Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Tra quattro anni l’ultima vettura non elettrica arriverà da Audi

La trasformazione elettrica dell’industria automobilistica è in pieno svolgimento e si sta muovendo rapidamente. Un certo numero di case automobilistiche ha deciso di stabilire una scadenza per le auto con motore a combustione interna.

Uno di questi è Audi, che ora conferma che l’inizio della produzione del suo ultimo nuovo modello con motore a combustione interna avverrà tra soli quattro anni.

Dal 2026 rilasceranno solo nuovi modelli completamente elettrici. La produzione di motori a combustione interna verrà gradualmente eliminata entro il 2033. È anche probabile che avvenga molto prima.

Nei prossimi anni ci saranno una serie di nuove auto elettriche. In particolare, per il 2025 sono previsti più di 20 modelli completamente elettrici.

L’obiettivo principale è rendere la produzione carbon neutral entro il 2025. Questo è già stato raggiunto come obiettivo intermedio negli stabilimenti di produzione Audi in Ungheria e Bruxelles.

Risparmia tonnellate di anidride carbonica

Qui Audi opera su più fronti. La batteria stessa è la parte più energivora della produzione di veicoli elettrici, rappresentando quasi un quarto delle emissioni totali per ogni veicolo prodotto. Questo è anche il motivo per cui Audi ha iniziato il suo lavoro verso le emissioni zero. Nel 2018, l’azienda ha lanciato un “Programma di anidride carbonica nella catena di fornitura” per trovare opportunità per ridurre le emissioni, insieme ai subappaltatori. I circuiti chiusi di materiali e l’uso di energia verde sono centrali qui.

Queste misure avranno il loro pieno effetto entro il 2025. Secondo i calcoli di Audi e dei suoi subappaltatori, ciò farebbe risparmiare in media 1,2 tonnellate di anidride carbonica per auto. Solo nel 2020 Audi ha risparmiato un totale di 335.000 tonnellate di CO2 nella catena di approvvigionamento. La riduzione delle emissioni rispetto al 2019 è stata di 35.000 tonnellate.

READ  Marca: il Liverpool ha preso di mira il giocatore più offensivo del mondo

Anche gli ibridi ricaricabili stanno scomparendo, leggi di più su di loro qui:

L’e-tron ha avviato l’investimento di Audi nelle auto elettriche e ora si stanno lavorando su una serie di nuovi modelli. Foto: NTB Scanpix

Utilizza materiali riciclati

Per produrre la prima auto elettrica di Audi, la e-tron, è stato contrattato che l’energia necessaria per produrre le batterie sarebbe derivata da fonti rinnovabili.

Anche i materiali riciclati sono sempre più utilizzati. Ad esempio, l’alluminio di scarto dell’impianto di pressatura viene restituito al fornitore. Ciò significa una minore necessità di alluminio primario e quindi minori emissioni di carbonio. Con l’introduzione dell'”anello chiuso in alluminio”, l’impianto di presse di Audi può risparmiare un totale di 165.000 tonnellate di CO2 nel 2020.

Inoltre, i materiali riciclati vengono utilizzati in un numero sempre maggiore di componenti. Non solo consente di risparmiare emissioni di carbonio, ma è anche più economico. Circa 27 parti dell’Audi Q4 e-tron sono realizzate con materiali che sono stati utilizzati in precedenza.

Molto è andato, ma puoi ancora acquistare 250 auto diesel in Norvegia

L'utilizzo di materiali riciclati è in aumento in molte case automobilistiche, in Audi verranno utilizzati soprattutto negli interni.

L’utilizzo di materiali riciclati è in aumento in molte case automobilistiche, in Audi verranno utilizzati soprattutto negli interni.

Parchi eolici e solari

All’interno vengono utilizzati materiali riciclati per l’isolamento e l’imbottitura, ma molte superfici visibili contengono anche materie prime riciclate. Questo include tappeti e parti del rivestimento del bagagliaio. Linea IS All’interno, i sedili sportivi sono rivestiti in microfibra Dinamica con ecopelle. Dynamic è realizzato per il 45% in poliestere, una materia prima riciclata da bottiglie in PET o vecchi tessuti.

Finché il veicolo elettrico sarà caricato con energia da fonti rinnovabili, sarà completamente privo di emissioni. Ecco perché Audi collabora con i fornitori di energia e sviluppa i propri servizi di ricarica.

Per soddisfare la crescente esigenza di ricarica dei veicoli elettrici, sono stati creati nuovi parchi eolici e solari in diversi paesi europei con diversi partner. Ciò fornirà cinque nuovi terawatt di energia verde entro il 2025, l’equivalente di 250 turbine eoliche. Ulteriori progetti verdi seguiranno nel prossimo futuro.

Nuovo modo di pensare: realizzeranno stazioni di ricarica mobili

Nuove soluzioni di ricarica appaiono quando i principali mercati europei passano ai veicoli elettrici.

Nuove soluzioni di ricarica appaiono quando i principali mercati europei passano ai veicoli elettrici. Il “hub di ricarica Audi” è qualcosa che possiamo aspettarci qui in futuro.

Nuovi cubi di ricarica

Audi Charging Hub è un nuovo concetto di ricarica. Qui, la carica lampo può essere prenotata in anticipo, mentre ci si rilassa nell’area lounge immediatamente adiacente.

Gli hub di ricarica sono costituiti da blocchi flessibili con alberi di ricarica e batterie al litio riciclate per l’accumulo di energia. Questo non solo riutilizza le batterie scartate delle auto elettriche, ma aiuta anche a ridurre i picchi nella rete elettrica. La soluzione riduce anche la complessità tecnica con trasmissioni ad alta tensione e costosi inverter.

I cubi possono essere caricati a 11 kW per cubo da una rete standard a 400 volt. Nel progetto pilota, la potenza totale di 200 kW è sufficiente per fornire una capacità totale di 2,45 MWh. I cubi vengono caricati principalmente di notte. Durante il giorno, il sistema è supportato da celle solari sul tetto. Ciò lo rende possibile con 70 fulmini al giorno, con una potenza fino a 300 kW. Una stazione di ricarica per fulmini convenzionale di potenza equivalente richiede una fonte di energia nella classe dei megawatt.

Anche il primo “asse di ricarica Audi” sarà messo in funzione questo autunno a Norimberga.

Leggi anche: Le vendite di diesel sono in calo, ma un marchio va controcorrente

Video: qui testiamo per la prima volta la nuova Audi Q4 e-tron