Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Tre lezioni da Monaco nel 1938

Adolf Hitler disse in una trasmissione radiofonica che la Cecoslovacchia era una minaccia alla sicurezza e uno stato artificiale che non meritava autonomia. Questo suona familiare?

A Monaco di Baviera nel 1938, le grandi potenze europee negoziarono la continuazione della pace in Europa, che sarebbe finita l’anno successivo senza alcun risultato. Nella foto, il primo ministro britannico Neville Chamberlain (a sinistra) saluta Adolf Hitler (a destra) durante la conferenza di Monaco del 1938.
  • Jens Frolich Holte

    Già Segretario di Stato (H) presso il Ministero degli Affari Esteri

pubblicato pubblicato

iconadiscussione

Questo è l’argomento di discussione. Il post è stato scritto da un collaboratore esterno e la qualità è stata assicurata dal dipartimento di discussione di BT. Le opinioni e le analisi sono di proprietà dell’autore.

Stato europeo È in disaccordo con il suo vicino su dove dovrebbe andare il confine. Il paese vicino crede che i residenti lungo il confine vogliano cambiare atteggiamento. Vogliono tornare a casa nel seno della madrepatria e alla fine finire per essere invasi. Vi sembra una storia famosa?

Il fatto che le truppe russe abbiano ora attraversato il confine con l’Ucraina è l’ultima stagione dell’eterna tragedia europea. In un giorno come questo, possiamo trarre tre lezioni dalla nostra storia recente.

Leggi anche

Ricevi le ultime notizie dalla copertura di BT sulla crisi in Ucraina

confini del continente La nostra conferenza si è svolta parallelamente alle successive guerre e alle conferenze di pace. Da un punto di vista storico, il periodo successivo al 1945 fu straordinariamente pacifico. Ora la situazione è cambiata. La Russia ha mostrato la sua volontà di cambiare i confini di un altro potente Paese. Non solo una volta, ma ripetutamente.

Il discorso televisivo del presidente Vladimir Putin lunedì 21 febbraio è stato uno storytelling creativo, per non dire altro. Ammirava l’esistenza dell’Ucraina come stato e affermava (senza alcuna ragione) che il paese potesse diventare un rischio per la sicurezza perché volevano avere armi nucleari.

READ  Le Nazioni Unite cercano 'tirocinanti in pensione' - non li pagheranno - E24
Jens Frolich-Holte è stato Segretario di Stato (H) presso il Ministero degli Affari Esteri dal 2017 al 2021.

Questo è il Un manoscritto che abbiamo letto prima. Il discorso ne è stato un buon esempio unitario. L’unitarismo, in breve, è l’esecuzione di rivendicazioni territoriali contro altri stati su base nazionale, etnica o storica. Nel suo discorso, Putin ha utilizzato tutte e tre le giustificazioni.

La parola è italiana, significa non ostile e risale al 19° secolo quando l’Italia crebbe da due piccoli regni in un impero con colonie. Il principio è che la nazione dovrebbe liberare, cioè liberare, i suoi fratelli che sono intrappolati dietro i confini riconosciuti di altre nazioni.

L’Italia usò la prima guerra mondiale per impadronirsi dell’Alto Adige e successivamente delle terre lungo la costa della Croazia. L’Ungheria si è fornita alla Slovacchia e all’Ucraina durante il periodo tra le due guerre. Il comportamento della Germania nazista negli anni ’30 fu unitarismo in allerta rossa mortale. Le democrazie europee lo accolsero con impazienza.

Leggi anche

Putin afferma che un’operazione militare è in corso nell’Ucraina orientale

dopo la Germania L’Austria divorò all’inizio del 1938, peggiorando la situazione nell’Europa centrale. Poco più del 20 per cento della popolazione della Cecoslovacchia parlava tedesco. Cechi di lingua tedesca nella zona di confine Sudeland Voleva l’autonomia e infine l’integrazione in Germania. La Germania ha fatto richieste impossibili alla Cecoslovacchia.

Quando non sono stati rispettati, le forze di frontiera e le dogane cecoslovacche sono state attaccate senza preavviso dalle milizie di lingua tedesca. La milizia dietro la guerra ibrida è stata sostenuta dalla Germania. Adolf Hitler disse in una trasmissione radiofonica che la Cecoslovacchia era una minaccia alla sicurezza e uno stato artificiale che non meritava autonomia. Questo suona familiare?

