lunedì, Luglio 15, 2024

– Un tipo di lotteria del bingo – E24

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

NBBL critica i nuovi prezzi del teleriscaldamento. – Aiuta solo le aziende, non i consumatori, afferma Bard Folke Frederiksen, CEO di NBBL.

Pubblicato:

La Direzione norvegese delle risorse idriche e dell’energia (NVE) propone un nuovo sistema di prezzi per il teleriscaldamento.

Secondo NVE, un nuovo elemento fisso di 50 euro per kilowattora proteggerà le società di teleriscaldamento da periodi di prezzi dell’elettricità bassi o negativi.

NVE cambierà anche il modo in cui vengono calcolati i sussidi elettrici per i clienti del teleriscaldamento.

L’organizzazione dei consumatori Norske Boligbyggelag (NBBL) teme che ciò possa influenzare i clienti.

– Sono profondamente preoccupato, afferma il leader della NBBL Bard Folke Frederiksen.

– Non è del tutto certo cosa dovranno pagare ora i clienti del riscaldamento centralizzato. Sembra che nei periodi di prezzi elevati dell’elettricità pagheranno molto di più rispetto ai consumatori di elettricità, perché il meccanismo di protezione per i prezzi superiori a una corona è solo del 40%. Secondo lui sarebbe troppo discriminatorio.

Ritiene che i clienti del riscaldamento centralizzato spesso si sentano bloccati nel sistema e che ci sia molta incertezza su ciò che dovranno pagare.

– Sarebbe quasi una sorta di lotteria bingo sul conto. Capisco che NVE abbia cercato di suggerire qualcosa di più prevedibile suggerendo una sorta di terreno. Frederiksen afferma che questo aiuta solo le aziende, non i consumatori.

– Drammaticamente

NVE propone di proteggere i clienti del teleriscaldamento dai prezzi più alti quando il prezzo dell’elettricità supera una corona per kilowattora. Al di sopra di questo livello devono pagare solo il 40% dell’aumento di prezzo.

In confronto, i consumatori di elettricità ricevono il 90% della quota del prezzo dell’elettricità, che in singole ore supera i 73 euro per kilowattora.

– Se il prezzo spot su base mensile è, ad esempio, di tre corone per kilowattora, la differenza di prezzo tra il cliente dell’elettricità e il cliente del riscaldamento centralizzato sarà superiore a una corona per kilowattora. In questo caso, NVE propone di ritirare i sussidi per l’elettricità per i clienti del teleriscaldamento. È drammatico, dice Frederiksen.

Questa foto proviene dal sistema di teleriscaldamento di un'associazione edilizia di Bergen.

– molto felice

Il settore del teleriscaldamento è più soddisfatto. Ritengono che la prevedibilità sia essenziale per espandere ulteriormente la rete di teleriscaldamento e alleggerire il sistema energetico.

– Siamo molto lieti in tutto il settore di avere una proposta. È giunto il momento, afferma all’E24 il direttore generale dell’Oda Therese Gebling del Norsk Fjernvarme.

– La prevedibilità dei prezzi è necessaria se si vogliono investire nel teleriscaldamento in modo da poter allentare la rete elettrica. Secondo lei ci sono ancora molti ostacoli che impediscono all’industria di investire in questo settore.

– Qual è il problema con il sistema attuale?

– Il problema più grande è che non si sa cosa si può guadagnare fornendo il teleriscaldamento. Se l’industria scommetterà, gli investitori vogliono sapere se ciò ripagherà. L’industria del teleriscaldamento ha dovuto coprire essa stessa l’indennizzo, a differenza dell’industria energetica, spiega Gebling.

READ  Diminuzione della domanda di mutui – E24

– Ciò costò all’industria circa tre miliardi di corone norvegesi in questo periodo e rese difficile sapere se ci sarebbe stata redditività in futuro. Il problema è che il riscaldamento centralizzato non può generare guadagni quando i prezzi sono bassi. Dobbiamo valutare se ciò è sufficiente in questa nuova proposta. Dipendiamo dalla prevedibilità.

Oda Therese Gebling è il direttore generale dell'organizzazione industriale Norsk Fjernvarme.

Felice di questo suggerimento

La società energetica municipale Lyse di Rogaland ritiene che la proposta NVE offra un potenziale di previsione per ulteriori investimenti nel teleriscaldamento nella regione di Stavanger.

Emond Nygaard è il direttore della compagnia energetica Lyse a Rogaland.

L’azienda afferma di aver protetto i propri clienti dai prezzi elevati, poiché il prezzo massimo è compreso tra 125 e 150 euro per kilowattora.

“Abbiamo pensato che fosse ingiusto che i clienti del riscaldamento centralizzato ottenessero tariffe molto più alte quando i nostri costi (a differenza dell’elettricità) non aumentavano di conseguenza”, ha scritto Lyse in una e-mail a E24.

“Allo stesso tempo, per noi era un grosso rischio perché non potevamo coprire i nostri costi se il prezzo dell’elettricità fosse diventato troppo basso. Ecco perché abbiamo proposto un prezzo massimo, ma anche un prezzo minimo”, ha scritto Lees.

L’azienda voleva anche poter vendere il riscaldamento centralizzato a un prezzo fisso e intendeva ottenere il sostegno di NVE.

“Siamo così felici che NVE abbia ascoltato ciascuno di questi input”, ha scritto Lees.

“La proposta di NVE garantisce prevedibilità e facilita ulteriori investimenti nel teleriscaldamento nella regione di Stavanger, dove stiamo ora costruendo una nuova strada”.

Una versione precedente del caso si riferiva erroneamente al direttore generale di Norsk Fjernvarme come direttore ad interim. L’ordine è stato corretto il 22 giugno alle 23:57.

More articles

Latest article