Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Trump si infuria contro diverse società dopo che Facebook no – VG

Online: Donald Trump era molto attivo sui social media. Foto: Lea Meles / Reuters

L’ex presidente non è stato autorizzato a tornare su Facebook e Instagram. La decisione deve essere riesaminata entro sei mesi.

Pubblicato:

Ciò è stato determinato dall’organo di controllo indipendente di Facebook, il Consiglio di vigilanza.

L’ex presidente degli Stati Uniti ha vietato i suoi account Facebook, Instagram, Twitter e YouTube dopo centinaia di loro I suoi sostenitori hanno preso d’assalto il Congresso A gennaio per cercare di boicottare il conteggio ufficiale del risultato elettorale.

Di conseguenza, il Consiglio delle autorità di vigilanza ha sostenuto la decisione di Facebook del 7 gennaio di impedire a Trump di pubblicare contenuti su Facebook e Instagram.

Giovedì, l’ex presidente Donald Trump ha rilasciato una dichiarazione che viola la decisione.

Quello che hanno fatto Facebook, Twitter e Google è totalmente vergognoso e una vergogna per il nostro Paese, ha scritto il Presidente in un comunicato stampa.

Ha anche scritto che “la libertà di espressione è stata derubata del presidente degli Stati Uniti”, sebbene non sia più presidente dopo aver perso le elezioni a favore del presidente Joe Biden.

L’ex presidente Trump incolpa anche la sinistra e “la verità apparirà più grande e più forte che mai”.

– La gente del nostro paese non ci si troverà! Le società di social media corrotte devono pagare un prezzo politico e non si deve mai permettere loro di distruggere il nostro processo elettorale

Lode a Trump no

Il Consiglio delle autorità di vigilanza osserva che Trump ha utilizzato i suoi conti per affermare ripetutamente che le elezioni erano state rubate, lo stesso giorno della tempesta congressuale. Il Consiglio di vigilanza rileva inoltre che alcune delle persone che hanno partecipato alla tempesta in seguito hanno dichiarato di averlo fatto su ordine di Trump.

READ  Un morto, diversi dispersi dopo una massiccia esplosione in Germania - VG

– Il consiglio è giunto alla conclusione che Trump, sostenendo una narrativa infondata sulla frode elettorale e ripetuti inviti all’azione, ha creato un ambiente in cui c’era un grave rischio di violenza, ha scritto il Consiglio di vigilanza in Giustificazione.

Ma credono che Facebook non abbia il diritto di imporre restrizioni su di esso senza una data di fine e concede loro sei mesi per valutare la decisione.

Il leader della maggioranza della Camera Steny Hoyer ha detto a Reuters che Facebook aveva il diritto di escludere quella piattaforma per Trump e ha elogiato la decisione.

Hoyer dice che Facebook non è un luogo pubblico.

D’accordo: il leader della maggioranza della Camera Steny Hoyer pensa che sia giusto escludere l’ex presidente Trump da Facebook. Foto: MICHAEL REYNOLDS / EPA

Twitter si prende cura

Trump è stato bandito anche da YouTube e Twitter, e quest’ultimo ha affermato che non era opportuno cambiarlo. YouTube afferma che il divieto può essere revocato quando non vi è alcun rischio di violenza.

Trump aveva 88 milioni di follower su Twitter, che è stato il suo canale di comunicazione più importante durante la sua presidenza. Al mattino presto, un afflusso di messaggi potrebbe arrivare in un formato conciso su Twitter.

Ripete le accuse di frode

Dopo la squalifica, è in gran parte scomparso dagli occhi del pubblico e ha dovuto ricorrere alla posta elettronica per raggiungere i suoi follower.

Martedì, tuttavia, Trump ha lanciato un nuovo blog in cui i follower possono copiare i suoi messaggi sui social media. Non è chiaro se le reti lo consentiranno.

READ  Paragona l'Afghanistan all'umiliazione del Vietnam

Trump sta ancora facendo false affermazioni che le elezioni gli sono state rubate a causa di gravi frodi e che è stato lui a vincere le elezioni, non Joe Biden. Lo ripete sul suo sito web, mentre si scaglia contro i suoi compagni di festa che lo hanno criticato, come Mitt Romney e Liz Cheney.