Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Transizione verde, nucleare |  Il ballo in maschera della politica climatica non porta da nessuna parte

Transizione verde, nucleare | Il ballo in maschera della politica climatica non porta da nessuna parte

Cronaca Questa è una storia scritta da un collaboratore esterno. I fatti esprimono le posizioni di chi scrive.

Il professore di storia Zelikow, ex diplomatico statunitense con una posizione centrale nella Commissione sull’11 settembre e un passato in cinque amministrazioni presidenziali statunitensi, descrive l’attuale politica climatica con immagini vivide. Lui Lui scrive Direttamente sulla celebre rivista Affari Esteri si riporta quanto segue:

“La risposta del mondo al cambiamento climatico è stata quindi l’equivalente geopolitico della mascherata: una forma di intrattenimento di corte aristocratica del XVI secolo, una drammatica rappresentazione di poesia e un’assurda esibizione allegorica, che di solito culmina in una danza cerimoniale con gli spettatori”. (Ed. Traduzione)

Non è difficile capire cosa significhi. Molti paesi rifiutano di prendere in considerazione fatti fisici semplici e indiscutibili come la legge di gravità.

Gli esempi sono tristemente numerosi. Prendiamo, ad esempio, l’idea dell’elettrificazione universale. Sappiamo dalla termodinamica che l’elettricità è il tipo di energia più preziosa che abbiamo e che l’uso dell’elettricità per tutto il possibile si traduce in una completa e inutile perdita di energia.

Allora alcuni potrebbero sostenere che le fonti elettriche non sono andate perdute. Non è così semplice: ci sono sempre delle perdite.

Quando le turbine eoliche utilizzano il vento, si verificano perdite significative di energia cinetica del vento nella fornitura di elettricità.

Anche l’energia eolica perde parzialmente la sua potenza poiché le piante si influenzano a vicenda con conseguenti perdite 20% Se sono molto vicini tra loro (meno di 50 km). Anche l’energia solare ed eolica richiedono un bilanciamento energetico. Poiché l’energia rinnovabile viene prodotta in base alle condizioni meteorologiche e al vento, il risultato è l’utilizzo di vaste aree di territorio, oltre alla distruzione naturale.

READ  Vacanza con il cappello? itromso.no

Richiedono inoltre attività minerarie su larga scala con maggiori impatti ambientali negativi a causa dell’uso di queste fonti energetiche Troppa materia per ogni quantità di energia prodotta.

Il minerale estratto dalle miniere viene trasformato in minerali e minerali utilizzando quasi esclusivamente energia fossile Serve affidabilità al 100%.. Non solo quello; scrive l’Agenzia internazionale per l’energia Entro il 2050, l’estrazione e la lavorazione di minerali e metalli dovrebbero aumentare fino a 20-40 volte.

Ma ciò che è peggio è l’uso dell’elettricità per scopi non elettrici come la produzione di carburante.

Esempio descrittivo: una nave che attualmente utilizza 1 TWh all’anno di petrolio pesante avrebbe bisogno di 2,2 TWh di energia elettrica per produrre ammoniaca verde. Il risultato è che l’elettricità prodotta tramite ammoniaca verde per il trasporto marittimo internazionale, che utilizza 300 milioni di tonnellate di petrolio pesante all’anno, richiederà 2,7 volte tutta la potenza dell’UE nel 2022.

Al contrario, 2,8 milioni di tonnellate di gasolio per il trasporto marittimo interno norvegese richiederebbero 58 TWh!

Poi aggiungiamo la crescita della popolazione, l’industria aeronautica globale, i trasporti su strada, gli impianti industriali e così via.

C’è solo una fonte di energia che ha le dimensioni per gestire tutto questo, ed è l’energia nucleare perché fornisce elettricità ed energia termica nello stesso periodo di tempo nell’arco di un anno. Efficienza dell’80%. Nel migliore dei casi.

Nessun’altra fonte energetica è in grado di farlo e l’utilizzo di energia termica residua priva di emissioni comporta una significativa riduzione del fabbisogno di elettricità nel punto di partenza.

In un libro che sarà pubblicato a livello internazionale l’anno prossimo, stimo cosa sarebbe necessario per decarbonizzare il 25% delle emissioni globali (circa 9 miliardi di tonnellate di CO2 equivalente) utilizzando l’energia residua delle centrali nucleari. La risposta è 6.500 centrali nucleari con una capacità di 200 MW ciascuna. Il motivo per cui in questo contesto le piccole centrali nucleari (50-300 MW) sono migliori di quelle grandi (1000-1600 MW) è che una grande centrale nucleare fornisce semplicemente molta energia termica residua.

READ  Come può la democrazia essere approfondita e diventare più deliberativa?

Questa analisi spiega molto sulla scala, e con le sole fonti elettriche la scala è così grande da essere fisicamente impossibile. Sarebbe necessario coprire quasi tutta l’Europa con turbine eoliche e la stessa quantità di energia bilanciata/di riserva da fonti energetiche affidabili. Naturalmente vengono aggiunte le linee di trasporto.

Le batterie sono ottime per un uso corretto, ma non in questo contesto. Sono in tutto il mondo 500 gigawatt Ciò, previsto entro il 2031, (se tutto sarà combinato nell’UE) manterrebbe l’UE alimentata per circa 90 minuti prima che le batterie debbano essere caricate, il che richiederebbe anche energia in eccesso. Se consideriamo la potenza iniziale totale nell’UE, una batteria del genere durerà al massimo 16 minuti.

L’economia dell’idrogeno è un nuovo campo minato. L’idrogeno ha molte proprietà meravigliose, ma ha anche alcune proprietà molto stimolanti. Il gas idrogeno penetra nelle saldature e nelle strutture metalliche con un alto rischio di perdite.

Poiché 1 chilogrammo di gas idrogeno sotto pressione ha la stessa potenza esplosiva di 1 chilogrammo di TNT, rappresenta un enorme pericolo quando i capi di stato parlano di esportare gas idrogeno tra paesi attraverso gasdotti. Un trasferimento su piccola scala è possibile, ma sarebbe troppo piccolo e troppo costoso per un’adeguata scala nazionale.

Tuttavia, il problema principale dell’economia dell’idrogeno alimentata dall’elettricità è la mancanza di elettricità, un altro problema che può certamente essere risolto. Qualsiasi eccesso di energia eolica e solare è troppo piccolo per avere molta importanza. Quindi l’economia dell’idrogeno dipende dall’energia nucleare nel quadro generale.

Queste condizioni fisiche indicano che la transizione verde richiederà una portata più ampia e un atteggiamento molto diverso nei confronti dell’energia nucleare rispetto a quanto avviene oggi. Fortunatamente, molti paesi stanno lavorando per armonizzare ciò che esiste oggi Processo di licenza Per quanto riguarda l’energia nucleare, ciò significa che il dispiegamento dell’energia nucleare procederà molto più rapidamente di prima.

READ  Assistenza sanitaria, carenza infermieristica | Infermiera oncologica con 25 anni di esperienza:

La transizione verde è possibile, ma non ignorando le leggi della fisica.

La transizione verde richiederà l’uso sistematico dei fatti e della scienza. Pertanto, i politici devono decidere con urgenza se dobbiamo continuare la mascherata o se dobbiamo fare qualcosa di importante anche se scuote dogmi, miti ed emozioni.