Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Sviluppa un nuovo tipo di vaccino contro il Covid-19

I vaccini a base di proteine ​​diventeranno presto un’altra arma nella lotta contro il COVID-19. I ricercatori svedesi sottolineano che questi vaccini sono stati ben testati contro altre infezioni.

Attualmente, ci sono dosi di richiamo che vengono prescritte abbastanza spesso. Di seguito è riportata una dose del vaccino mRNA di Moderna somministrato in un centro vaccini negli Stati Uniti.

Prima di Natale, l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha approvato un nuovo vaccino, Nuvaxovid di Novavax. Secondo l’Agenzia norvegese per i medicinali, il suo effetto protettivo contro malattie gravi e morte è del 90%.

A differenza di altri vaccini, questo è un vaccino a base di proteine. Utilizza una tecnica più antica e tradizionale utilizzata nei vaccini contro l’epatite B, tra le altre cose.

I ricercatori sperano che i vaccini a base di proteine ​​saranno in grado di fornire una maggiore protezione anticorpale a lungo termine, quindi anche più persone assumeranno il vaccino.

Con la tecnologia mRNA, utilizzata nei vaccini Pfizer-Biontech e Moderna, è possibile produrre rapidamente enormi quantità di dosi. Ha salvato milioni di vite durante la pandemia.

Gli esperti ritengono che i vaccini a base di proteine ​​siano sulla buona strada per aiutare a combattere il COVID-19. Credono che ci siano molti vantaggi nell’avere diversi tipi di vaccini sul mercato. Qui, gli studenti delle materie sanitarie di secondo grado della Holtet High School High School ricevono la loro prima dose del vaccino Pfizer contro il covid-19 nella sala della scuola all’inizio di questo autunno.

Tuttavia, è stato dimostrato che gli anticorpi che proteggono dalle infezioni diminuiscono in tempi relativamente brevi, anche se è probabile che la protezione contro malattie gravi duri più a lungo.

READ  Trovato colpito e smembrato in un fiume - VG

I vaccini a base di proteine ​​sono un tipo di vaccino che abbiamo usato prima e sappiamo di eventuali effetti collaterali. Speriamo anche che la protezione duri un po’ più a lungo rispetto ai vaccini mRNA, o quelli basati su vettori, poiché si vede l’effetto diminuire dopo sei mesi, afferma Ali Mirazimi, professore e ricercatore di vaccini presso il Karolinska Institutet.

Ovviamente, aggiunge, sicuramente non lo saprai finché non inizi a vaccinare.

bisogno di eccipienti

La tecnologia dell’mRNA introduce la molecola dell’mRNA, che contiene un “modello di istruzioni” su come il corpo stesso produce le proteine ​​a cui vuole che il sistema immunitario risponda.

D’altra parte, i vaccini a base di proteine ​​contengono particelle proteiche del virus che vengono prodotte in laboratorio e iniettate con un eccipiente.

– Deve essere introdotta un’altra sostanza che stimola il sistema immunitario, in modo che il corpo reagisca con questa proteina, e si chiama coadiuvante, dice Mirazimi.

Comuni nei vaccini, stimolano la produzione di anticorpi e cellule di memoria, che addestrano il sistema immunitario a riconoscere e fermare il virus. I vaccini proteici possono avere un vantaggio in quanto di solito danno un livello più alto di anticorpi e quindi un effetto protettivo più lungo.

I farmacisti belgi riempiono le siringhe con il booster di Moderna. Esistono diversi tipi di vaccini e ora un nuovo vaccino a base di proteine ​​potrebbe essere presto sul mercato.

so molto poco

Tuttavia, finora si sa molto poco sulla capacità di decidere quali tipi di vaccini sono i migliori, sottolinea Karen Lowry, professoressa di immunologia al Karolinska Institutet.

– Aggiunge che ci sono molte indicazioni che i vaccini a base di proteine ​​forniscono ottimi livelli di anticorpi, ma devi aspettare un po’ prima di poter dire con certezza che farà una grande differenza rispetto al vaccino mRNA.

READ  La vita dopo le bombe russe

La diminuzione degli anticorpi nel tempo è comune a tutti i vaccini, ma più alti sono i livelli fin dall’inizio, più tempo ci vorrà prima che i livelli diventino troppo bassi per avere alcun effetto. Lowry pensa che anche con il vaccino proteico, tutto indica che saranno necessarie ricariche.

Molti gruppi di pazienti

Sia Lowry che Mirazime vedono molti vantaggi nell’avere diversi tipi di vaccini sul mercato.

Le persone per vari motivi possono avere paura del vaccino mRNA. Oppure si sentono più sicuri prendendo un vaccino a base di proteine ​​perché è già noto – e sai che di solito funzionano molto bene, dice Karen Lowry.

I due esperti hanno anche notato che i vaccini proteici possono essere somministrati a pazienti che, per vari motivi, non possono assumere altri vaccini.

A volte potresti non essere in grado di ottenere un vaccino per vari motivi medici. Ad esempio, alcune persone hanno gravi allergie e non possono assumere il vaccino mRNA. Pertanto, il vaccino proteico potrebbe funzionare per alcuni gruppi di pazienti, afferma Mirazimi.

Può essere conservato in frigorifero

I vaccini a base di proteine ​​hanno anche il grande vantaggio di poter essere conservati a temperatura di frigorifero, il che rende la conservazione e la distribuzione molto più facili.

Secondo Laurier, ci sono anche dati che suggeriscono che i vaccini a base di proteine ​​tendono a causare un numero leggermente inferiore di effetti collaterali, come sintomi simil-influenzali o dolore al braccio. Si è discusso se possano quindi essere più adatti ai bambini o agli anziani in futuro.

Tuttavia, l’unico vaccino proteico approvato fino ad oggi – da Novavax – è raccomandato per gli adulti di età pari o superiore a 18 anni.

READ  Hanno scoperto la donna sospettata - VG

Uno svantaggio significativo è che i vaccini proteici impiegano più tempo per essere prodotti in serie.

Un aggiornamento del vaccino proteico impiegherà più tempo a lavorare contro le nuove varianti del virus, afferma Karen Lowry.

Non è chiaro quando i vaccini a base di proteine ​​potrebbero essere ampiamente utilizzati. Il coordinatore dei vaccini Richard Bergstrom afferma che la Svezia ha già ordinato 4,1 milioni di dosi di Novavax, ma sarebbe felice se la Svezia ne ricevesse 100.000 durante il primo trimestre del 2022.

La fine del covid-19?

Karen Lowry pensa che potrebbe volerci un po’ di tempo prima che la produzione raggiunga le quantità necessarie, ma spera che la fornitura alla fine sarà così buona che potrai scegliere tu stesso il vaccino o almeno discutere la tua scelta con il tuo medico.

Crede che i vaccini a base di proteine ​​possano aiutare a sradicare il coronavirus.

Sì, come i vaccini mRNA. Se continuiamo a vaccinare diligentemente, il virus alla fine sarà eliminato. Ma non credo che i vaccini a base di proteine ​​siano il miracolo. L’importante, dice Laurie, è vaccinare le persone.

Mirazimi ritiene che il virus non scomparirà del tutto perché è una zoonosi, una malattia infettiva che può diffondersi tra animali e umani.

Ma ciò che è assolutamente chiaro è che possiamo ridurre la diffusione dell’infezione e il carico sul sistema sanitario. Questa lotta richiede sia vaccini che farmaci antivirali. Dice che i vaccini a base di proteine ​​possono certamente contribuire.