Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Telenor in trattative con una società thailandese per fondere società: – È chiaro che Telenor sta cercando di lasciare l’Asia

In un annuncio in borsa venerdì mattina, il colosso norvegese delle telecomunicazioni Telenor ha scritto che sono in corso trattative con il Thai Charoen Pokphand Group su una possibile fusione di Dtac e True in Thailandia.

La fusione mira a creare una società di telecomunicazioni leader nel paese, scrive Telenor.

Allo stesso tempo, Telenor riferisce che l’accordo su punti importanti deve ancora essere raggiunto e non è certo che le discussioni portino a un accordo definitivo.

Telenor afferma nel rapporto che al momento non desidera fornire dettagli o commenti sull’operazione.

forte agglomerato

Charoen Pokphand (CP) Group è uno dei più grandi conglomerati in Asia ed è controllato da Dhanin Chearavanont e dalla sua famiglia. La famiglia è una delle famiglie più ricche del sud-est asiatico con una fortuna di 12,7 miliardi di dollari, secondo la rivista Forbes.

– Bisogna dire che c’era da aspettarselo. Queste voci circolano da diversi mesi e si sono intensificate dopo la visita di Briki in Thailandia all’inizio di quest’anno, afferma Alan Rasmussen, direttore generale della società di consulenza Yuzu a Bangkok.

Rasmussen ha seguito da vicino il mercato delle telecomunicazioni thailandese dall’inizio degli anni 2000 e conosce molto bene il mercato.

– Non vi è dubbio che se si trattasse di un mercato dell’Unione Europea, la fusione non sarebbe stata approvata. CP è un gigantesco conglomerato nella regione, è attivo in molte diverse aree di attività e ha una lunga storia politica in Thailandia, afferma Rasmussen.

La produzione più pulita ha interessi significativi nel settore agricolo e al dettaglio nel sud-est asiatico, ma si è diffusa anche in altre parti del mondo. La società ha effettuato una serie di acquisizioni in Thailandia negli ultimi anni. All’inizio di quest’anno, hanno acquisito i centri commerciali di British Tesco in Thailandia con un affare del valore di oltre 90 miliardi di NOK.

READ  Biden immette più petrolio sul mercato - E24

“Nonostante il fatto che con l’acquisizione di Tesco abbiano il controllo quasi completo sia del commercio all’ingrosso che al dettaglio in Thailandia, è stato approvato dalle autorità garanti della concorrenza”, afferma Rasmussen.

CP Group è stata la prima società straniera ad essere autorizzata ad operare in Cina dopo che il paese si è aperto agli esperimenti di economia di mercato alla fine degli anni ’70.

La famiglia Chearavanont è nota per le sue ottime relazioni politiche in Thailandia e Cina.

Suo figlio Supachai Chiravanont, che ha guidato l’impresa di telecomunicazioni in Thailandia con il marchio True, ha avuto uno stretto rapporto con il CEO di Telenor Sigve Brekke quando ha guidato Telenor in Asia da Bangkok fino al 2014.

La domanda è se Telenor non abbia diviso il suo ruolo nella regione dopo la fusione in Malesia, le vendite – oi tentativi di vendere in Malesia – e ora una fusione in Tailandia, afferma Alan Rasmussen.

– È chiaro che Telenor vuole uscire

L’analista di Sparebank 1 Markets Peter Kongslie ha scritto in una recente analisi che la fusione è “un gioco da ragazzi”, in quanto contribuirà ad aumentare le quote di mercato. Insieme, le due società controlleranno il 52,1% del mercato se la fusione avrà luogo.

Analista Peter Kongslie di Sparebank 1 Markets.

Analista Peter Kongslie di Sparebank 1 Markets. (Foto: Foto: Mercati Sparebank 1)

Data la fusione di Digi in Malesia con Axiata e Telenor in Myanmar e ora la discussione sull’esplorazione della fusione tra Dtac e True, è chiaro che Telenor sta cercando di lasciare l’Asia. Lo vediamo come una cosa positiva dal punto di vista del prezzo delle azioni. Kongslie scrive che costa più di quanto non abbia un sapore.

