Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

‘Super Mario’ Draghi naviga come favorito alle elezioni presidenziali italiane

Ma Draghi è ben lungi dall’assicurarsi la posizione quando il parlamento inizierà lunedì a votare su chi sarà il nuovo presidente del Paese.

Draghi è considerato il favorito dopo le dimissioni dell’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi questo fine settimana, ma al Paese manca ancora un candidato chiaro per la carica.

Draghi deve anche affrontare una forte opposizione da parte del partito di Berlusconi, Forza Italia, e Matteo Salvini della Lega anti-immigrazione, che chiedono a Draghi di rimanere al suo posto.

– Formare un nuovo governo da zero sarebbe un pericolo per l’Italia in un momento economico difficile. Salvini ha detto domenica alla stampa che il Paese sarebbe stato in pausa per diversi giorni.

scrutinio segreto

Da parte sua, il leader del partito di centrosinistra Parteto Democrazia Draghi ha tirato bene e si è detto una fonte “eccezionale” per l’Italia, pur insistendo sul fatto che i colloqui con il presidente del Consiglio continuino:

“La candidatura di Draghi è sul tavolo”, ha detto ad Al-Rai TV.

La presidenza italiana è in gran parte cerimoniale, ma il capo dello stato esercita un potere considerevole durante le crisi politiche e può, tra le altre cose, sciogliere il parlamento, eleggere un nuovo primo ministro o rifiutarsi di concedere un mandato di governo a coalizioni instabili.

Il presidente viene eletto dal Parlamento a scrutinio segreto di più giorni, a cui partecipano più di 1.000 deputati, senatori e rappresentanti regionali.

Paura del caos

Draghi è primo ministro italiano dal 13 febbraio dello scorso anno, quando gli è stato chiesto di formare una coalizione multipartitica dopo il fallimento dei negoziati per il governo del Paese.

READ  Più di ogni altra cosa, il virus ci ha insegnato che la vita di altre persone influisce anche sulla nostra

In precedenza è stato a capo della banca centrale italiana e ha svolto un ruolo chiave nella riduzione del debito pubblico e del deficit di bilancio annuale dell’Italia, guadagnandosi il soprannome di “Super Mario” in Italia. Draghi è stato anche governatore della Banca centrale europea (BCE).

Molti considerano Draghi il candidato più qualificato per la presidenza, ma molti temono anche che le sue dimissioni da presidente del Consiglio possano portare al caos.

I vari partiti della coalizione di governo di Draghi si stanno già posizionando in vista delle elezioni parlamentari del prossimo anno e l’instabilità che ne deriverebbe potrebbe mettere a repentaglio i finanziamenti dell’UE.

“Questa è una scelta molto importante e complessa perché i partiti sono molto deboli e dispersi”, ha detto all’Afp Giovanni Orsina della Luis State School di Roma.

riformatore dell’Unione Europea

Il sistema elettorale in Italia è notoriamente instabile e il paese ha avuto diversi governi dalla seconda guerra mondiale. Durante i sette anni di presidenza di Sergio Mattarella, in Italia c’erano cinque diversi governi.

Ma il governo di Draghi, composto quasi interamente dalla flora partitica italiana, è stato straordinariamente stabile. L’economia del Paese è ora di nuovo in crescita dopo un lungo periodo di deterioramento a causa della pandemia di coronavirus.

Draghi ha avviato una serie di riforme in Italia per accedere al pacchetto di aiuti economici dell’Unione Europea e molti investitori internazionali temono che il paese carico di debiti abbandonerà i suoi piani di riforma se Draghi lascerà l’incarico di primo ministro.

Altri ritengono che Draghi farà un uso migliore di se stesso come presidente in quanto potrà quindi garantire stabilità politica nel Paese, oltre a garantire buoni rapporti con Bruxelles, soprattutto se l’ala destra esterna riuscirà a vincere le prossime elezioni parlamentari.

READ  Letizia porterà più giovani donne e accademie femminili

Il 74enne ha anche lasciato intendere di essere interessato alla posizione, ma da allora ha rifiutato di commentare la questione.

coronasico

Si è aperto lunedì pomeriggio il primo turno di votazioni per le presidenziali alla Camera dei Deputati italiana. I risultati sono attesi la sera stessa, anche se le richieste di distanza tra gli attori stanno ritardando il processo.

Tuttavia, gli esperti pensano che non ci saranno risultati reali fino a giovedì. Ciò aumenta la soglia di vittoria da una maggioranza di due terzi a una maggioranza assoluta dei membri del Parlamento.

In ogni caso, il prossimo presidente del Paese non sarà Silvio Berlusconi. Lo stesso primo ministro autocratico ha affermato di essersi ritirato dall’interesse della nazione, ma i media ipotizzano che fosse dovuto a problemi di salute.

Berlusconi è dentro e fuori dall’ospedale da settembre 2020, quando ha contratto il coronavirus, ed è stato portato di nuovo in ospedale a Milano domenica, presumibilmente per un controllo di routine.

Berlusconi è anche implicato in diverse cause legate al famigerato partito del sesso “bunga bunga”.