sabato, Giugno 22, 2024

Stati Uniti, Donald Trump | Donald Trump è una pessima notizia per la corona

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

NORDEA/MAJORSTUEN (Nettavisen): Il 5 novembre si svolgerà la battaglia negli Stati Uniti e l'esito potrebbe determinare quanto sarà assurdo.

Il vincitore inizierà la sua nuova era come “leader più potente del mondo” il 20 gennaio 2025.

– L'anno prossimo Donald Trump potrebbe tornare presidente degli Stati Uniti. Sfortunatamente, questa è una brutta notizia per il tasso di cambio della corona. Storicamente, Trump non è stata una buona notizia per la corona, dice a Netafsen il capo stratega Dane Sikov di Nordea Markets.

Per la cronaca, non è ancora ufficiale che Donald Trump sia la prima scelta dei repubblicani, ma tutto fa pensare a questo.

Dall’aprile 2014 il dollaro si è apprezzato dell’83% rispetto alla corona e dell’8% dal nuovo anno.

Leggi anche

Un duro colpo per la corona norvegese: – È stata punita

Sikov non ha dubbi sul fatto che il dollaro sia la valuta più importante e che la Federal Reserve (la banca centrale americana) sia quella che dovremmo monitorare da vicino.

“Non vedremo una corona molto più forte senza un generale indebolimento del dollaro, ed è un po' difficile immaginarlo adesso”, dice Sikov.

– Corona debole e tassi di interesse elevati per un lungo periodo

-Se Trump tornasse e si verificasse una nuova guerra commerciale e molto rumore, ciò indicherebbe una corona più debole per un periodo più lungo e sfortunatamente anche tassi di interesse più alti in Norvegia nel tempo.

– Puoi spiegare perché Trump è una cattiva notizia per la corona norvegese?

– Donald Trump imporrà tariffe elevate; Dazio globale del 10% su tutte le merci che entrano negli Stati Uniti. Aumenterà inoltre le tariffe fino al 60% contro la Cina. Ciò non è positivo per il tasso di cambio della corona. dice Čekov.

READ  Aumento del tasso di interesse: - Economista dei consumatori: - Nessuna vergogna!

E non finisce qui: il fatto che Trump voglia aprire maggiori trivellazioni petrolifere negli Stati Uniti non aiuta affatto.

Leggi anche

Viaggio del cliente DNB: – Triste e preoccupante

– Elevato tasso di inflazione

– La combinazione di Trump al timone porterà a un aumento del conflitto tra i due paesi, a un calo dei prezzi del petrolio perché darà il via libera a ulteriori esplorazioni petrolifere e, non ultimo, tutte queste tariffe manterranno alta l’inflazione negli Stati Uniti. Tutto ciò va nella direzione di un aumento dell’inflazione e dei tassi di interesse negli Stati Uniti.

Queste condizioni interferiscono direttamente con la nostra economia.

Queste sono tre cose che storicamente sono state pessime notizie per il tasso di cambio della corona, almeno se si verificano contemporaneamente.

-È probabile che Donald Trump vinca?

– Quando guardiamo gli ultimi sondaggi d'opinione, scopriamo che Trump è in testa. C’è una possibilità reale e un’altissima probabilità che ritorni. Pertanto, il tasso di cambio della corona rimarrà più debole di quanto siamo abituati in futuro.

-Dovresti assicurartene

Per la maggior parte delle persone è naturalmente difficile fare qualcosa, ma le aziende devono prepararsi, a suo avviso:

– Ora dovresti pensare alle opportunità e alle assicurazioni che puoi ottenere per evitare di essere duramente colpito da uno scenario in cui il tasso di cambio della corona continua a indebolirsi. Anche se voi ed io notiamo molto bene l’indebolimento della corona durante le vacanze all’estero e quando le merci nei negozi diventano più costose, in generale questo è positivo per l’economia norvegese.

Luce nel tunnel? decisamente:

– L'anno scorso il tasso di cambio della corona gravava su tutti tranne che sugli esportatori. Ciò ha reso tutto più costoso e i tassi di interesse hanno raggiunto il picco più alto, ma quest’anno abbiamo un piccolo cerotto sulla ferita con una crescita dei salari nominali più elevata del 5,2% – ovvero un aumento del potere d’acquisto anche se il tasso di interesse non lo è taglio.

READ  Test Xpeng P5: un sacco di soldi

In breve, l'esperto di Nordea pensa che potrebbe esserci un motivo per godersi una limonata ghiacciata:

-Siamo molto ottimisti e crediamo che quest'anno le persone avranno maggiori problemi da affrontare, anche se non ci saranno tagli ai tassi di interesse.

More articles

Latest article