Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Tesla è stato condannato da un consiglio di conciliazione dopo che le auto hanno perso la velocità di ricarica

Tesla non è comparso quando il caso doveva essere ascoltato al Consiglio di conciliazione, scrive Finansavisen.

Dopo un aggiornamento del software nel 2019, alcuni proprietari di Model S che hanno acquistato tra il 2013 e il 2015 hanno notato che le loro auto non ricevevano più energia dai caricatori rapidi alla stessa velocità di prima. Ciò ha reso le auto più difficili da usare nei lunghi viaggi. È probabile che circa 10.000 proprietari di auto norvegesi saranno interessati da questo problema.

Tesla ha negato che il problema esistesse, ma prima e dopo i controlli mostrano che un aggiornamento è una causa diretta del problema, secondo Bilklager.no, Chi ha menzionato per primo il problema.

In un reclamo di transazione inviato il 17 dicembre dello scorso anno, 30 proprietari norvegesi di Tesla hanno chiesto al produttore di garantire che la batteria e la capacità di ricarica siano ripristinate al livello precedente l’aggiornamento, oppure di ottenere un risarcimento.

La sentenza è stata annunciata dal Consiglio di conciliazione il 17 maggio e Tesla è stato condannato a pagare 136.000 corone di danni a ciascuno dei querelanti.

La convenuta non ha risposto entro la scadenza del termine. Inoltre non è menzionato o probabile che il convenuto abbia una valida assenza. Il denunciante ha chiesto una sentenza di assenza, e questo è stato giudicato.

Nessuno in Tesla Norvegia commenterà il problema.

Non abbiamo commenti sulla questione, afferma Even Sandfold Roland di Tesla, Norvegia, Direttore delle comunicazioni. Né risponderà perché Tesla non è apparso nel consiglio di conciliazione.

READ  Tizen and Wear OS - Fitbit si integra con i nuovi orologi