Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Sostituzione della rete da pallavolo con una rete da pesca – E24

Bodø Nofir (Norwegian Fishing Returns) ha un fatturato di 30 milioni di NOK e quattro dipendenti a tempo pieno. Ora vogliono sostituire tutte le reti sportive in Norvegia con reti da pesca.

Tre dei quattro dipendenti a tempo pieno di Nofir: il direttore della logistica e degli acquisti Christian Sandbach Hansen (a sinistra), il direttore della sostenibilità Heidi Rudd e il direttore generale Austin Alexandersen.

Inserito:

– Abbiamo ricevuto 2 milioni di corone da Handelens Miljøfond Per creare un progetto per un ritorno alle reti sportive in Norvegia, afferma Austin Alexandersen, direttore generale di Nofir.

Negli ultimi 10 anni, Nofir ha raccolto quasi 50.000 tonnellate di materiale dall’industria della pesca. Ciò include reti, reti a strascico, cime d’ormeggio, ripari per la pulizia dei pesci, teloni e le cosiddette reti fantasma. Gran parte del materiale raccolto da Nofir è stato riciclato e trasformato in prodotti in nylon Pradas Ray Nylon E l’interno Giaguaro e Land Rovermacchine.

La rete da pallavolo ha iniziato la sua vita come rete da pesca prima di essere riciclata.

Ora le reti da pesca diventeranno anche reti da calcio, reti da pallavolo e altro ancora.

– Stiamo parlando di riutilizzo diretto dal settore della pesca. Alexandresen dice che la spazzatura di uno sarà lo scrigno del tesoro dell’altro.

Risparmia 30.000 kg di plastica

Ad oggi Nofir ha già iniziato a sostituire molte reti da pallavolo. L’obiettivo è inviare 300 reti nei prossimi due anni.

Se raggiungessimo l’obiettivo, ridurremmo 15.000 chilogrammi di nuova plastica utilizzata nelle reti, allo stesso tempo ricicliamo 15.000 chilogrammi di plastica dalle vecchie reti sportive, afferma Alexandersen.

L’ambizione è quella di sostituire alla fine tutte le reti sportive in Norvegia.

Lo sport sarà in grado di consegnare le sue reti usate che verranno poi riciclate e convertite in nuovi prodotti, e in cambio riceverà attrezzatura di alta qualità che ora può essere riutilizzata.

Nofir ha sostituito le reti da pallavolo su questo campo a Senja con reti da pesca riciclate.

La maggior parte di noi ha attraversato un campo da calcio o da pallavolo e ha visto come le grandi reti per palline siano piene di buchi o molto usurate. Gli attrezzi dell’industria della pesca sono fatti per durare più a lungo e possono durare a lungo anche dopo che sono stati sollevati dal mare, dice Alexandersen.

E dietro ci sono i ricchi di Surlands, i comuni della Norvegia settentrionale e il gigante italiano

L’anno scorso il colosso italiano Aquafil ha acquistato Nofir. Aquafil, che è quotata alla Borsa di Milano e conta 2.600 dipendenti, ha acquistato poco meno di un terzo dell’azienda.

Il più grande proprietario di oggi è il gruppo Egersund, dietro il quale ci sono i miliardari Hans Kristian Mong e Frode Teigen di Egersund.

Inoltre, le società di produzione di rifiuti Lofoten e Iris possiedono rispettivamente l’11 e il 23 percento ciascuno. Si tratta di società municipali di proprietà pubblica.

La produzione è stata sospesa per 1,5 anni secondo le nuove regole

Nel corso degli anni, Nofir ha dovuto affrontare sfide significative con le regole sia della Norvegia che dell’Unione Europea.

Nel 2012, l’azienda è stata costretta a sospendere la produzione quando ha appreso che i rifiuti con lo 0,25% di contenuto di rame erano considerati rifiuti pericolosi, secondo l’azienda. Le noci nell’industria dell’acquacoltura contengono un certo contenuto di rame per prevenire la crescita indesiderata delle reti.

Direttore Generale Austin Alexandersen

Dopo aver ottenuto i permessi corretti per la movimentazione di rifiuti pericolosi in Norvegia, le stesse regole sono state introdotte anche nell’Unione Europea nel 2018. In quel momento la produzione è stata sospesa per 1,5 anni mentre l’azienda ha predisposto i permessi corretti.

L’ultima sfida di Nofir è arrivata il 1 gennaio dello scorso anno, quando l’Unione Europea ha aumentato la difficoltà di esportare plastica eterogenea al 100%. Gran parte dei rifiuti che Naufar invia sono costituiti da diversi tipi di plastica, prima che vengano convertiti in materia prima.

Con i permessi corretti, Nofir può continuare come prima a occuparsi dei rifiuti pericolosi e dell’esportazione di plastica composita.

Il piano futuro dell’azienda è quello di fornire la prima rete sportiva per gli sport di squadra nel giugno 2022 e che Nofir riceva la prima rete sportiva per il riciclaggio nello stesso mese.

Leggi anche

Lo stato ha speso 2 miliardi di corone in hotel in quarantena: la maggior parte delle stanze era vuota

READ  Due condannati a sei anni di reclusione per frode - E24