martedì, Luglio 16, 2024

Una rivista medica stima 186.000 morti a causa della guerra nella Striscia di Gaza – NRK Norvegia – Una panoramica delle notizie da varie parti del paese

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

La rivista medica Lancet La settimana scorsa è stato pubblicato un articolo in cui tre ricercatori discutevano del numero di morti e feriti nella guerra a Gaza.

Secondo le autorità sanitarie palestinesi, dal 7 ottobre sono state uccise quasi 40.000 persone nella Striscia di Gaza.

Anche se la guerra finisse oggi, il bilancio delle vittime aumenterebbe in futuro. La ragione di ciò è che il numero di persone uccise direttamente nella guerra nella Striscia di Gaza è molto maggiore di quelle uccise direttamente.

I ricercatori di The Lancet affermano che non è improbabile che il numero reale raggiunga più di 186.000. Si tratta di circa il 10% della popolazione.

La lettera ha avuto un’ampia diffusione sui social media sin dalla sua pubblicazione. Gli autori affermano che questo è il caso Stime.

– Finora non ci sono stati morti, come hanno riferito alcuni. È probabile che si siano verificati un numero di decessi che potrebbero verificarsi in futuro, ha scritto il ricercatore Martin McKee per NRK.

Persone uccise dal 7 ottobre 2023

fonti: Autorità sanitarie controllate da Hamas a Gaza/UNOCHA/Autorità israeliane

Prenotazioni:
I dati emessi dalle autorità sanitarie controllate da Hamas a Gaza non fanno distinzione tra civili e combattenti e potrebbero essere ritardati di volta in volta. I dati delle autorità israeliane mostrano che circa 1.200 civili e soldati sono stati uccisi a seguito dell’attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre 2023. Dal 27 ottobre 2023 sono stati uccisi anche 287 soldati israeliani. Nessuno di questi numeri è stato confermato da fonti indipendenti. I numeri palestinesi vengono aggiornati quotidianamente. I dati provenienti da Israele vengono aggiornati almeno due volte a settimana.

READ  La Russia aderisce alla NATO:-

Conteggio con “morti indirette”

L’articolo si basa sul discorso delle autorità sanitarie di Gaza, sostenuto dall’Organizzazione mondiale della sanità e dalle Nazioni Unite.

La ragione per cui i loro calcoli differiscono da quelli delle autorità sanitarie è che contano anche le “morti indirette”.

Ci sono persone che muoiono anche a causa di malattie, malnutrizione o mancanza di infrastrutture vitali a causa di conflitti futuri.

Nei conflitti testimoniati negli ultimi anni, le morti indirette hanno variato da tre a 15 volte il numero delle morti dirette, come hanno scritto nel rapporto i ricercatori Rasha Al-Khatib, Martin McKee e Salim Youssef.

NRK è stata in contatto con gli autori, che hanno affermato di non voler commentare ulteriormente la questione.

Hanno utilizzato una stima di quattro morti indirette per Morti dirette. Credono quindi che il bilancio finale delle vittime sarà molto alto a causa della massiccia distruzione.

– Distruzione delle infrastrutture, grave carenza di cibo e acqua, mancanza di ripari, capacità limitata di fuga dei residenti e perdita di finanziamenti. UNRWA.

Un uomo riceve cure in un ospedale di Khan Yunis il 9 luglio.

Foto: Jihad Al-Sharafi/AFP

Nadav Shoshani, portavoce dell’esercito israeliano, afferma che non esiste alcun vincolo sui debiti dei ricercatori.

“La loro conclusione deve essere respinta con la massima fermezza”, ha scritto su X.

– L’IDF ha superato i requisiti del diritto umanitario nel ridurre al minimo i danni ai civili nella zona del conflitto. Questo viene costantemente eliminato da questo messaggio.

Le Nazioni Unite e la Corte internazionale di giustizia hanno dichiarato in diverse occasioni che la situazione umanitaria nella Striscia di Gaza è catastrofica e che Israele deve agire.

Leggi di più sull’articolo qui:

Almeno

Erik Vos, uno dei medici norvegesi che hanno lavorato nella Striscia di Gaza dallo scoppio della guerra, non è sorpreso da questa stima.

Ha visto in prima persona come le autorità sanitarie della Striscia di Gaza raccolgono i numeri riportati.

– Penso che 38mila morti siano il minimo. Molte autorità sanitarie non hanno una visione d’insieme.

Non ha dubbi che il numero effettivo delle vittime e di coloro che moriranno in guerra siano molto più alti.

Eric Voss

Eric Voss è un medico di Norwalk e ha contribuito più volte a denunciare il numero di morti alle autorità sanitarie di Gaza.

