sabato, Luglio 13, 2024

Taiwan fa parte della Cina? Nel 2010, Storr ha detto di sì. Oggi la risposta non è chiara.

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

Analisi delle notizie: cosa significa in realtà la “Politica One China” della Norvegia? Questa questione potrebbe diventare importante se Cina e Stati Uniti entrassero in guerra per Taiwan.

All’inizio di quest’anno, il ministro degli Esteri Espen Barth Eide è stato oggetto di uno scherzo diplomatico.

È successo a Pechino, dove Eddie ha fatto uno scalo di 24 ore prima di partire per un volo altrettanto breve per Shanghai. Mentre era nella capitale cinese, ha potuto incontrare Wang Yi. Wang è il ministro degli Affari esteri cinese.

– Vogliamo ringraziare il popolo norvegese per il suo sincero sostegno al principio della Cina unica, ha detto Wang a Eide nel suo discorso di apertura, che l’Aftenposten ha potuto ascoltare.

Perché era uno scherzo?

Aspetta, perché è un po’ complicato.

Eddie non è intervenuto

Il principio One China è l’idea cinese secondo cui Taiwan fa parte della Cina, anche se l’isola è in linea di principio autonoma dal 1949 e non ha mai fatto parte della Repubblica popolare cinese.

La Norvegia non riconosce Taiwan come paese, ma le autorità norvegesi non credono ufficialmente che anche la popolazione di Taiwan, che conta 24 milioni di abitanti, faccia parte della Cina. Questa domanda è rimasta nell’aria per 75 anni. Questa zona grigia è conosciuta come la politica della Cina unica.

Quando Wang Yi ringraziò la Norvegia, stava ringraziando qualcosa che la Norvegia in realtà non aveva fatto.

Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha messo Espen Barth Eide in una posizione difficile quando i due si sono incontrati a Pechino lo scorso febbraio.

Espen Barth Eide all’epoca non ha contraddetto il suo collega cinese – ciò costituirebbe una violazione dell’etichetta diplomatica – ma ha poi affermato che più tardi durante l’incontro gli era stato detto che la Norvegia era impegnata nella politica dell’unica Cina. Quindi non è un principio.

READ  Questo è il norvegese accusato di omicidio in Grecia - NRK Norvegia - Una panoramica delle notizie da diverse parti del Paese

Forse Wang Yi sapeva cosa stava facendo. Questo tipo di scherzo fa parte del gioco. Ma è anche facile capire come potrebbe giustificare la sua affermazione secondo cui la Norvegia crede che Taiwan sia parte della Cina.

Lo ha già detto il primo ministro Jonas Gahr Sture.

Si rifiuta di rispondere

Lo ha fatto come ministro degli Esteri nel 2010. In A Risposta scritta Rispondendo ad un’interrogazione in Parlamento ha affermato quanto segue:

“La Norvegia riconosce la Repubblica popolare cinese, di cui Taiwan fa parte secondo il diritto internazionale”.

Støre ci crede ancora oggi? A quale parte del diritto internazionale si riferisce, se sì? Non è chiaro.

Per domande dirette su questo argomento, la Presidenza del Consiglio dei Ministri (SMK) si rivolge al Ministero degli Affari Esteri (MOF).

La Norvegia oggi ha un rapporto relativamente buono con la Cina.  Alla fine di maggio il primo ministro Jonas Gahr Sture ha ricevuto a Oslo Shi Taifeng, membro del Politburo cinese.

Cosa dice il Ministero degli Affari Esteri? Interrogato ripetutamente su questo argomento, il Ministero ha fatto riferimento soltanto alla politica della Cina unica. Come determina questa politica il Ministero degli Affari Esteri?

– Ciò significa che evitiamo azioni che sono o potrebbero essere considerate un riconoscimento statale, risponde via e-mail la portavoce del Ministero degli Esteri Raghild Halland-Siemenstad.

