Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Un nuovo focolaio solleva preoccupazioni per il vaccino in Australia: – Inspiegabile – VG

Lista d’attesa per i vaccini: le persone si mettono in fila fuori dal centro di vaccinazione a Melbourne, nello stato australiano di Victoria, il 1° maggio Foto: Daniel Puckett/scimmia

SYDNEY (VG) Le autorità australiane – che sono state elogiate per la loro gestione della pandemia di coronavirus – stanno ora ricevendo pesanti critiche per il ritmo di lancio del vaccino.

Pubblicato:

Viene dopo un nuovo focolaio nel Victoria di personale non vaccinato in due case di cura a Melbourne.

Martedì, durante un’audizione al Senato nella capitale Canberra, è diventato chiaro che meno del dieci per cento dei lavoratori nelle case di cura australiane sono ora completamente vaccinati, Scrive per il Sydney Morning Herald. Le autorità non avevano numeri esatti.

L’obiettivo originale era finire di vaccinare questo gruppo durante i mesi di marzo e aprile e il giornale custode Egli descrive il processo come caratterizzato da “confusione e ritardo”.

– Il leader dell’opposizione Anthony Albanese del partito laburista di sinistra afferma che le autorità non sono riuscite a mettere in atto un sistema per garantire che i lavoratori delle case di cura siano vaccinati è per me incomprensibile.

Leader dell’opposizione: il 23 febbraio il leader del partito laburista australiano Anthony Albanese ha ricevuto il vaccino contro il coronavirus. Foto: MICK TSIKAS/AAP

È sostenuto dalla collega del partito Claire O’Neill, definita il “grande ministro ombra” dell’opposizione:

“Dovrebbe spaventare chiunque in questo paese che il ministro dell’assistenza agli anziani non possa dirci quanti dipendenti dell’assistenza agli anziani sono stati vaccinati”, ha detto mercoledì mattina in un’intervista con il canale ABC australiano.

READ  Kim Jong Un - Si chiama "Cancro crudele"

Meno del due percento di tutte le vaccinazioni è completo

Il Dipartimento della Salute, guidato dal Segretario per l’invecchiamento Richard Kolbeck, afferma che la cifra del dieci percento è un numero inferiore: mostra solo quanti dipendenti sono stati vaccinati negli stessi centri per anziani. Il personale è stato anche in grado di vaccinarsi presso il medico di base, presso i centri di vaccinazione governativi o le cosiddette cliniche pop-up.

Fanno inoltre notare che il vaccino AstraZeneca ha ostacolato le autorità: è stato il primo in Australia. Ora viene utilizzato solo su persone con più di 50 anni e le autorità hanno successivamente stipulato ulteriori accordi di acquisto con Pfizer e Moderna. Molti di questi vaccini Sarà consegnato nella seconda metà del 2021 e nel 2022.

Meno del 2% della popolazione australiana è ora completamente vaccinata:

Le critiche delle autorità arrivano sulla scia dell’improvviso scoppio della malattia nello stato di Victoria. La scorsa settimana ha portato a un arresto di sette giorni, che è stato esteso mercoledì per sette nuovi giorni.

Ci sono anche timori che la malattia possa diffondersi nel vicino New South Wales, dopo che si dice che una persona infetta si sia accampata qui.

Sei nuovi casi sono stati registrati mercoledì mattina a Victoria e il numero totale di casi attivi finora ha raggiunto 67, Scrive per il Sydney Morning Herald.

Victoria è stata anche l’epicentro dell’ondata corona più forte in Australia finora, nel luglio 2020. Si è conclusa con la morte di quasi 700 persone, la maggior parte delle quali per assistenza agli anziani.

Spiega alle persone perché abbiamo ottenuto il vaccino

La recente epidemia ha portato a un acceso dibattito sul ritmo della vaccinazione in Australia.

READ  Video che mostra come i ladri hanno cercato di dirottare un'auto piena di contanti in Sud Africa

Oggi, chiunque abbia più di 50 anni può registrarsi per il vaccino AstraZeneca, mentre chi ha tra i 40 ei 49 anni può ricevere il vaccino da Pfizer. Attualmente non è aperto alla vaccinazione dei giovani, ad eccezione dei gruppi vulnerabili e delle popolazioni indigene.

Finora, le persone non hanno fatto del loro meglio per prenotare un corso di vaccinazione, ma dopo l’inizio dell’epidemia, i tassi di vaccinazione nel Victoria sono aumentati drasticamente. L’ABC australiano scrive. Anche altri stati hanno segnalato un aumento della domanda per il recente focolaio.

“L’epidemia ha chiarito alle persone perché otteniamo il vaccino”, ha detto al canale Chris Moy, presidente dell’Australian Medical Association.

Crede che ci sia un chiaro cambiamento nell’atteggiamento delle persone nei confronti dei vaccini. In realtà c’è Sia le infezioni che le limitazioni erano quasi assentiMolte persone pensano di poter anche aspettare di ricevere una vaccinazione.

“La gente era molto soddisfatta della situazione e pensavano che potesse andare avanti per sempre, che potessimo stare lontani per sempre facendo quello che stiamo facendo ora”, dice Moy.