Sigve Brekke, CEO di Telenor, ha uno stretto rapporto con le operazioni dell’azienda in Asia. Brekke è stato Direttore Senior di Dtac e Direttore di Telenor Asia.

È stato coinvolto nella decisione di entrare nell’azienda in India, che si è conclusa con una perdita di circa 30 miliardi di corone quando l’azienda si è ritirata dal mercato della telefonia mobile del paese. Brekke è stato coinvolto anche nella decisione di far entrare Telenor in Myanmar, da cui la società ora fatica a ritirarsi completamente.

stati di rotazione

In Thailandia, Telenor Dtac ha generato vendite per 5,1 miliardi di NOK nel terzo trimestre, 40 milioni di NOK in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

E secondo Telenor, gran parte del declino è dovuto alla pandemia di Corona, che ha colpito duramente l’Asia.

Le società asiatiche di Telenor hanno aumentato il numero di clienti mobili di un totale di 1,8 milioni durante il trimestre. Telenor ha avuto la crescita più forte in Bangladesh, con una crescita di 1,6 milioni nel trimestre. Alla fine di settembre, Telenor aveva 83,6 milioni in Bangladesh. In tutto, Telenor ha attualmente più di 162 milioni di clienti mobili in Asia al di fuori del Myanmar.

Dtac è stata fondata in Thailandia nel 1989 ed è la terza più grande compagnia di telefonia mobile in Thailandia. L’amministratore delegato di Telenor, Sigve Brekke, è stato presidente della Thailandia dal 2014 al 2015. Ora l’indiano Sharad Mehrotra è colui che controlla Dtac.

Responsabile Consolidamento

Dopo che Jørgen C. Arentz Rostrup ha lasciato la sua cattedra di CFO a Fornebu ed è diventato CEO di Telenor Asia con sede a Singapore il 1° maggio 2020, l’azienda ha lavorato per trovare nuovi partner.

Nell’aprile di quest’anno, Telenor ha stipulato un accordo con l’operatore di telecomunicazioni malese Axiata per l’integrazione delle operazioni di telefonia mobile malese.

L’accordo prevede la fusione di Digi di Telenor e dell’operatore mobile Celcom di Axiata in Malesia, che hanno un totale di 19 milioni di clienti con un fatturato di 25 miliardi di NOK e un valore di mercato di oltre 100 miliardi di NOK.

Entrambe le parti hanno concordato l’accordo, che è ora all’esame delle autorità garanti della concorrenza in Malesia.

Con questa fusione, sfruttiamo competenze complete, solidità finanziaria e scalabilità per fornire tecnologia, servizi e soluzioni che migliorano la vita digitale quotidiana dei nostri clienti, ha dichiarato Rostrop a giugno, quando entrambe le parti hanno completato la loro due diligence e firmato accordi sulla fusione.

Lottando in Myanmar

Quest’estate si è saputo che Telenor si sta ritirando dal Myanmar dopo il golpe militare e vuole vendere l’intera attività in Myanmar al gruppo libanese M1. Certo, il consiglio militare non ha ancora approvato l’accordo.

Pertanto, le operazioni di Telenor sono limitate solo a Bangladesh, Pakistan e Thailandia.

L’amministratore delegato di Telenor, Sigve Brekke, ha dichiarato a DN a luglio La società non ha intenzione di uscire dall’area.

Telenor continuerà ad essere un forte operatore di telecomunicazioni asiatico con oltre 8.000 dipendenti e circa 160 milioni di clienti nella regione anche dopo questa transazione. La nostra strategia in Asia è coerente e continueremo a cercare opportunità per rafforzare la nostra presenza e creare valore nella regione. “Siamo ben posizionati per continuare a partecipare alla crescita futura e allo sviluppo digitale dell’Asia”, ha scritto Brick in una e-mail.(Termini)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o i nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un collegamento che conduce direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.