Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Toyota è un passo avanti verso le batterie allo stato solido

Toyota è un passo avanti verso le batterie allo stato solido

Toyota si sta avvicinando costantemente a un importante passo avanti per quanto riguarda le batterie allo stato solido.  (Foto: Toyota)
Toyota si sta avvicinando costantemente a un importante passo avanti per quanto riguarda le batterie allo stato solido. (Foto: Toyota)

Che cosa significano 1200 km di autonomia e 10 minuti di ricarica?

Uno dei motivi per cui Toyota all’inizio è stata un po’ lenta quando si tratta di auto elettriche è a causa delle batterie. Non sono rimasti particolarmente colpiti da ciò che era disponibile e hanno esaminato anche altre soluzioni di batterie.

Una di queste batterie sono le batterie allo stato solido, in inglese solid-state. Toyota ha condotto ricerche su batterie come questa per 10 anni e finalmente sta dando i suoi frutti.

Ora stanno facendo un grande passo e iniziano la fase successiva con Idemitsu, una compagnia petrolifera giapponese che è presente anche in Norvegia e nel Mare del Nord. Sono anche nel mondo delle auto elettriche e dello sviluppo di batterie e aiuteranno la Toyota con le batterie allo stato solido.

– Idemitsu Kosan e Toyota Motor Corporation hanno concordato di collaborare alla produzione di massa di batterie allo stato solido, afferma il presidente della Toyota Koji Sato.

Nello specifico, le due società uniranno i rispettivi sforzi per produrre in serie nuovi materiali e creare una catena di approvvigionamento per gli elettroliti solidi, che rappresentano la chiave per la commercializzazione delle batterie allo stato solido.

Toyota sta attualmente investendo molto nei veicoli elettrici e li ha suddivisi in diversi tipi di batterie.

Una batteria agli ioni di litio “ad alte prestazioni” dovrebbe offrire un’autonomia fino a 800 chilometri, una batteria “popolare” con litio ferro fosfato dovrebbe ridurre i costi e aumentare l’autonomia, mentre una batteria agli ioni di litio ad alte prestazioni dovrebbe fornire un’autonomia fino a 800 chilometri. 1.000 chilometri.

Si prevede che tutte queste saranno operative entro la fine del 2028, momento in cui Toyota avrà pronte anche le batterie allo stato solido.

READ  Test: Pixel Buds Pro - ITavisen

– Tra il 2027 e il 2028 inizieremo a produrre batterie allo stato solido da utilizzare nei veicoli elettrici a batteria. Poi getteremo le basi per la produzione di massa”, afferma Sato.

La prima serie di batterie a stato solido sbloccherà un’autonomia fino a 1.000 km, dopodiché arriveranno le batterie di seconda generazione che porteranno le auto elettriche a un’autonomia fino a 1.200 km.

Uno dei vantaggi delle batterie allo stato solido è che l’elettrolita è solido. Ciò significa che gli ioni, che conducono l’elettricità, possono muoversi più velocemente, consentendo così tempi di ricarica più brevi, maggiore autonomia e maggiore potenza, afferma Sato.

– Le batterie allo stato solido sono anche molto stabili perché sono resistenti agli sbalzi di temperatura e resistono fortemente alle alte temperature e alle alte tensioni. Inoltre, poiché le batterie allo stato solido sono più piccole e più potenti, consentiranno ai veicoli elettrici a batteria di soddisfare una varietà di esigenze, dalle auto sportive che richiedono prestazioni elevate ai veicoli commerciali che richiedono ricariche rapide e frequenti.

Sembra così promettente, perché non è stato già implementato? Bene, c’è un back-end con questo:

-La sfida più grande è la durabilità, afferma Sato.

– Un problema tecnico a lungo termine è che frequenti caricamenti e scaricamenti della batteria provocano crepe tra i catodi, gli anodi e gli elettroliti solidi, compromettendo le prestazioni della batteria. Dal 2013, il nostro partner nella risoluzione di questo problema è Idemitsu, che è stata una delle prime aziende a sviluppare le prime tecnologie per le batterie a stato solido. Una di queste tecnologie iniziali è un elettrolita solido altamente flessibile, appiccicoso e resistente alle crepe. Attraverso ripetuti tentativi ed errori e combinando le tecnologie dei materiali di entrambe le società, siamo stati in grado di sviluppare un materiale resistente alle crepe che presenta prestazioni elevate.

READ  Sony: il supporto VRR è finalmente in arrivo su PlayStation 5

Quindi sono finalmente vicini a un traguardo importante, 10 anni dopo l’inizio del progetto.

– Combinando questo nuovo elettrolita solido con i materiali catodici e anodici e le tecnologie delle batterie del Gruppo Toyota, siamo ora sulla buona strada per raggiungere prestazioni e durata nelle batterie a stato solido.

Anche il partner Idemitsu è ottimista.

– Come ha appena affermato il Presidente Sato, non sono le potenzialità e i sogni ad essere messi alla prova, ma la capacità di realizzarli. Idemitsu sosterrà la capacità di Toyota di raggiungere la commercializzazione di batterie elettriche allo stato solido tecnologicamente potenti attraverso la produzione e la produzione in serie di elettroliti solidi utilizzati in tali batterie, ha affermato Shunichi Kito, direttore, presidente e CEO di Idemitsu.

– Il nostro obiettivo di marketing è il 2027 o 2028. Ciò significa che la commercializzazione delle batterie allo stato solido è qualcosa nel futuro ed è ora a portata di mano.

Se tutto andrà secondo i piani, entro cinque anni verranno installate le prime auto elettriche dotate di batterie allo stato solido, e con un’autonomia di oltre 1.000 chilometri e tempi di ricarica inferiori a 10 minuti, dovrete comunque preoccuparvi sull’autonomia e sulla ricarica. Sii un fenomeno dimenticato.

Ecco come appare la tabella di marcia della batteria di Toyota:

Leggi anche: