Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Un esperto delle vicende del nuovo presidente del Consiglio italiano:

Venerdì è stato chiaro che Giorgia Meloni aveva accettato di formare un governo su richiesta del premier italiano Sergio Mattarella.

Meloni è il leader del partito Fratelli d’Italia, che in norvegese significa Fratellanza d’Italia. Sono stati chiari vincitori nelle nuove elezioni italiane di questo autunno.

A 15 anni entra a far parte del movimento giovanile del partito neofascista, il Movimento Sociale Italiano (MSI), e a 31 anni Meloni viene eletta Ministro della Gioventù nel quarto e ultimo governo Berlusconi, prima di impegnarsi in 2012. È stata fondata Fratelli d’Italia.

Ora è la prima donna primo ministro di estrema destra da quando il dittatore Benito Mussolini ha governato l’Italia tra il 1922 e il 1943. Ha ottenuto questo risultato entrando in una coalizione con il partito di estrema destra di Matteo Salvini, la Lega, e il conservatore Forward di Silvio Berlusconi. Italia.

TV 2 ha parlato con due esperti italiani di chi è e che tipo di politica potrebbe condurre.

In attesa di resistenza

Elisabetta Cassina Wolf è una storica dell’Università di Oslo, specializzata in Italia. ho accennato in precedenza a Spesso È assolutamente corretto identificare il partito della Meloni come l’estrema destra. Paragona la politica del partito a Presidente Viktor Orban politica in Ungheria.

– Finora è stata brava a muoversi sulla scena politica. Rappresenta una linea politica che la maggioranza degli italiani non sostiene, dice, e sottolinea che la coalizione di Meloni ha circa il quaranta per cento di consensi, ma quasi il sessanta per cento dei seggi in parlamento per effetto della legge elettorale del Paese.

– Ma c’è una maggioranza di italiani che non la pensa come lei, soprattutto per quanto riguarda la politica delle donne e le garanzie per le minoranze e l’immigrazione, aggiunge Wolf.

READ  Iselin Guttormsen: - Sta andando un po' lento

– Qualcuno che possa dividere gli italiani

Lo storico ritiene che la Meloni doveva essere preparata ad affrontare una visibile opposizione in Parlamento, ma anche tra il popolo italiano sotto forma di possibili manifestazioni e scioperi.

Alleanza: il leader della Lega Matteo Salvini (TV), l’attaccante italiano Silvio Berlusconi, il fratello dell’Italia Giorgia Meloni. FOTO: REUTERS/Yara Nardi TBX Immagini del giorno

Da TV 2 dialoga con il socioeconomista e professore associato Roberto Iacono Venerdì sera alla NTNU, ha evidenziato i diritti delle donne come qualcosa che vale la pena perseguire nella politica di Meloni.

Ha detto in diverse occasioni che non ha alcun desiderio di lottare per il diritto all’aborto, tra le altre cose. Il dibattito sull’aborto qui non è esattamente lo stesso che negli Stati Uniti, ma sappiamo che lei non sarebbe una sostenitrice dell’aborto gratuito se ci fosse un dibattito al riguardo.

Dice che Meloni ha rilasciato più volte dichiarazioni critiche sui diritti LGBT.

– In queste zone probabilmente siete più capaci di dividere che di unire gli italiani.

Penso che il rapporto con l’Unione europea sarà il più importante

Aikono ritiene che ciò che può davvero mettere in discussione il governo Meloni sia il rapporto dell’Italia con l’Unione Europea e la Russia, riferendosi alle recenti dichiarazioni del partner di coalizione Berlusconi su dove amicizia stretta Con il Presidente della Russia, Vladimir Putin, lo è.

Crede ancora che, nonostante sia tutt’altro che di destra, non abbia indicato del tutto come si posizionerà sull’UE e sulla Russia.

– Non credo che la Meloni sia come Orban o Berlusconi, ma è difficile prevedere quanto siano estremi.

Orban è un alleato di Putin, e ha messo molti ostacoli davanti all’Unione Europea riguardo, tra l’altro, alle sanzioni contro la Russia legate alla guerra del Paese per invadere l’Ucraina.

AMICI: Il presidente russo Vladimir Putin (TV) e il leader italiano Silvio Berlusconi nella foto qui durante un incontro nel 2019. FOTO: Sputnik/Alexei Druzhinin/Il Cremlino via Reuters

AMICI: Il presidente russo Vladimir Putin (TV) e il leader italiano Silvio Berlusconi nella foto qui durante un incontro nel 2019. FOTO: Sputnik/Alexei Druzhinin/Il Cremlino via Reuters

Da parte sua, lo storico Wolf dell’Università di Oslo ritiene che Meloni si sia chiaramente posizionato in Occidente e nelle alleanze con la NATO, gli USA e l’Unione Europea.

– Quando si parla di affari esteri, non mi aspetto sorprese o grandi cambiamenti dal precedente governo di Mario Draghi.

Sabato, entrambi i principali leader dell’UE come Ursula von der Leyen della Commissione europea e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si sono congratulati con Meloni come nuovo primo ministro e hanno detto che non vedono l’ora di lavorare con lei.

Pensa che il governo stia reprimendo

Un altro aspetto che Iacono sottolinea è che l’Italia ha stipulato un accordo di prestito con l’Unione Europea per rimettere in carreggiata l’economia del Paese. Ma quell’accordo richiede che l’Italia soddisfi una serie di criteri, tra cui le infrastrutture pubbliche, il personale scolastico e le riforme legali.

Lo vogliono gli italiani e l’Unione Europea gli presta i soldi. Nessuno è contrario ad accettare questi soldi, tutte le parti vogliono il prestito. Ma resta da vedere se Meloni riuscirà a continuare la striscia di Draghi verso l’UE, dice.

Iacono aggiunge che l’Italia finora è stata in grado di soddisfare questi requisiti imposti dall’Unione Europea. Crede che ora questo potrebbe crollare, perché, secondo lui, la coalizione si sta incrinando ancor prima che quel governo sia adeguatamente formato.

Saranno in grado di mantenere una sana politica economica? Al momento l’Italia non può rischiare di perdere questo prestito. Probabilmente no, ma anche l’UE non emetterà il prestito senza soddisfare le richieste.