venerdì, Giugno 21, 2024

Spadeberg, Morte a Oslo S

Must read

Jolanda Alfonsi
Jolanda Alfonsi
"Specialista del web. Avvocato freelance del caffè. Lettore. Esperto di cultura pop sottilmente affascinante."

Come critico cinematografico, Einar Arvig (46) è conosciuto su Dagbladet, Aftenposten, Filmmagasinet, Rushprint e Z. Adesso può anche diventare autore di un nuovo libro di film, ma solo se i futuri lettori saranno interessati.

-Sembra abbastanza bene finora. Dopo pochi giorni è stato raccolto il 60% del capitale di 40.000 corone norvegesi e ora mancano solo 5.000 corone norvegesi, dice Arvij.

I lettori legano

Sembra che il libro del nuovo film sarà pubblicato da Christer Falk presso Falck Forlag AS. Dopo una serie di libri sulla letteratura, ora vengono lanciati libri sul cinema. I lettori contribuiscono al finanziamento delle startup, il cosiddetto finanziamento pubblico, attraverso la risposta di Eika Banks a Spleis: Contributo.

“Ho un libro su ‘The Olsen Gang Takes the Gold’ che mi sta col fiato sul collo”, ride Arvij.

Questi libri di film sono disponibili per il crowdfunding

“Morte a Oslo S” (1990) – Einar Arvij

“Stella Polaris” – (1993) – Kali Lochen

“1732 Hutton” (1998) – Christian Krogstad

“Gioco libero” – (2003) – Helen Aalborg

“Wildness” – (2006) – Christer Back Andersen

“La banda Olsen prende l’oro” – (1972) – Alexia Boeheim

“La battaglia per l’acqua pesante” – (1948) – Ole John Tveto

“La linea” – (1961) – Torgrim Eggen

“Lacey and Gear” – (1976) – Ida Madsen Heistmann

“Ciccione” – (2008) – Lars Ramsley

Il libro sulla banda Olsen sarà scritto da Alexia Boeheim. È la figlia di Knut Boeheim, il regista dei film sulla banda Olsen, e oltre ad essere una storica del cinema, ha una vasta esperienza sul set con l’intera banda.

READ  L'attore di 'Elvis' Austin Butler rivela chi porterà ai Golden Globes

Einar Arvij non ha impiegato molto a riflettere quando ha chiesto a Christer Falk di quale film gli sarebbe piaciuto scrivere:

-Deve essere “Morte a Oslo S”. Con Oslo 1990 al centro, si tratta dello sviluppo del personaggio principale Pelé e dello sviluppo della città, dice Arvig.

Arvij, classe 1976, ha ricevuto in regalo il libro “Døden på Oslo S” per il suo tredicesimo compleanno.

– C’è un protagonista che si innamora di una ragazza eroinomane, prostituta e soggetta ad abusi. “Il realismo dello stile noir hard-boiled mi ha impressionato profondamente”, afferma Arvig.

– Il più grande tifoso della Norvegia

Nel libro si parlerà anche di come viene descritta Oslo nel film. Dalle rovine delle case risalenti al 1890 al paesaggio disumano di vetro e cemento vicino a Oslo.

– È come se il paesaggio devastato dalla guerra circondasse questi bambini che stanno attraversando un momento difficile, sottolinea il critico cinematografico.

Oltre all’autore Ingvar Ambjørnsen che ha accettato di essere intervistato, Aarvig intervisterà anche un altro soccorritore di lucci che ha un forte legame con il film. È il generale del rock Borry Olsen. Ha fatto recitare gli attori del film alla Spydeberg High School.

– Già allora Bori aveva un talento organizzativo, ride Arvij.

Il film ha lasciato una profonda impressione anche su Boré Olsen.

“Mi ha dato la convinzione che le cose possono essere risolte se ti impegni”, afferma Olsen.

Dopo la produzione del secondo film su Billy e il Professore, “Giftige løgner”, non era sicuro se ci sarebbe stato un terzo film: “The Blue Wolves”.

READ  Scooter Brown: - Divorziato dopo sette anni

– Mi sono unito al lavoro per produrre il terzo film. Ecco perché ho invitato la troupe a Spydeberg, dice Olsen, che, come Arvig, ora è felice che il film faccia da sfondo sia alla commedia che al libro.

Ci sono temi eterni, come l’amore, la droga, gli abusi, l’ambientalismo e la protezione degli animali, che oggi non sono meno importanti, afferma Borre Olsen.

More articles

Latest article