READ  Il Nasdaq gira più in alto su Wall Street - E24

per prevenire la guerra Germania, Italia, Francia e Regno Unito si incontrarono a una conferenza a Monaco nel settembre 1938. La fine della canzone fu che la Cecoslovacchia subì pressioni per cedere i Sudeti alla Germania. Il primo ministro del Regno Unito, Neville Chamberlain, e il primo ministro francese, Edouard Daladier, erano in gran parte dei geni in questo momento.

“Questo accordo fornisce pace per il nostro tempo”, disse Chamberlain quando tornò in Gran BretagnaAgitò il foglio dell’appuntamento e fu immortalato in una foto famosa. I paesi democratici sono stati in grado di prevenire una grande guerra europea, semplicemente spostandosi un po’ sui confini di un piccolo paese al centro dell’Europa. Non è stato fantastico?

Leggi anche

Tristezza e disperazione: il padre della famiglia, Anton, 34 anni, è una delle ultime vittime della guerra

due settimane fa Presto ci troveremo di fronte a una scelta tra guerra e disgrazia, scrisse Winston Churchill in una lettera sugli eventi dell’Accordo di Monaco del 1938.

1) Una garanzia di sicurezza dovrebbe essere effettivamente una garanzia di sicurezza. Dal 1924 l’indipendenza della Cecoslovacchia è stata praticamente garantita dalla Francia. Dopo l’accordo di Monaco, si è scoperto che questa garanzia di sicurezza non valeva la carta su cui era scritta. Per vari motivi, Gran Bretagna e Francia non hanno mostrato una deterrenza credibile contro il comportamento della Germania nazista.

L’Europa oggi si trova in una situazione completamente diversa. La NATO è un’alleanza di credibilità e grande potenza militare.

Non c’è dubbio che un’alleanza difensiva ci dia sicurezza collettiva. Questo non era il caso nel periodo tra le due guerre. L’Ucraina non è un membro della NATO, ma tutti gli Stati membri della NATO sono abbastanza chiari sul fatto che l’integrità territoriale dell’Ucraina è inviolabile. Nel periodo tra le due guerre, l’Europa era pronta a negoziare la sovranità della Cecoslovacchia. Oggi, in caso di violazione della sovranità dell’Ucraina, sono previste severe sanzioni.

READ  Renault Zoe e Dacia Spring
Quando Neville Chamberlain tornò in Gran Bretagna dopo aver incontrato Adolf Hitler nel 1938, stipulò un accordo con Hitler che garantiva la “pace ai nostri tempi”.

2) Non fidarti delle parole gentili dei governanti tirannici, ma guarda cosa fanno. Il 26 settembre 1938 Hitler disse in un discorso che questa era “l’ultima rivendicazione territoriale che ho in Europa”. Ma la Germania non si arrese all’accordo di Monaco e l’anno successivo la regione di Klaipeda fu costretta a entrare in Lituania e la guerra mondiale iniziò quando conquistò Danzica. Putin non si è unito alla Georgia nel 2008 o alla Crimea nel 2014.

La situazione in Ucraina ha mostrato che l’impegno diplomatico con la Russia deve essere accompagnato da un’analisi sobria di ciò che sta effettivamente accadendo sul campo. Ciò è particolarmente vero quando la guerra dell’informazione si intensifica. Fortunatamente, in Europa siamo più bravi ora di quanto non fossimo nel 2014 nell’eliminare la disinformazione. Gli Stati Uniti in genere condividevano l’intelligence che indicava l’invasione.

Leggi anche

Morten Mixfull: “Il ritorno dell’Unione Sovietica”

3) L’integrazione economica e politica volontaria previene i conflitti. Quando i confini vengono demoliti, si crea una pace duratura. Questo è stato lo slancio di tutto il processo che ha portato oggi all’Unione Europea, dalla fondazione dell’Unione del carbone e dell’acciaio nel 1952. Un futuro pacifico presuppone che un’Ucraina libera sia in grado di compiere le proprie scelte economiche e politiche, senza interferenze da estranei.

Ora è in corso l’attacco all’Ucraina. La situazione nei Sudeti terminò con l’occupazione della Cecoslovacchia nel 1939. Non è di grande consolazione che abbiamo potuto imparare dalla storia.

Ma questa volta le democrazie europee ei nostri alleati transatlantici stanno lavorando insieme per mostrare quanto costa alla Russia violare il diritto internazionale. Ci auguriamo che i costi siano così elevati che ciò non accada di nuovo nel nostro continente.

pubblicato