lunedì, Luglio 22, 2024

Studio tedesco: la Germania ha tratto grandi benefici dall’euro, mentre l’Italia ha perso

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Uno studio tedesco ha dimostrato che l’euro ha avuto un effetto assolutamente devastante sull’economia italiana. Diagramma

Rapporto da Centro di politica europea La Germania stima che il paese abbia guadagnato circa 23.000 euro pro capite da quando l’euro è stato introdotto come moneta unica nel 1999. L’Italia, d’altro canto, ha perso l’incredibile cifra di 74.000 euro pro capite. L’Istituto tedesco afferma che solo la Germania e i Paesi Bassi hanno beneficiato dell’introduzione dell’euro, mentre tutti gli altri paesi hanno perso, soprattutto Francia e Italia.

La relazione ha un titolo Vent’anni dell’euro: vincitori e vinti È stato scritto da Alessandro Gasparotti e Matthias Colas. Riassumono i loro punti principali come segue:

La Germania è quella che ha beneficiato maggiormente dell’introduzione dell’euro, per un totale di circa 1.900 miliardi di euro tra il 1999 e il 2017. Ciò equivale a circa 23.000 per residente. A parte questo, i Paesi Bassi sono l’unico paese che ha ricevuto benefici significativi dall’introduzione dell’euro.

Nei primi anni dopo l’introduzione dell’euro, la Grecia ne ha tratto grandi benefici, ma dal 2011 il paese ha subito enormi perdite. Nel complesso del periodo, la Grecia ha registrato un piccolo surplus di 2 miliardi di euro, ovvero 190 euro pro capite, il che non è affatto positivo.

In tutti gli altri paesi analizzati, l’euro ha portato a un significativo calo della prosperità. 3.600 miliardi di euro in Francia e fino a 4.300 miliardi in Italia. Per la Francia ciò significa 56mila euro per residente, per l’Italia 74mila euro.

I ricercatori spiegano il loro metodo e dicono che si basa su… Metodo di controllo sintetico Dove i paesi della zona euro sono controllati rispetto a un gruppo di controllo di paesi che non hanno implementato l’euro. Le cifre vengono poi ponderate secondo principi statistici per produrre uno sviluppo ipotetico nel caso in cui l’euro non venga introdotto. La difficoltà, ovviamente, sta nel calcolare l’entità di ciò che avrebbe potuto essere, il cosiddetto argomento controfattuale. Ci sarà sempre incertezza. Ma i ricercatori sostengono che il metodo è robusto e che il risultato è realistico. La tabella principale dell’impatto complessivo dei paesi dell’euro per paese si presenta così:

READ  Wall Street: in rialzo le azioni di Gamestop

È interessante anche guardare ai due estremi, ovvero Germania e Italia. Germania I:

Poi l’Italia è all’altra estremità della scala:

Nessun altro paese ha perso tanto quanto l’Italia a causa dell’introduzione dell’euro. Il paese ha perso ogni anno ed è rimasto in recessione dal momento in cui è stato introdotto l’euro. In passato, l’Italia ha utilizzato regolari svalutazioni della lira per adeguare la propria competitività all’estero. Ma con l’euro questo non è più possibile. Il risultato è che i settori industriale e agricolo italiano hanno perso pesantemente rispetto ai loro omologhi dell’Eurozona.

La Francia è anche il più grande perdente in questo gioco. Si può dire che la ribellione dei Gilet Gialli esprime ciò che mostrano questi numeri. Gli interessi economici e sociali del popolo francese furono messi a rischio per il piacere di una piccolissima élite che in cambio poté divertirsi sedendosi al tavolo con la Germania.

Helmut Kohl: Quando si è trattato dell’euro ero un dittatore

L’euro è stato spinto dal potente cancelliere tedesco Helmo Kohl. Ha detto dentro Intervista nel 2002 E non è mai riuscito a convincere i tedeschi ad accettare il passaggio dal marco all’euro tramite un referendum. Pertanto, ha ritenuto che fosse necessario “Agisci come un dittatore” Per rimettere l’euro al suo posto. Ha espresso la convinzione che non vincerà mai il referendum sulla sostituzione del marco tedesco con l’euro. “Avrei perso sette a tre.” Ora i numeri dimostrano che Kohl aveva ragione per la Germania. La Germania ha avuto un enorme vantaggio nell’imporre l’euro sulla testa degli altri paesi dell’eurozona.

L’intero progetto è stato costruito su una bugia

Der Spiegel

READ  Toblerone - Stai sbagliando

I documenti pubblicati nel 2012 mostrano che gli alti politici tedeschi, francesi e altri politici di alto livello nei paesi dell’UE erano pienamente consapevoli che il progetto dell’euro era basato su presupposti pessimi. Hanno presentato numeri e studi che lo dimostrano chiaramente. Quando hanno scelto di farlo, però, è stato perché serviva ai loro interessi politici, compreso il desiderio di rielezione di Helmut Kohl.

Consigliere Federale Gerhard Schröder Si chiama euro Bambino prematuro malato. I dati mostrano che l’Italia non avrebbe mai dovuto aderire all’euro. Il debito italiano era il doppio di quanto richiesto dagli standard di Maastricht. Ma era abbastanza chiaro che era politicamente impossibile introdurre una moneta comune senza l’Italia. Pertanto, i numeri sono stati manipolati per sembrare conformi ai criteri. Pura frode e inganno.

Vuoi contribuire allo sviluppo del giornalismo critico e indipendente? Clicca qui o utilizza l’account 9001 30 89050 O Suggerimento: 116916

More articles

Latest article