Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Un vecchio che ama la storia

Non è certamente il solo in questa faccenda, ma l’anziano dittatore russo è quasi ossessionato dalla storia. Nel discorso di Putin sullo stato del Regno non sono mancati fili e collegamenti storici (piuttosto aridi).

Putin, che ha quasi 72 anni, è così preoccupato per la storia che tutto ciò che fa può essere interpretato come un risultato della storia – sì, e di più: Putin è uno strumento della storia. Metterlo in Lui è la storia.

Il fatto che qualcosa sia accaduto nell’VIII secolo è indicativo di ciò che accade oggi. Le massicce uccisioni sul fronte nell’Ucraina orientale sono una necessità storica; A proposito della “Russia eterna”.

Come per molti altri uomini ossessionati dalla storia – sì, probabilmente si tratta principalmente di uomini – questa è storia NO Una miscela di eventi, narrazioni, miti e giustificazioni post-razionali, al contrario: leggono e pensano, ed emergono modelli pericolosi e complessi. Tutto è connesso a tutto.

Poiché ciò accadde nell’ottavo secolo, doveva accadere nel diciannovesimo secolo, ed è per questo che siamo dove siamo adesso.

Come un bel tiro sul tavolo da biliardo. Clic clic clic e direttamente nel foro sull'altro lato.

Ma la storia, ovviamente, non è così. Permettetemi di citare un professionista sfacciato (e devo umilmente aggiungere un collega professionista) in modo sarcastico:

“La storia è un po’ come le scorie nucleari: sono estremamente pericolose nelle mani sbagliate e dovrebbero essere gestite solo da professionisti qualificati”.

Illustrazione: Rohr Hagen.

Putin sa e non sa cosa fare. Sa che la storia è uno strumento molto adatto alla demagogia. Molte persone desiderano connessioni e fili comuni e hanno paura dell’idea di un gioco d’azzardo.

READ  Ashton Kutcher: - Così doloroso

È profondamente radicato in noi il bisogno di una narrazione esaustiva, qualcosa che ogni figura autoritaria ha saputo sfruttare. La nazione stessa è un tale romanzo. Spesso sotto forma di un’età dell’oro nazionale che deve essere ricreata. Negli Stati Uniti la storia si chiama “Make America Great Again” – e la parola chiave è ancora una volta. Qualcosa si è perso lungo la strada.

Lo slogan della Brexit “Take Back Control”, con l’enfasi narrativa sulla parola “indietro”, ha funzionato in modo simile. Inizialmente lo slogan avrebbe dovuto essere “Controllo”, ma Dominic Cummings, l'esperto di propaganda della Brexit, ha capito quello che potremmo chiamare il “potenziale nostalgia”.

Per prendere qualcosa dietro Si sente più forte che prendere semplicemente qualcosa.

Questa è anche la posizione di Putin, e la esprime con attenzione. Qualcosa è stato portato via ai russi e la storia non li perdonerà se non cercheranno di ripristinare ciò che era e ciò che è adesso. E l'Ucraina? Non esiste realmente.

Le interpretazioni della storia di Putin sono fondamentalmente del tutto insensate. Più recentemente, il geniale storico Timothy Snyder ha analizzato la lezione di storia del presidente al suo studente confuso (“interlocutore”) Tucker Carlson, mentre lo riceveva al Palazzo dello Zar all'inizio di febbraio.

“Putin ha torto su tutto”Snyder scrive, sottolineando quanto sia pericolosa questa visione della storia e che, se utilizzata da leader potenti e autoritari, può finire in guerre, genocidi e fascismo.

Quindi la domanda è: Putin lo sa? Sa che la sua versione della storia è semplicemente una versione (folle) adattata agli obiettivi politici contemporanei, o crede al suo inganno? È guidato dalla sua capricciosa comprensione del corso della storia, o sta consapevolmente usando la storia come un mito, per inserirvi se stesso?

READ  Ottiene il jet da combattimento F-16 - NRK Urix - Notizie e documentari dall'estero

Ha scritto sulla Russia di Putin che “niente è vero e tutto è possibile”. I leader mentono e la gente lo sa. Ma in questo vuoto di menzogna nasce una nuova produzione di verità: la parola del leader è tutto. Putin, nazione e storia sono la stessa trinità.

Viene creata la dittatura. La guerra è inevitabile. Invadere uno stato vicino che in realtà non esiste diventa una “questione politica interna” e l’Occidente “svanente e morente” non capisce che “l’unità del nostro popolo è una forza formidabile e invincibile”.

Dopo 14 giorni in Russia si terranno le “elezioni”. Un altro inganno pericoloso.

Leggi anche: Putin parla: – Nessuno dovrebbe interferire

Questo è un commento. Il commento esprime la posizione di chi scrive.