Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Test antidoping positivo ritenuto pulito – spiegato da un “malinteso interno”

Test antidoping positivo ritenuto pulito – spiegato da un “malinteso interno”

“La mia vita è completamente distrutta”, ha detto Angermund, quattro volte campione del mondo di corsa in montagna, in un'intervista con NRK giovedì 8 febbraio.

Ha parlato di quello che è successo il 20 ottobre dell'anno scorso.

Ha poi ricevuto un'e-mail dall'Agenzia antidoping francese (AFLD) in cui si informava di essere risultato positivo alla sostanza vietata clortalidone dopo aver vinto il Mont d'Orsiers-Champex-Chamonix il 31 agosto.

Il clortalidone è un farmaco per la pressione sanguigna che può essere utilizzato per mascherare l’uso di altri stimolanti. Quando NRK gli chiese direttamente se avesse preso il farmaco per questo scopo, Angermund rispose “per nulla”. Afferma di non aver preso affatto il farmaco.

Così Angermond ha sperato che si trattasse di un malinteso quando il 30 ottobre, dieci giorni dopo la frustrante lettera dell'AFLD, ha ricevuto un'e-mail dagli organizzatori dell'Ultra Trail du Mound Blanc (UTMB).

Cioè, ha detto:

Ha aggiunto: “Ci scusiamo per il ritardo, ma prima dovevamo ottenere i risultati antidoping. È ora che tu rivendichi il tuo premio in denaro!”

LONTANO: Stian Angermund cerca una spiegazione sul motivo per cui è risultato positivo a una sostanza vietata.

Foto: Benjamin Dyrdal/NRK

Chiedi conferma

Per assicurarsi di aver capito bene, Angermund ha inviato una risposta con una domanda il 2 novembre.

“Può confermare che i risultati antidoping sono puliti e che ha ricevuto informazioni?”

Il 6 novembre arrivò la risposta:

“I tuoi test antidoping sono stati approvati.”

Nella stessa e-mail, Angermond è stato nuovamente incoraggiato a ritirare il suo premio in denaro. NRK ha ottenuto l'accesso a questo scambio di email.

Dopo aver ricevuto conferma dall'organizzatore che il suo test antidoping era risultato positivo, Angermund ha deciso di accettare il premio in denaro.

– Sì, ho dovuto accettarli e forse dovrò restituirli di nuovo, dice a NRK.

Non è stato informato

Il primo premio era di 10.000 euro, poco più di 110.000 corone norvegesi, hanno detto gli organizzatori in una e-mail a NRK.

Ma come è possibile che i regolatori abbiano ricevuto un messaggio diverso sul risultato del test rispetto allo stesso Angermund?

Per scoprirlo, NRK ha prima contattato l’Agenzia antidoping francese.

La risposta del direttore della comunicazione Julien Marivale è stata che gli organizzatori non erano stati informati che il test era negativo, né che lui era risultato positivo.

“Nessun risultato positivo del test è stato legalmente segnalato agli organizzatori, a differenza dell'atleta stesso, delle federazioni nazionali e internazionali e dell'Agenzia nazionale antidoping”, ha scritto Marival.

Di fronte a ciò, gli organizzatori hanno risposto come segue in un'e-mail a NRK:

“Per rispettare la WADA (Agenzia mondiale antidoping), i controlli sono stati effettuati dall'Agenzia antidoping francese, che informa l'atleta esclusivamente in caso di test positivo. Pertanto non avevamo informazioni sul risultato fino al Stian ce lo ha comunicato sabato 10 febbraio”.

Stian Angermund

Campione del mondo: Stian Angermund ha vinto quattro medaglie d'oro nel campionato mondiale di varie forme di corsa in montagna.

Incomprensione interna

Per dare seguito alle domande sul perché ad Angermund è stato detto il contrario, la risposta è:

“Le squadre che hanno risposto internamente a Stian alla fine di ottobre sono state incaricate di pagare il premio in denaro il più rapidamente possibile. Hanno concluso erroneamente che i test antidoping erano buoni. Da qui la risposta e la frase 'i vostri test antidoping hanno stato chiarito”, il che è stato un malinteso “interno”.

L'e-mail è stata scritta da Sabina Mollart-Rogerson, direttrice dell'azienda che gestisce tutte le comunicazioni per gli organizzatori.

Allo stesso tempo, gli organizzatori sottolineano che Angermond non può essere escluso dalla vincita, finché non verrà emessa una sentenza in merito.

“Se il vincitore viene squalificato a causa di problemi di doping, il premio in denaro verrà ridistribuito secondo i regolamenti”, si legge nella decisione.

– Molto irrispettoso

Il commentatore sportivo della NRK Jan Peter Saltvedt reagisce con forza all'incomprensione interna.

– Se non lo sai, come ora sostengono di non sapere gli organizzatori, almeno non dovrebbero dire nulla. Questo tipo di montagne russe emotive è una sorta di punizione aggiuntiva che nessuno merita, che sia colpevole o meno. Questo non solo è poco professionale, è anche estremamente irrispettoso, dice Saltvedt.

Di fronte alla dichiarazione di Saltveit, gli organizzatori hanno risposto:

“Possiamo solo ripetere ciò che è stato detto venerdì, ovvero che gli organizzatori non sono a conoscenza dei risultati dei test o non hanno accesso alle informazioni al riguardo. Ciò è dovuto ad uno sfortunato errore umano.”

READ  Lo svedese Glen Solberg ha vinto un'altra Coppa del Mondo