Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ulteriore sviluppo di EGNOS – Il Centro spaziale norvegese

EGNOS Open Service è stato lanciato ufficialmente il 1° ottobre 2009 e EGNOS Safety of Life è diventato operativo il 2 marzo 2011. Dopo la messa in servizio, il settore spaziale e terrestre è stato sottoposto a continui aggiornamenti e miglioramenti.

Un importante miglioramento per gli utenti norvegesi è stato quando EGNOS è stato aggiornato a una nuova versione il 26 marzo 2019, dove SOL è stato in grado di estendere la sua area di copertura da 70 a 72°N. Nel luglio 2020, l’ultima generazione di satelliti GPS (Block III) è stata integrata nel settore spaziale di EGNOS.

Nuovi gruppi di utenti

Anche il settore degli utenti si è sviluppato dall’avvento dei servizi in volo e, nel settore dell’aviazione, numerosi aeroporti norvegesi e siti di atterraggio per elicotteri sono stati certificati per l’utilizzo di procedure di avvicinamento basate su EGNOS. Molti attori sociali e servizi di emergenza stanno ora utilizzando EGNOS per aumentare la sicurezza dei voli e la capacità operativa. Si stanno inoltre compiendo sforzi per aumentare il numero di utenti dell’aviazione generale per gli aeroporti non motorizzati e non controllati.

Sebbene il SoL di EGNOS per l’aviazione sia in fase di sviluppo, ci saranno molti gruppi di utenti critici per la sicurezza che trarranno grande vantaggio dall’accuratezza e dall’affidabilità che EGNOS può offrire. Tra gli altri, sono in corso i lavori su un nuovo servizio marittimo fondamentale per la sicurezza e un concetto in cui EGNOS viene utilizzato per determinare il posizionamento sicuro dei treni nel sistema di segnalamento e gestione del traffico del sistema europeo di gestione del traffico ferroviario (ERTMS). È ora in corso un’introduzione graduale dell’ERTMS sulla rete ferroviaria norvegese.

READ  Le istantanee di trasformazione ultraveloce nell'elettronica quantistica potrebbero portare a dispositivi di elaborazione più veloci

<قسم xmlns ="http://docbook.org/ns/docbook" xmlns: xlink ="http://www.w3.org/1999/xlink" xmlns: ezxhtml ="http://ez.no/xmlns/ezpublish/docbook/xhtml" xmlns: ezcustom ="http://ez.no/xmlns/ezpublish/docbook/custom" الإصدار ="5.0 متغير ezpublish-1.0"تم تطوير> EGNOS è stato ampliato per essere in grado di supportare più gruppi di utenti. Foto: GSA / EUSPA.

”/>

EGNOS è stato ulteriormente sviluppato per essere in grado di supportare molti gruppi di utenti. Foto: GSA / EUSPA.

La prossima generazione di EGNOS

EGNOS è ora in esecuzione nella versione di sistema 2 (V2), miglioramenti e aggiornamenti a questa versione di sistema verranno effettuati nei prossimi anni. La prossima generazione di EGNOS (V3) è in fase di sviluppo e includerà un segmento terrestre completamente nuovo, maggiore potenza e nuovi servizi. EGNOS V3 dovrebbe essere operativo dal 2025 al 2026 circa.

Un’importante innovazione con EGNOS V3 sarà il nuovo servizio Dual Frequency Multi-Constellation (DFMC) che trasmetterà le correzioni ai satelliti GPS e Galileo sulle bande di frequenza L1 (1575,42 MHz) e L5 (1176,45 MHz).

Ciò significa che l’utente può utilizzare più satelliti per determinare la posizione e utilizzare le due frequenze per eliminare una delle più importanti fonti di errore; ionosfera. Ciò sarebbe particolarmente utile alle latitudini settentrionali, dove le fluttuazioni nella ionosfera sono maggiori delle fluttuazioni nel sud. Non è facile correggere queste fluttuazioni utilizzando un modello di ionosfera regionale, come fanno gli attuali utenti di EGNOS. Il nuovo servizio per il DIFC dovrebbe diventare operativo intorno al 2027.

Il nuovo servizio sarà molto importante, tra l’altro, per l’aviazione e porterà a una maggiore precisione, disponibilità e continuità. Nell’autunno del 2020, l’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (ICAO) ha approvato nuovi standard e raccomandazioni (Standard e pratiche raccomandate – Standard e pratiche raccomandate) che faciliteranno l’uso del Dubai Civil Aviation System SBAS nell’aviazione internazionale.

READ  Cosa c'è dietro gli animali scolpiti nelle chiese norvegesi?

mari: