Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Una descrizione problematica della “cultura della cancellazione” nel rapporto Kierulf

discussione Kristen Gregers Eriksen

Il rapporto sulla libertà di espressione accademica rileva che una “cultura dell’abolizione” è una minaccia. Tuttavia, l’uso del termine da parte del Comitato Kierulf contribuisce a una possibile identificazione di alcune voci.

Questo testo è un post di discussione. Il contenuto del testo esprime il parere dell’autore.

Candidati il ​​30 marzo Anine Kierulf consulenza del gruppo di esperti per proteggere la libertà di espressione accademica. A pagina 79 possiamo leggere che la cultura dell’abolizione è spesso descritta come un fenomeno di sinistra, e altro ancora:

Un esempio evidenziato è una serie di richieste degli studenti per una “decolonizzazione” del curriculum presso l’Accademia delle arti di Oslo nel 2020. Scala. Esempi di abrogazioni di “destra” includono consigli scolastici conservatori in alcune parti degli Stati Uniti che vietano l’insegnamento della teoria razziale critica e dell’identità di genere.

La decolonizzazione è equilibrata In questo modo con gli attacchi alla Critical Race Theory (CRT) negli Stati Uniti, dove a La strategia principale era quella di imporre la censura agli insegnanti Quindi non possono parlare dei principali eventi storici nella storia del paese come la segregazione razziale nella legislazione di Jim Crow, la tratta degli schiavi e gli abusi contro i popoli indigeni.

sto urlando peccato Introduzione alla decolonizzazione del mondo accademicoE Laddove il sito seguente era uno degli autori principali insieme a un folto gruppo di accademici di un’ampia gamma di discipline, la decolonizzazione è descritta:

Significa decolonizzazione [derfor] Non per escludere la scienza occidentale, ma per aprirsi per ampliare la comprensione della scienza. Pertanto, la decolonizzazione del mondo accademico è un processo che include la democratizzazione della ricerca e il rafforzamento della conoscenza, facendo spazio a più voci, punti di vista e una crescente opposizione. Creare spazio anche per punti di vista e altre forme di conoscenza non significa uguaglianza acritica, ma piuttosto dare le stesse opportunità, da leggere alla stregua dei contributi occidentali e con la stessa valutazione critica del metodo” (p. 20).

Quando l’opuscolo è stato pubblicatoEra un professore di biologia Christian Gundersen è stato uno dei primi a criticare il postE “SAIH è a caccia selvaggia”, ha detto, sottolineando allo stesso tempo di non aver effettivamente letto l’opuscolo.

Sebbene la decolonizzazione sia una richiesta politica per gli studenti, è un’area di ricerca internazionale significativa.

Kristin Gregers Eriksen, professore associato di formazione degli insegnanti (USN)

Gruppo notevole Professori norvegesi accusati di decolonizzazione “minare la conoscenza” in Aftenposten. Nessuno dei professori dietro questa critica lavora in questo campo. Sebbene la decolonizzazione sia una richiesta politica per gli studenti, è un’area di ricerca internazionale significativa.

comeil Comitato Kierulf legittima caratteristiche che cercano di escludere quest’area di ricerca.

Attacco al CRT È stato anche presentato più volte in Norvegia, tra cui il professor Torkel Brekke al Mitte di Oslo. Brekke descrive CRT come “Illiberale”E “militare”e “nessuna conoscenza”. Questo è stato detto ai ricercatori che, a differenza di Brekke, hanno questo come campo “Ci sono poche prove che comprendano cosa sia la teoria critica della razza, per non parlare delle conseguenze accademiche che una tale visione del mondo comporta”.

Quando ero nella discussione Come ricercatore, questa lettera mi ha fatto dubitare di avere un posto nella ricerca, nonostante il comitato di valutazione abbia descritto il mio dottorato di ricerca come un lavoro accademico solido e teoricamente innovativo.

nella bozza Per NOU, un’altra importante voce accademica recentemente difesa si è collocata in una posizione simile. A pagina 79 del NOU si fa menzione di un cosiddetto “difensore civico dei rifiuti”. Forte lavoro di dottorato di Laura Fuhrer Come una sorta di “riabilitazione della biologia razziale”, in piedi incontrastato.

Che piccolo pasticcio Questa critica ha una qualche forma di conoscenza riconosciuta, o non menzionata, quanto sia importante il lavoro del Fuhrer sul significato sociale del colore della pelle in Norvegia in un’area in cui sono state richieste ulteriori ricerche in Norvegia.

Perché non è menzionato? Questa “cancellazione”, in cui gli accademici in una posizione definiscono la ricerca peer-reviewed e riconosciuta a livello internazionale dei loro colleghi come “non scientifica” e “minacciata” nella NOU?

Questo è particolarmente pericoloso Perché questa astrazione è spesso diretta a voci e punti di vista che rappresentano la prospettiva delle minoranze e dei popoli indigeni e/o fanno luce sull’ingiustizia sociale e sul razzismo.

A Lisa Iswhelm Knudsens Un’eccellente analisi del razzismo e della libertà di espressione nel discorso pubblico in Norvegia, è chiaro come il mito della “cultura dell’abolizione”, usato come attacco alle legittime lotte delle minoranze per i diritti, contribuisca all’identificazione di queste voci come “irrazionali” .

su simili Alla luce delle descrizioni del Comitato Kierulf, facilita uno spazio accademico limitato per quelli di noi che lavorano accademicamente in questi campi.

Leggi anche:

Segui altre discussioni nel mondo accademico sulla pagina delle opinioni di Khrono

READ  Onestamente, Trin Rin | Onestamente: Train Rain (51)