domenica, Giugno 16, 2024

Trovare i candidati più deboli: – Questa è la psicologia del mercato

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

– No, non credo in una nuova crisi bancaria.

Il chief investment officer di Nordea, Robert Ness, afferma che non c’è nulla che suggerisca che i numeri suggeriscano una ripetizione delle precedenti crisi bancarie o della crisi finanziaria del 2008/09. Ma dice che la prossima settimana e il tempo a venire saranno contrassegnati da turbolenze e incertezza, dopo la fine, tra gli altri, della Silicon Valley Bank e della Signature Bank statunitensi, nonché della Swiss Credit Suisse Bank.

Il gestore degli investimenti di Nordea, Robert Ness, si aspetta guai, ma nessuna crisi bancaria.

Il gestore degli investimenti di Nordea, Robert Ness, si aspetta guai, ma nessuna crisi bancaria. (Foto: Per Stale Bugjerde)

Problema Deutsche Bank

I titoli bancari europei sono scesi bruscamente venerdì, guidati dalla tedesca Deutsche Bank, che ha chiuso in ribasso di oltre l’8% dopo essere scesa a un certo punto di quasi il 15%. Sul mercato, alcuni trascurano la possibilità che Deutsche Bank possa essere la prossima banca a uscire dopo il crollo del Credit Suisse una settimana fa.

Sul mercato, Deutsche ha una certa reputazione come banca d’investimento che assume rischi. La banca è stata anche messa in evidenza perché ha finanziato molte delle attività e dei progetti immobiliari dell’ex presidente Donald Trump per un certo numero di anni, forse sulla base di una gestione del rischio piuttosto scadente.

– Questa è psicologia del mercato, stai cercando problemi e il prossimo ovvio candidato più debole. Penso che non sia naturale aspettarsi che Deutsche Bank si metta nei guai, dice Ness.

Deutsche Bank sta facendo soldi, dice, ed è stata redditizia negli ultimi anni, con basse perdite sui prestiti. Sebbene la quota di Deutsche sia diminuita in modo significativo quest’anno, è ancora ai livelli di ottobre dello scorso anno. Infine, i tassi di mercato per i credit default swap (CDS) di Deutsche sono relativamente bassi, al 2% rispetto al 10% di Credit Suisse prima del crollo.

– Deutsche sta facendo soldi, le perdite sui prestiti sono basse, il prezzo delle azioni è decente e il mercato non è scontato in un crollo. Non c’è una vera crisi, dice Ness.

In futuro, dice, gli analisti volgeranno lo sguardo ai conti delle società, che cominceranno a venire alla luce nel corso delle prossime settimane. Qui otterrai un’indicazione dell’entità delle perdite aziendali e lo sarà, ora che l’economia si sta indebolendo sempre più e i tassi di interesse sono più alti.

Ness afferma che i calcoli della società diranno ancora una volta qualcosa su quante perdite sui prestiti le banche dovranno affrontare in futuro e che questo sarà assolutamente cruciale per qualsiasi interruzione in corso nel settore bancario. Dice che le banche statunitensi hanno abbassato le loro stime delle perdite sui prestiti lo scorso autunno e le hanno nuovamente alzate dopo la Silicon Valley Bank, ma le stime sono ancora inferiori rispetto a prima degli aggiustamenti al ribasso di questo autunno. Næss individua il settore immobiliare, in particolare quello commerciale, come un settore che ha visto uno sviluppo debole nell’ultimo anno e che gli analisti seguiranno da vicino in futuro.

Nel frattempo, vari supervisori nazionali e internazionali, banche centrali e autorità politiche sono in allerta e attenti a evitare nuove crisi, ed evitare “corse agli sportelli” contro le singole banche.

Questo fine settimana, Kristalina Georgieva, capo del Fondo monetario internazionale (FMI), ha lanciato un avvertimento sui crescenti rischi per la stabilità finanziaria globale. Il capo del Fondo monetario internazionale ha fatto il punto in una conferenza a Pechino nel fine settimana, sulla scia dei grandi sconvolgimenti nel settore bancario dopo il crollo della Silicon Valley Bank e del Credit Suisse.

Georgieva ha sostenuto, secondo il Financial Times Che l’incertezza nell’economia globale è “eccezionalmente grande” e che la crescita economica globale sta scendendo a meno del tre percento del prodotto nazionale lordo (PNL) a causa della guerra in Ucraina e delle conseguenze della pandemia di Corona.

Numeri di giovedì dagli Stati Uniti

In previsione della prossima stagione dei risultati, la prossima settimana ci saranno numeri macro che daranno i migliori segnali per lo sviluppo futuro del mercato, e la prossima settimana ci saranno molte nuove statistiche dagli Stati Uniti e dal resto del mondo.

Giovedì sarà il giorno più importante con i numeri degli Stati Uniti su PIL e disoccupazione, seguiti dai dati sull’inflazione venerdì. Anche i numeri dei prezzi delle case di martedì sono sempre importanti. Altrimenti, vale la pena notare che il mercato dei tassi di interesse è assolutamente selvaggio, afferma Ness.

Nota che questa settimana la Federal Reserve ha alzato il suo tasso di interesse chiave al cinque percento e che è stato annunciato approssimativamente al 5,25 percento a maggio. Allo stesso tempo, i tassi di interesse sui titoli di stato statunitensi sono diminuiti in modo significativo e ora sono del 4,3% sui titoli a un anno, mentre il tasso a due anni è sceso a meno del 3,8%. Questi tassi di interesse, determinati dal mercato, sono la migliore stima di dove sarà il tasso di interesse principale rispettivamente tra uno e due anni.

– Ciò significa che i tassi di interesse scenderanno e la Fed taglierà molto rapidamente dall’estate o dall’autunno, afferma Ness.

Sebbene questa possa essere una buona notizia per i clienti ipotecari in difficoltà, in realtà significa che si stanno preparando problemi.

– Il mercato è ora in una stasi negli Stati Uniti. Ciò si manifesta, tra l’altro, in tagli aggressivi dei tassi di interesse, perché l’economia sta andando molto peggio, afferma il gestore degli investimenti Robert Ness di Nordea.(condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri stati utilizzando collegamenti che conducono direttamente alle nostre pagine. La riproduzione o altro uso di tutto o parte del Contenuto può essere effettuato solo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per ulteriori termini vedere qui.

READ  Il concorrente ID.Buzz di Kia ha interni che puoi costruire come un giocattolo Lego

More articles

Latest article