Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Un bambino di cinque anni è stato ucciso da un ex membro dello Stato Islamico

Un ex membro dell’Isis è stato condannato martedì per l’omicidio di una bambina di cinque anni in Iraq. L’incidente è avvenuto nel 2015 e dopo sei anni il verdetto è pronto.

Il 29enne, denominato Al-J, è stato condannato in un tribunale regionale di Francoforte all’ergastolo, oltre a pagare un risarcimento di 50.000 euro, pari a più di 500.000 corone, alla madre del bambino. Un bambino di cinque anni è stato ucciso.

Svenuto in tribunale

Al-J ha acquistato il bambino di cinque anni come schiavo nel 2014 e il giudice in tribunale ha concluso che il 29enne aveva agito con l’intento di sterminare i gesuiti (membri di sette religiose sparse nelle aree curde), e quindi genocidio costituito.

L’avvocato dell’imputato ha negato le accuse contro il suo assistito, che è svenuto alla lettura della sentenza, scrivendo guardiano.

In aula era presente anche la moglie tedesca dell’imputato, condannata a ottobre a 10 anni di carcere per omicidio. La madre del bambino di cinque anni ha testimoniato in entrambi i casi e l’avvocato Amal Clooney, che ha agito come avvocato della madre, è stato molto soddisfatto del verdetto.

– Questo è il momento che gli yazidi stavano aspettando. Per sentire finalmente un giudice, dopo sette anni, dichiarare di aver subito un genocidio. Ha aggiunto che vedere un uomo affrontare la giustizia per aver ucciso una ragazza yazida.

tunnel: I combattenti dell’Isis vivevano in un tunnel sotto una moschea in un villaggio a 20 chilometri a nord di Mosul. Combattenti dell’ISIS sono stati trovati e uccisi dalle forze curde peshmerga. Video: Rudaw
Mostra di più

orribile omicidio

Secondo i pubblici ministeri tedeschi, Al-J ha acquistato una donna gesuita e sua figlia di cinque anni come schiave in una base dell’ISIS in Siria nel 2015. Entrambi erano detenuti dall’ISIS dal 2014.

READ  I documenti della difesa sono stati trovati a una fermata dell'autobus in Inghilterra

I due imputati hanno tenuto i due sospettati confinati nella loro abitazione, e si dice che li abbiano costretti a seguire il suo rigido regime e a vivere secondo le regole dello Stato Islamico. Oltre al ripetuto pestaggio di loro, secondo l’accusa a cui il quotidiano britannico ha potuto accedere.

I pubblici ministeri affermano che alla fine del 2015 Al-Jeh ha ucciso la bambina di cinque anni incatenandola a una finestra fuori sotto il sole cocente, in un giorno in cui le temperature avrebbero dovuto raggiungere i 50 gradi. Questa è una punizione per la ragazza che ha fatto pipì a letto.

Il sospettato di 29 anni è stato arrestato in Grecia due anni fa e poco dopo estradato in Germania.

Premio per la pace: nel 2018, Nadia Murad ha condiviso il Premio Nobel per la pace con Denis Mukwege.  Foto: Tobias Schwarz/AFP)

Premio per la pace: nel 2018, Nadia Murad ha condiviso il Premio Nobel per la pace con Denis Mukwege. Foto: Tobias Schwarz/AFP)
Mostra di più

considerati infedeli

Nel 2014, lo Stato Islamico ha ucciso e spostato migliaia di yazidi nel nord dell’Iraq. Nell’agosto dello stesso anno, lo Stato Islamico ha occupato la città di Sinjar, vicino al confine con la Siria. La conquista ha causato la fuga da Sinjar degli abitanti della città, per lo più curdi yezidi.

Inoltre, decine di yazidi sono stati uccisi per essersi rifiutati di convertirsi all’Islam. La religione dei Gesuiti ha somiglianze con molte altre religioni, tra cui l’Islam e il Cristianesimo, e l’ISIS li considera non credenti.

Nadia Murad, la vincitrice del Premio Nobel per la pace 2018, è fuggita dalla prigionia dell’ISIS. Credeva che il verdetto fosse una vittoria per tutte le vittime dei crimini dell’Isis.

La Germania non sta solo sensibilizzando sulla necessità della giustizia, ma sta anche adottando le misure necessarie. Ha affermato che i governi di tutto il mondo potrebbero e dovrebbero copiarlo.