READ  SAS segue la lista nera dell'Ucraina - rimuove tutti i prodotti da Freia - E24

– Ma la Norvegia crede che Taiwan faccia parte della Cina?

– Non abbiamo niente da aggiungere, risponde Simenstad.

Potrebbe essere stata una coincidenza nel lavoro scritto da Storr nel 2010 secondo cui la Norvegia crede che Taiwan faccia parte della Cina. Ma né l’SMK né l’UD vogliono correggere questo errore in questo caso. Finché non lo faranno, Wang Yi potrà continuare a dire che la Norvegia sta seguendo la linea di Pechino.

Perché tutto questo è importante?

Un esperto teme una grande guerra

Perché gli Stati Uniti e la Cina potrebbero finire in una grande guerra per Taiwan.

Il professor Odd Arne Westad, uno dei massimi esperti mondiali di questioni geopolitiche, teme che la guerra scoppi rapidamente perché gli Stati Uniti e la Cina non pensano abbastanza a quanto sia pericolosa.

– La Cina è convinta di poter controllare Taiwan così rapidamente che gli Stati Uniti non hanno il tempo di intervenire. Non ho alcuna fiducia in questo. “Non riesco a immaginare alcuna circostanza in cui gli Stati Uniti non interverrebbero contro un attacco cinese”, dice all’Aftenposten.

READ  Volodymyr Zelenskyj: - Putin odierà entrambi

Westad farà una breve visita a Oslo questa settimana. Crede che la guerra per Taiwan sarà prolungata e che distruggerà gran parte dell’Asia orientale.

Non mi sono congratulato

In ogni potenziale guerra, gli Stati Uniti si aspettano il sostegno dei paesi alleati come la Norvegia.

Al momento non è chiaro cosa creda la Norvegia sulla questione di Taiwan, perché le autorità non vogliono definire chiaramente cosa intendono con il concetto di politica di una sola Cina. La linea sottile corrisponde a il documento Le autorità norvegesi hanno firmato a Pechino nel 2016, dove la Norvegia ha promesso di evitare azioni che potrebbero danneggiare le relazioni bilaterali con la Cina.

Leggi anche

– L’accordo con la Cina è umiliante per la Norvegia

La politica della Norvegia nei confronti della Cina mira ad avvicinarsi a quella dell’Unione Europea. Ciò è stato affermato tra l’altro nel programma governativo adottato a Heyerdahl nel 2021. Ma sulla questione Taiwan le autorità norvegesi sono più caute di molti altri europei.

Il nuovo presidente di Taiwan, William Lai Ching-te, ha visitato un campo militare fuori dalla città di Hualien alla fine di maggio.  Gli esperti temono un attacco dalla Cina.

Ad esempio: i rappresentanti di nove paesi europei, tra cui la Svezia, erano presenti quando William Lai Cheng-te ha prestato giuramento come nuovo presidente di Taiwan il 20 maggio.

La Norvegia non ha inviato nessuno e non si è nemmeno congratulata con il nuovo presidente.

Lo stesso hanno fatto invece i ministri degli Esteri di Stati Uniti, India, Giappone e Gran Bretagna, ma anche di paesi europei più piccoli come la Lituania e la Repubblica ceca.

Dalla Norvegia ha mandato il leader del Venstre Gori Melby, che lo aveva fatto anche lui di recente Proposto in Storting La Norvegia sta rafforzando le relazioni con Taiwan, il che è un messaggio di congratulazioni. Ma il governo è rimasto in silenzio.

– Poiché la Norvegia non riconosce Taiwan come Stato indipendente, non è nemmeno opportuno congratularsi per le elezioni presidenziali, ha scritto Semmenstad al Ministero degli Esteri.

Ma la Norvegia si è congratulata con Muhammad Mustafa come nuovo primo ministro palestinese a marzo – due mesi prima che la Norvegia riconoscesse la Palestina come Stato.

Il Ministero degli Affari Esteri non ha risposto alla domanda su quale sia, se esiste, la differenza di principio tra questi due casi.

More articles

Latest article