Foto: Vegard Unger Elefsen

– È frequente che il numero dei morti in guerra venga sottostimato. Ma non abbiamo mai visto una società in cui il sistema sanitario è così distrutto e così tante persone fuggono:

– È importante segnalare il numero delle vittime, ma questa è chiaramente una piccola parte del problema. Le parole non dicono nulla della situazione che le persone stanno vivendo.

– Non otterremo un numero reale

– C’è tutta una serie di bisogni sanitari che in questo momento non vengono soddisfatti a Gaza. Ciò causerà la morte di un numero enorme di persone. Quindi questo non mi sorprende.

È quanto afferma Lindis Hurum, segretario generale di Medici Senza Frontiere.

Mette in guardia dall’attaccarsi troppo al numero delle persone uccise nella Striscia di Gaza, perché senza giornalisti e ricercatori indipendenti ci sarà un numero errato di persone che soffriranno.

– Chi sarà ritenuto responsabile? Le persone sono impegnate a sopravvivere e a soffrire. Non ci sono tombe, né ospedali, né obitori funzionanti. Persone sotto le loro case.

Lindis Hurum

Lindis Hurum è segretario generale di Medici Senza Frontiere. Dice che negli ultimi due mesi all’organizzazione non è stato permesso di scaricare un camion che trasportava aiuti di emergenza.

Foto: Francesco Zizzola/Francesco Zizzola/Noor

In un post su Instagram chiede alla gente di smettere di contare i morti nella Striscia di Gaza. Pensa che questo semplifichi quello che sta succedendo lì.

-Il numero è spesso preso come un dato di fatto. È chiaro che nessuno conosce ancora il numero esatto dei morti a causa della guerra:

– Ma nessuno può dubitare che ci siano migliaia di persone che sono morte e perderanno la vita.

“Il giorno in cui ci sarà un cessate il fuoco e si otterrà il numero dei sopravvissuti, si otterrà il numero reale delle vittime della guerra”, afferma Horum.

Sappiamo quante persone si trovavano nella Striscia di Gaza prima che iniziasse la guerra. Quindi solo a guerra finita bisogna fare calcoli soddisfacenti.

Non chiamo i soccorsi da due mesi

Lo scorso febbraio, Michael Fakhri, relatore delle Nazioni Unite sul diritto al cibo, ha affermato che le forze di difesa israeliane stavano deliberatamente affamando il popolo palestinese.

L’esercito israeliano non ha risposto al debito.

Secondo il Programma Alimentare Mondiale (WPF), 2,15 milioni di persone a Gaza soffrono di un livello critico di carenza alimentare.

Riferiscono che il 96% dei palestinesi si trova ad affrontare una grave carenza di cibo.

Un bambino guarda direttamente nella telecamera, da sopra la spalla di una donna.  Una delle braccia del bambino pende sulla spalla della donna.  Il bambino è chiaramente denutrito, molto magro, con i capelli biondi pettinati di lato e grandi occhi scuri.

Un bambino malnutrito guarda nella telecamera dell’ospedale Nasser di Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza, l’8 luglio 2024.

Fotografia: Muhammad Salem/Reuters

La necessità di aiuti d’emergenza nella Striscia di Gaza è sempre stata grande, anche prima dello scoppio della guerra in ottobre. Horum di MSF afferma che non è stato loro permesso di far entrare i camion negli ultimi due mesi.

È necessario un cessate il fuoco immediato

The Lancet è una rivista medica riconosciuta. Nel rapporto, i ricercatori Rasha Al-Khatib, Martin McKee e Salim Youssef hanno scritto che è necessario un cessate il fuoco immediato.

Lo stesso vale per la fornitura di medicinali, acqua, acqua pulita e altre cose necessarie a soddisfare i bisogni umani fondamentali.

I ricercatori scrivono anche che ritengono necessario documentare la reale portata della sofferenza umana nella Striscia di Gaza.

– Questo è fondamentale per garantire la responsabilità storica. Anche questo è un requisito legale, scrivono, e sottolineano le misure presentate dalla Corte internazionale di giustizia a gennaio.

La corte ha chiesto a Israele di adottare misure immediate per fornire servizi di base e aiuti umanitari ai residenti di Gaza.

La corte ha anche affermato che esiste il “rischio” che Israele violi i diritti stabiliti nella Convenzione sul genocidio.


È necessario JavaScript per riprodurre la clip audio “Il tempo di Biden è scaduto?”.




10.07.2024 alle 10.26



07.10.2024 ore 12:46

More articles

Latest article