Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Spiega perché i paradisi fiscali sono così dannosi – E24

Kari Elisabeth Kaski di SV ritiene che l’amministrazione fiscale dovrebbe ricevere maggiori risorse per perseguire paradisi fiscali come Dubai e che il governo dovrebbe lavorare per un accordo di estradizione con l’emirato.

Kasky ritiene che il governo dovrebbe avviare negoziati su un accordo di estradizione ed espropriazione con Dubai, anche se non è realistico.
Inserito: Inserito:

Secondo i sondaggi di E24, solo pochi norvegesi che possiedono una proprietà a Dubai indicano la proprietà nella loro dichiarazione dei redditi come previsto dalla legge.

È un chiaro esempio del perché i paradisi fiscali sono dannosi, afferma il portavoce della politica fiscale di SV, Carrie Elizabeth Caskey.

Martedì, E24 è riuscita a scoprire 374 proprietà a Dubai, uno dei paradisi fiscali più segreti del mondo, che potrebbero essere collegati alla Norvegia. Il valore della proprietà è stimato in più di un miliardo di corone.

Leggi anche

Reato fiscale sulla divulgazione di Dubai: – Emozionante

Nella zona chiamata Dubai Marina, molti norvegesi possiedono immobili.

Le 214 persone citate nella fuga di notizie di Dubai, che risale all’inizio del 2020, risiedevano in Norvegia alla fine del 2019.

Solo 39 persone hanno segnalato alle autorità fiscali norvegesi di possedere proprietà negli Emirati Arabi Uniti, di cui Dubai fa parte. Mostra che i dati dell’equazione E24 hanno acquisito informazioni.

Ciò significa che meno di un contribuente norvegese su cinque ha denunciato immobili a Dubai all’autorità fiscale.

Ci saranno sforzi per un accordo di estradizione

A breve termine, Kasky sottolinea due cose che i politici norvegesi e norvegesi possono fare per impedire che proprietà e altri beni in luoghi come Dubai vengano nascosti alle autorità fiscali.

In primo luogo, l’amministrazione fiscale dovrebbe ricevere maggiori risorse per perseguire tali cose.

READ  - Troppo costoso per uscire - E24

– Questa non è la prima volta che il lavoro giornalistico ha prodotto tali scoperte, ma vorrei che l’Agenzia delle Entrate avesse più risorse per perseguire tali cose. Sappiamo che non hanno quel giorno, dice Kaski.

I politici di SV vogliono rivedere ulteriormente le informazioni disponibili oggi e dare seguito ai casi che emergono nel caso delle perdite fornite da E24 questa settimana.

Secondo Kaski, i segnali dell’amministrazione fiscale e di Okokrim indicano che oggi non ci sono risorse sufficienti per questo.

Leggi anche

E24 rivela: criminali ricercati e norvegesi registrati con proprietà a Dubai per oltre 120 milioni

Il secondo è che il governo lavori su un accordo di estradizione e confisca con Dubai.

A seguito delle rivelazioni dell’E24, questa settimana Kasky ha chiesto per iscritto al Segretario di Stato se il governo avrebbe avviato tali accordi con Dubai “per richiedere l’estradizione di ricercati e condannati e per poter sequestrare e confiscare beni nascosti”.

Non è realistico avere un accordo del genere, ma dobbiamo almeno provarci. Questa non è la prima volta che vediamo esempi di norvegesi che nascondono soldi lì.

La Norvegia non ha né un accordo di estradizione né un accordo di espropriazione con Dubai o gli Emirati, di cui Dubai fa parte.

Leggi anche

Editor sociale Torbjørn Røe Isaksen: Money Heaven

Una gara che stiamo per perdere

E secondo Kasky, lo sforzo internazionale per eliminare completamente i paradisi fiscali è importante nel lungo periodo.

Si stanno facendo piccoli passi con il mouse nella giusta direzione, ma credo che i progressi che si stanno facendo nel lavoro internazionale siano notevolmente migliorati.

Ad esempio che i progressi sono limitati, Kasky osserva, tra le altre cose, che le sanzioni contro i russi dopo la guerra in Ucraina non sono state rispettate.

La verità è che i paradisi fiscali stanno diventando sempre più creativi. Facilitatori e avvocati fiscali sono efficienti, il che significa che c’è sempre una corsa tra l’esposizione e l’occultamento. È una gara che stiamo per perdere.

Palm Tree, l’area costruita industrialmente a forma di palma, contiene alcuni degli immobili più costosi di Dubai.

perdita gigante

Più di 20 media internazionali hanno pubblicato, martedì, i risultati di una collaborazione con la stampa guidata da E24, su una massiccia fuga di dati immobiliari da Dubai.

Il materiale trapelato è del 2020 ed è stato assegnato all’E24 dall’American Research Foundation Centro per gli studi avanzati sulla difesa (C4ADS).

La fuoriuscita di Dubai include 274.000 persone e società di 197 stati e giurisdizioni, registrate con un totale di 800.000 proprietà.

Leggi anche

Gli oligarchi russi, i criminali e i politici puniti sono grandi su Dubai

Le autorità di Dubai non hanno risposto a una serie di domande specifiche dell’E24 in merito alla fuga di notizie.

E il governo di Dubai ha scritto in una dichiarazione inviata tramite l’ambasciata degli Emirati Arabi Uniti a Oslo:

“Le accuse sulla proprietà della proprietà a Dubai sono in realtà imprecise. Gli Emirati Arabi Uniti hanno un quadro normativo chiaro in linea con gli standard internazionali e la legislazione per combattere la criminalità economica”, continua:

“Il Dubai Land Department (l’autorità pubblica responsabile del settore immobiliare nel Dubai Daily), attraverso le sue attività e operazioni, è la pietra angolare di questo business”.