Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Un nuovo forte balzo dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale degli Stati Uniti di 0,75 punti percentuali – E24

Un nuovo forte balzo dei tassi di interesse da parte della Banca Centrale degli Stati Uniti di 0,75 punti percentuali – E24

La Federal Reserve sta triplicando i tassi di interesse a fronte di una continua forte crescita dei prezzi.

Inserito:

La banca centrale statunitense, la Federal Reserve (Fed), aumenta i tassi di interesse di 0,75 punti percentuali come previsto.

Questa è la quarta volta consecutiva che la banca centrale ha annunciato un così forte aumento dei tassi di interesse di fronte alla forte crescita dei prezzi negli Stati Uniti.

Dopo questo aumento, l’intervallo dei tassi di interesse negli Stati Uniti è 3,75 – 4,0 per cento. È il più alto dall’inizio del 2008.

Continua a leggere E24+

Analisi Investtech: tre acquisti tra i titoli norvegesi preferiti

Nella dichiarazione, la Fed indica, come prima, che l’inflazione rimane alta, che c’è stata una forte crescita dell’occupazione negli ultimi mesi e un basso tasso di disoccupazione.

Allo stesso tempo, la banca centrale ha scritto che quando valuterà il ritmo degli aumenti dei tassi di interesse, terrà conto dell’effetto cumulativo dell’inasprimento fino ad oggi e del ritardo prima dell’impatto del rialzo dei tassi.

Il capo economista Harald Magnus Andreessen di Sparebank 1 Markets lo sottolinea come importante. La formulazione non era inclusa nei dati della precedente decisione di settembre.

Questo è un segno che la Fed sta vedendo la fine. Aumenteranno ulteriormente, scrivono che il mercato del lavoro è ancora molto forte, quindi non dicono che si invertiranno e abbasseranno i tassi di interesse. Ma Andreessen dice che rallenterà, spostandosi forse a 0,5 punti percentuali a dicembre.

Prevedere un aumento dei tassi di interesse

In anticipo, l’aspettativa generale tra gli economisti e nel mercato era che il tasso di interesse sarebbe aumentato di 0,75 punti percentuali.

READ  Bomba Taco: -Triste

Quindi molta tensione tra economisti e investitori è stata collegata ai segnali provenienti dalla Federal Reserve sulla strada da seguire e a ciò che il governatore della Banca centrale Jerome Powell dirà alla conferenza stampa dopo la decisione.

— Powell ha detto alla conferenza stampa che senza la stabilità dei prezzi, l’economia non va bene per nessuno.

La Federal Reserve, guidata dal presidente della Banca centrale Jerome Powell, ha effettuato un altro aumento dei tassi di interesse, più marcato del solito, mercoledì.

Il governatore della banca centrale ha indicato, tra le altre cose, che è probabile che il picco dei tassi sia più alto di quanto previsto in precedenza, sulla base dei dati economici che sono arrivati ​​​​dalla riunione di settembre.

Ad un certo punto, come ho detto nelle ultime due conferenze stampa, sarebbe opportuno rallentare il ritmo degli rialzi mentre ci avviciniamo a tassi di interesse sufficientemente stretti da portare l’inflazione all’obiettivo del 2 per cento.

C’è molta incertezza su questo livello dei tassi di interesse. In ogni caso, abbiamo molta strada da fare, continua Powell.

Allo stesso tempo, Powell afferma che la Fed può tagliare gli aumenti dei tassi già a dicembre o gennaio.

Arriverà il momento, e può accadere già nel prossimo incontro o nel prossimo. Dice che non è stata presa alcuna decisione.

La crescita dei prezzi è ancora elevata

La Federal Reserve, come un certo numero di altre banche centrali, ha aumentato i tassi di interesse a un ritmo rapido nell’ultimo anno.

Ci sono stati aumenti “anormalmente forti” dei tassi di interesse di 0,75 punti percentuali nelle tre riunioni precedenti. Questo è indicato come un triplo aumento, perché è stato tradizionalmente comune aumentare il tasso di interesse di 0,25 punti percentuali alla volta.

READ  Bell e Peters vendono case: vogliono un profitto del 70%.

La crescita vertiginosa dei prezzi era il principale nemico. Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha affermato ripetutamente che farà tutto il necessario per ridurlo.

Il tasso di inflazione statunitense è leggermente sceso all’8,2 per cento a settembre, ma è ancora a un livello molto alto. L’inflazione core, che non include i prezzi di generi alimentari ed energetici, ha chiuso al 6,6%, il livello più alto dal 1982.

La situazione del mercato del lavoro contribuisce anche a gettare le basi per il rapido ritmo degli aumenti. Il mercato del lavoro negli USA è sempre stato teso, con una bassa disoccupazione e una forte crescita salariale, che a sua volta contribuisce alla pressione inflazionistica.

La preoccupazione, d’altro canto, è che un inasprimento troppo rapido dei tassi di interesse possa contribuire a una deflazione più forte di quella necessaria per controllare l’inflazione dei prezzi.

L’economista capo dell’E24 con cui ha parlato prima della decisione ha notato che attualmente ci sono pochi segnali che i tassi di interesse stiano iniziando a influenzare l’economia statunitense, ma il settore immobiliare è l’unico luogo in cui si stanno effettivamente mostrando segni di deflazione.