Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Una “persona chiave” è stata arrestata ad Haiti, mettendo in dubbio l’interpretazione delle autorità تفسير

La notte prima di mercoledì della scorsa settimana, il presidente haitiano Jovenel Moise è stato assassinato nella sua casa. Secondo la polizia, 28 persone hanno fatto irruzione nell’edificio di massima sicurezza prima di sparare e uccidere il presidente e ferire sua moglie.

Secondo la polizia, un totale di 28 “killer professionisti” hanno fatto irruzione nella proprietà del presidente Jovenel Moise. Finora sono state arrestate 21 persone, tra cui due cittadini statunitensi. Inoltre, 18 sospetti provengono dalla Colombia, molti dei quali sono ex soldati d’élite.

Almeno 18 dei detenuti provengono dalla Colombia. Foto: Estailove St. Val / REUTERS

Lunedì sera, un’altra persona è stata arrestata con l’accusa di avere un ruolo chiave nella pianificazione dell’omicidio. Libri: il dottor Christian Emmanuel Sanon è descritto come una “figura chiave” con “motivazioni politiche” Washington Post.

– È arrivato in aereo privato a giugno per motivi politici. Il capo della polizia haitiana Leon Charles ha detto di aver chiamato un servizio di sicurezza speciale per reclutare le persone che hanno commesso questo crimine BBC.

Voleva essere presidente

Sanon è nato ad Haiti, ma negli ultimi anni ha vissuto in Florida, dove ha lavorato come medico, scrive Il New York Times. Ha sempre avuto ambizioni politiche e ha contattato un servizio di sicurezza privato in Florida per ottenere protezione prima di recarsi ad Haiti.

Secondo la polizia, Sanon voleva arrestare Moyes e affermarsi come presidente. Si dice che la missione sia cambiata bruscamente, che secondo la polizia ha portato al tentato omicidio di Moyes, scrive. Miami Herald.

“Quando la polizia ha fermato i piani di questi ladri dopo l’omicidio, Christian Emmanuel Sanon è stata una delle prime persone che gli assassini hanno contattato”, ha detto il capo della polizia haitiana Leon Charles.

Il capo della polizia Leon Charles ne identifica due

Il capo della polizia Leon Charles identifica due “menti” dietro l’attacco. Foto: Valerie Pereswell/AFP

La polizia ha perquisito la casa di Sanon ad Haiti, dove ha trovato grandi quantità di armi e munizioni e quattro targhe di immatricolazione della Repubblica Dominicana, il paese vicino ad Haiti.

– Gli autori hanno anche contattato altre due persone che riteniamo essere le menti del tentato omicidio del presidente, continua Charles. Non vuole dire chi siano queste “menti”.

dubito della spiegazione

Sebbene la polizia abbia arrestato diverse persone nel caso, hanno ancora più domande che risposte. Ad Haiti sempre più persone sono scettiche sull’intervento colombiano, e forti sono i dubbi sull’interpretazione delle autorità.

Molti sottolineano che gli autori sono entrati nella residenza presidenziale, pesantemente sorvegliata, quasi senza resistenza. Nonostante le rigide misure di sicurezza, solo il presidente e sua moglie sono stati uccisi. Gli investigatori stanno ora indagando se le forze di sicurezza haitiane siano state coinvolte nel caso.

Gli investigatori stanno raccogliendo prove fuori dalla residenza presidenziale.  Le forze di sicurezza del presidente saranno ora indagate.

Gli investigatori stanno raccogliendo prove fuori dalla residenza presidenziale. Le forze di sicurezza del presidente saranno ora indagate. Foto: Valerie Pereswell/AFP

Il principale politico dell’opposizione di Haiti, Stephen Benoit, è tra coloro che credono che qualcosa non vada bene.

La storia è semplicemente priva di significato. Com’è possibile che non sia stato sparato a un solo addetto alla sicurezza nella residenza presidenziale, o che un solo graffiato? Come ha raccontato al New York Times.

Benoit osserva inoltre che i colombiani della residenza presidenziale non hanno scelto di fuggire dal paese, ma sono rimasti ad Haiti dove sono stati arrestati o uccisi.

