Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

speronato da Bjørgen

Nel nuovo libro di Marit Bjørgen, la regina dello sci si apre su un dramma doping poco conosciuto legato alla Coppa del mondo di sci nel 2017.

Quando è tornata a casa dalla Coppa del Mondo, dove ha vinto quattro medaglie d’oro, le è stato detto che il suo test antidoping conteneva una contraddizione.

Il campione di urina conteneva tracce di 19-norandrosterone. Materiale per il miglioramento delle prestazioni nell’elenco dei blocchi WADA.

Ora la notizia è giunta in Russia e lì la presidente dell’Associazione sciistica russa Yelena Valbe reagisce con forza.

– Sono rimasto un po’ scioccato da questa notizia. L’ho sempre guardata, e continuerò a guardarla, come una grande praticante, ma ho serie domande per le persone che decidono cosa si intende come doping, quali criteri sono richiesti e come dovrebbero essere puniti, dice. DailySkier.com.

Giornale Internet Ha scritto del caso per primo.

Scioccato: Jelena Valbe reagisce ai dettagli degli steroidi nel nuovo libro di Björgen. Foto: NTB
Mostra di più

Configurazione legale

Bjørgen aveva usato Primolut-N prima e durante la Coppa del Mondo, tre pillole al giorno. È una lozione usata per trasformare il ciclo mestruale, che è comune tra i matematici, dice in Dagsrifien.

Primolut-N è una droga legale e l’ho inclusa nella lista delle droghe.

Scrivi quanto segue sull’incidente nel libro.

Olberg (il medico della squadra nazionale Petter Solberg, riviste nm.) ha detto di aver ricevuto una richiesta dalla FIS (International Skating Federation). una zampa le aveva afferrato lo stomaco. L’ha avvolto intorno a lei. È andata nel panico “, afferma il libro.

Problemi alimentari: Marit Bjørgen incoraggia le persone ad aprirsi sui disturbi alimentari al fine di acquisire intuizioni e conoscenze. Video: Dagbladet
Mostra di più

Non è stato un caso di doping

Dopo due settimane, poteva tirare un sospiro di sollievo. Quindi la Federazione Internazionale di Sci (FIS) è giunta alla conclusione che le sue interpretazioni erano coerenti con i risultati di laboratorio.

– Non c’era nessun problema di doping. È stato tra me, la FIS e il mio allenatore, dice Björgen a Dagsrefen, lunedì.

Ma l’episodio del 2017 le ha fatto temere che le sarebbe stato negato qualsiasi onore come fondista.

Per Björgen, la paura di commettere errori è diventata un enorme stress oltre la motivazione. Nel libro racconta diversi episodi in cui aveva paura di essere sospettata di sbagliare.

READ  Il progetto Barmen è stato completato a Brann - NRK Vestland