Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Stiamo passando un anno difficile

– Stiamo passando un anno difficile

Il primo ministro Jonas Gahr Store (AP) non si fa illusioni sulla caduta. Ma nega il deterioramento della cooperazione nel governo.

Il primo ministro Jonas Gahr Storr teme che la gravità della guerra in Ucraina e della crisi energetica in Europa non sia ancora stata adeguatamente recepita in Norvegia.

– Sappiamo che stiamo entrando in un anno in cui avremo bisogno di molti di noi, dice Storr.

Per tutta l’estate, i prezzi dell’elettricità sono saliti a nuovi massimi nell’estremo sud della Norvegia. Allo stesso tempo, crescono i timori di un rallentamento dell’economia internazionale, mentre la Russia continua la sua guerra contro l’Ucraina.

In un’intervista con NTB, il primo ministro ora ha affermato di ritenere che la serietà non sia ancora radicata adeguatamente per tutti.

Ma la serietà è grande.

“La Norvegia è un piccolo paese aperto a un mare piuttosto grande e turbolento”, afferma Storr.

Fondamentalmente abbiamo buone risorse per superare tutto questo e fare un atterraggio morbido. Ma penso che userò ogni opportunità che ho per assicurarmi che ci aspetta un anno difficile.

Il primo ministro Jonas Gahr Storr è sotto pressione per fare di più per garantire l’approvvigionamento energetico e frenare l’aumento dei prezzi dell’elettricità. Ha promesso di fare tutto il possibile, ma è anche chiaro che la Norvegia sta affrontando tempi difficili.

“l’inverno sta arrivando”

Mentre la minaccia della recessione incombe ancora sull’Europa, il primo ministro Jonas Gahr Storr mette in guardia da una dura politica economica in Norvegia. – Ci saranno prezzi dell’energia più alti e una politica del governo di mantenere di più, piuttosto che fare come negli ultimi anni e aumentare i rifiuti, dice.

Støre sottolinea il modo in cui i giornali europei usano spesso il termine di “Game of Thrones”: “L’inverno sta arrivando”. Pensa in particolare alla crisi elettrica.

READ  Ufficiale Mercedes-AMG ONE: - Quasi incredibile. Questo è costato un sacco di soldi

– Abbiamo la nostra energia idroelettrica, che dobbiamo utilizzare nel migliore dei modi. Ma abbiamo un’Europa in crisi energetica a causa della guerra in Ucraina, il gas non viene fornito e l’energia nucleare viene interrotta. Sebbene l’energia a carbone stia iniziando, il carbone sta uscendo dal mix. Storr osserva che i venti erano deboli.

– Quindi penso che dovremmo preoccuparci del fatto che tutto questo non finirà presto. Potrebbe volerci un anno, due o tre anni, avverte.

Problemi nel partito di centro

Per tutta l’estate, sia i politici parlamentari che i leader provinciali del Partito di centro hanno chiesto al governo di fare di più: fermare l’aumento dei prezzi dell’elettricità e garantire che la Norvegia non debba razionare l’elettricità per l’inverno.

Allo stesso tempo, il sostegno al partito di centro continua a diminuire, dal 13,5% nelle elezioni dello scorso anno a una media del 6,2% nei sondaggi di luglio, secondo i dati del sito web. sondaggio.

Tuttavia, Støre sta prendendo la situazione con calma.

– Devo fare i conti con l’esperienza che abbiamo nel governo, dice.

Non c’è partito in questo governo che sia sconfitto dall’altro. Queste sono le conclusioni a cui siamo giunti insieme. Fino a quando non ci saranno dichiarazioni in un giornale o in un altro di persone che vogliono di più di ciò per cui sono, dobbiamo conviverci in una democrazia. Ma almeno è un governo unito, basato sul nostro lavoro interiore e sulle decisioni che prendiamo. Vi invito a parlare ministro dopo ministro per vedere se c’è un’immagine in cui si identificano, e penso che lo faranno, dice.

– Noti disturbo dalla festa di centro?

– È chiaro che quando i partiti scendono alle urne e sono sfidati in una situazione finanziariamente impegnativa, è anche politicamente impegnativo, dice Storr.

READ  Ciò influenzerà la Oslo Borse oggi

– ma fa parte della vita politica quotidiana con cui i politici hanno a che fare.

miserabile uomo

Una cosa che sente spesso quando viaggia e incontra persone, dice Storr, è che deve essere stato sfortunato, con la crisi energetica, il clima, la guerra in Ucraina e gli alti tassi di interesse.

– Questa è la vita quotidiana che viviamo, dice.

Støre crede ancora che sia positivo per la Norvegia che ora governino il partito laburista e il partito di centro.

– Ho grande fiducia che attraverso i valori su cui ci basiamo – lavorando per la gente comune in tutto il Paese – saremo in grado di mantenere piccole differenze, un’equa distribuzione e fornire assistenza alle persone particolarmente vulnerabili, afferma.

– Ma ci sarà un aumento dei prezzi dell’energia e una politica da parte del governo che tenga di più, invece di fare come negli ultimi anni e aumentare gli sprechi.