– Diverse cose strane

Johan Hendahl, consigliere senior per gli aiuti della Chiesa norvegese, sta lavorando a stretto contatto con Haiti e segue da vicino la situazione. Crede che il gioco del potere politico del paese renda impossibile accertare cosa sia realmente accaduto.

Al giorno d’oggi è impossibile dire cosa sia vero, ci sono molti interessi diversi e ognuno ha la sua agenda. Dovremo aspettare per ulteriori informazioni, dice Hendal.

Johan Hendahl è Senior Counsel presso Norwegian Church Aid e lavora a stretto contatto con Haiti.

Johan Hendahl è Senior Counsel presso Norwegian Church Aid e lavora a stretto contatto con Haiti. Foto: Aiuto della Chiesa Norvegese

Hindal ritiene che la già sconcertante situazione nel paese sia diventata più caotica dopo l’assassinio.

– Ci sono molte cose strane in questa storia. Il presidente Moyes era molto sotto pressione, ed era verso la fine del suo mandato. Aveva annunciato che si sarebbe dimesso l’anno prossimo, dopo di che ci si potrebbe chiedere perché questo sia successo ora, dice il capo del consiglio.

Dice che ci sono una serie di domande che rimangono senza risposta dopo l’assassinio mortale della scorsa settimana.

Con il dispositivo utilizzato per compiere questo omicidio, è difficile immaginare chi ci fosse dietro. Chi ha le risorse per fare una cosa del genere? Come hanno potuto entrare nel paese così facilmente?

Caos e violenza

Haiti è stata a lungo afflitta da violenza, povertà e disordini politici e l’assassinio del presidente ha fatto ben poco per arginare la marea.

– Questo porta ad una situazione ancora peggiore per la maggioranza povera della popolazione, che si trova già in una situazione molto difficile. Secondo le Nazioni Unite, più di quattro milioni di persone ad Haiti avranno bisogno di aiuti di emergenza nel 2021, osserva Hendal.

In assenza di un presidente, ad Haiti è ora scoppiata una lotta per il potere politico, con quattro diverse persone che affermano di aver governato il paese.

Tra questi c’è il primo ministro ad interim Claude Joseph, una figura impopolare nella sua patria. Ora chiede sostegno militare agli Stati Uniti e alle Nazioni Unite, temendo che la violenza si diffonda ulteriormente.

Il leader della banda più potente di Port-au-Prince, Jimmy “Barbecue” Schreizer, esorta le persone a usare la “violenza legittima” alla luce del tentato omicidio del presidente.

“Vogliamo giustizia per questo vile tentativo di assassinio da parte di assassini stranieri”, ha detto Schrezer in una nota. video Inserito domenica.

Il capobanda Jimmy Scherezer, meglio conosciuto come The Barbecue, invoca la violenza per le strade di Haiti.

Il capobanda Jimmy Scherezer, meglio conosciuto come The Barbecue, invoca la violenza per le strade di Haiti. Foto: Reynald K. Petty Freer/Reuters

Anche altri capi di bande della città sono invitati a partecipare alle violenze.

– Se ci sparano, sai cosa fare. Non siete bambini, dice Cherizier.

Le bande criminali stanno rispondendo alla chiamata bloccando le strade e ostacolando le forniture di benzina in gran parte del paese. Finora più di 13.000 persone sono state costrette a fuggire dalla capitale e Hindal dipinge un quadro desolante della situazione nel Paese.

– È una situazione terribile e brutta nelle città, allo stesso tempo vediamo che le persone nelle campagne muoiono di fame. Hindal afferma che diverse migliaia di residenti delle aree metropolitane sono stati costretti a lasciare le loro case perché non possono uscire e non andare a lavorare.

Domenica, centinaia di persone si sono presentate davanti all’ambasciata degli Stati Uniti a Port-au-Prince, in cerca di asilo. Gli investigatori statunitensi sono ora in viaggio per Haiti, ma ci sono poche indicazioni che la situazione migliorerà immediatamente.

READ  Jill e Joe Biden: - Toglie il velo al matrimonio