Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

UFO: – Spaventoso

Uno scienziato australiano afferma di aver scoperto un oggetto sconosciuto in orbita attorno alla Via Lattea, diverso da qualsiasi cosa osservata prima.

È stato osservato che il corpo emetteva una grande onda di radioattività per circa 60 secondi interi. ogni 18 minuti, Secondo la BBC.

nuova tecnologia

È noto che gli oggetti pulsano di energia nell’universo, ma secondo il ricercatore è insolito emettere radioattività per molto tempo alla volta.

La scoperta è stata fatta per la prima volta dallo studente Tyrone O’Doherty della Curtin Honors University, nell’Australia occidentale, utilizzando una nuova tecnologia di telescopi auto-sviluppata.

O’Dherty ha lavorato sotto la supervisione dell’astrofisica Natasha Hurley Walker.

Ha dichiarato in un comunicato stampa che l’oggetto è apparso e scomparso nel giro di poche ore durante le loro osservazioni.

– E’ stato del tutto inaspettato. È stato molto spaventoso per un astronomo scoprirlo, perché nel cielo non si sa nulla del passato, comportandosi in questo modo.

classe speciale

Il team è stato in grado di determinare che l’oggetto si trova a circa 4.000 anni luce dalla Terra e che contiene un campo magnetico estremamente forte, dopo aver esaminato i dati molti anni fa.

Inoltre, i ricercatori hanno riferito che l’oggetto è più piccolo del Sole e che appare solo come un segnale super forte. Osservato tra gennaio e marzo 2018, Secondo Business Insider.

READ  Bulk certifica le prime strutture di data center predisposte per OCP in Norvegia e Danimarca

La teoria di Hurley Walker è che l’oggetto misterioso sia il nucleo della stella che crolla.

La scoperta del 2018 è una delle tante che sono state fatte in connessione con l’uso di telescopi a bassa frequenza. Il giornale ha scritto che altri quattro segnali di scomparsa provenivano da oggetti sconosciuti vicino al centro della Via Lattea.

Ho mostrato: Questo video mostra il cielo intorno a The Sculptor prima che ingrandisse il quasar che illuminava le galassie oscure. La radiazione del quasar permette di vedere per la prima volta le galassie oscure. Video: ESO/VLT
Mostra di più

Non si comportano come le altre note fatte prima e hanno poco in comune. I ricercatori hanno ora combinato le osservazioni in una categoria separata chiamata “transitori radio del centro galattico”.

La BBC riferisce che il gruppo continua a lavorare per comprendere meglio la scoperta.