ulrich Bratland

Paese: giocatori in attesa di un volo all’aeroporto di Monaco. Foto: Tori Ulrich Bratland
Mostra di più

Nessuno è da biasimare per quello che è successo:

È noioso non prendere un aereo. Nella situazione odierna, devi solo aspettarti che i problemi compaiano continuamente. Dopotutto, sottolinea Brathin, non è colpa di chi è al tavolo.

È il sistema che chiede spiegazioni. Non sono certo il primo – e certamente non l’ultimo – a sperimentarlo.

Il tecnico della nazionale non sa dove si sia infortunato quando è risultato positivo il 14 dicembre. È risultato negativo ieri e non c’erano dubbi che fosse idoneo a volare dopo una doppia vaccinazione.

– Questo ha delle conseguenze per i preparativi di Hoppuka?

– Potrebbe avere qualcosa da dire, visto l’impiego lì. Ma la cosa più importante è che gli atleti scendano senza incasinarsi troppo.

E:

L’apprendimento può essere positivo per Joachim Odegård Bjøreng. Anche lui era infetto e sarebbe arrivato a Hoppuka in seguito. In questo modo può essere un’esperienza utile. Sono felice di tollerare il ritardo se assicura che i rischi per alcuni atleti si riducano entro la fine dell’inverno, afferma Brathen.

Magnus Brevig, lo scienziato sportivo per la squadra di salto, ha detto che i saltatori sono ora in viaggio per i test a Oberstdorf.

Per non subire grandi scosse, si sono anche messi alla prova in Norvegia prima di partire. Daniel Andre Tandy ha dichiarato di aver fatto la sua parte nel lavoro.

Hoppuka inizia a Oberstdorf e continua a Garmisch-Partenkirchen. Poi è stata la volta di Innsbruck e Bischofshofen in Austria.

READ  Biden vuole raddoppiare le tasse statali - Wall Street finita al ribasso - E24