Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Turismo italiano in ginocchio | Lettere di notizie

Il settore turistico italiano prevede un forte calo quest’estate dopo l’inverno e la primavera, quando gran parte del paese è stata chiusa a causa della pandemia di Corona.

Il Paese, che nel 2018 ha accolto 60 milioni di turisti stranieri, prevede di ridurre quest’anno il numero di pernottamenti di 56 milioni, secondo il Centro Studi Turistici di Firenze.

Si tratta di una perdita di 3,2 miliardi di euro per un settore che rappresenta il 13% del PIL italiano. Quasi la metà delle perdite si verifica nel settore alberghiero.

– Il calo era previsto, ma se continua così, quest’anno sarà il peggiore per l’industria del turismo dal 1998, afferma Vittorio Messina di Assoturismo, l’organizzazione turistica italiana.

Nessuno sta arrivando

Dopo due mesi di chiusura, il 3 giugno è stato aperto ai turisti europei, ma i turisti al di fuori di Schengen non riescono ancora a raggiungere il Paese.

– Spero che capiscano quanto prendiamo sul serio la sicurezza, dice Mariteresa Mazza de Piccioli, che affitta appartamenti.

In piazza del Duomo, davanti alla ghirlanda della torta del Duomo di Milano, era pieno di piccioni, ma poca gente. Lungo le vicine vie dello shopping e alla galleria Vittorio Emanuele II non si è mai sentita altra lingua che l’italiano.

– Non credo di aver visto un turista straniero da prima del lockdown, dice la guida turistica Lorenzo Regiroli, affacciandosi sulla piazza semideserta.

Italiani a casa

Ma nonostante l’assenza di stranieri, altri gruppi iniziano ad entrare in correnti sempre maggiori, ovvero gli italiani che vogliono vedere il loro Paese quando gran parte del resto del mondo è loro chiuso.

READ  Assumi il controllo di "The Ellen DeGeneres Show"

Per incoraggiare gli italiani a diventare turisti nel proprio Paese e aiutare a rimettere in carreggiata il settore turistico, le autorità hanno lanciato un programma di “bonus ferie” per dare alle famiglie a basso reddito fino a 500 euro che possono spendere per l’alloggio in hotel in Italia.

Leggi anche: L’Italia apre le porte ai turisti

Regiroli ha anche ricevuto molte richieste da cittadini che desiderano una visita guidata quando non possono viaggiare all’estero. Dice che i locali sono più interessati alla storia antica che agli stranieri.

– In realtà sto progettando una marcia nella città dove la peste a Milano è l’argomento, perché penso che le epidemie possano essere in tempo, dice, un po’ scherzando, un po’ seriamente.

Ci sono anche regole rigorose per i turisti locali per ridurre il rischio di diffusione dell’infezione. Solo dieci possono partecipare a un gruppo consultivo e tutti devono avere una maschera facciale e accedere all’Antibac.

fa paura bergamo

Molte persone che visitano Milano amano fare una gita anche a Bergamo con il suo famoso centro storico. Ma quest’anno Bergamo ha avuto un sound completamente diverso per molti, dopo 6.000 morti di Corona per i 150.000 abitanti della città – il tasso di mortalità più alto in tutta Europa.

– Non biasimo i turisti. Il mondo intero ha visto le immagini della nostra chiesa piena di bare. Tutti l’hanno visto. Certo che hai paura, signore de Piccioli.

Ha sottolineato che la città è al sicuro ora, ma lei stessa non ha numeri su quante celebrità ha perso durante la pandemia.

Ma al Ristorante De Mimmo, nel centro storico di Bergamo, regnava un’atmosfera festosa dopo aver ricevuto la loro prima prenotazione internazionale, un set svizzero in arrivo il 13 luglio.

READ  La "White Label" di Cecily Inger - Recensioni e consigli